15.4 C
LECCE
giovedì, ottobre 19, 2017

13/6 Fashion Holidays On The Road

12653586 - asphalt road in green meadow belarus golden sunset

Emozioni in Movimento 

Il viaggio Leuca – Sassari della Crew di Fashion Holidays 8 raccontato live sulla pagina Facebook di Fashion Holidays Italia

 

L’appuntamento è per Martedì 13 Giugno 2017
su @fashion.holidays.italia

 

 

IL FORMAT

Ditutto, in occasione dell’evento Nazionale “Fashion Holidays 8 Village” che realizzerà – in collaborazione con la White Fashion – al Villaggio Rasciada di Castelsardo (Ss) dal 14 al 21 giugno 2017, ha ideato e messo in campo un nuovo format:  “Fashion Holidays On The Road” che racconterà, in diretta e in differita, con foto e video, il viaggio della Crew di Fashion Holidays8 da Leuca a Sassari.

Emozioni, curiosità, paesaggi e tanto altro ancora sarà condiviso con gli utenti internet che vorranno seguire il viaggio della Crew sulla pagina Facebook ufficiale @fashion.holidays.italia

CURIOSITÀ

Nell’auto ufficiale di  “Fashion Holidays On The” Road sarà installata una videocamera che riprenderà la Crew durante l’intero viaggio e le cui immagini saranno inserite nel video racconto “Fashion Holidays On The Road – il Viaggio” che sarà prodotto al termine dell’evento.

– official sponsor –

– official carrier .

banner_mpm_v

 

– internet service –

alternatyva_b&c

 – media partners –

 – zoom –

SASSARI. 14-21/6 Fashion Holidays Village – Sardegna

SASSARI. 17/6. “Un giorno da Modella per Fashion Holidays Italia” sarà l’evento cool di Fashion Holidays 8 al Villaggio Rasciada Club di Castelsardo

Villaggio Rasciada Club: prenota la tua vacanza in Sardegna in occasione di Fashion Holidays 8

 

Parlano dell’evento

 

Fai.Informazione

http://fai.informazione.it/7CA1264B-D07B-46C8-843D-9410EF63EA73/Arriva-Fashion-Holidays-On-The-Road-Emozioni-in-Movimento

Notizie Nazionali

http://www.notizienazionali.net/notizie/costume-e-societa/15970/arriva-fashion-holidays-on-the-road—emozioni-in-movimento

EmusicBlog

http://www.emusicblog.it/2017/03/27/arriva-fashion-holidays-on-the-road-emozioni-in-movimento/

Le News

http://www.lenews.info/2017/03/arriva-fashion-holidays-the-road-emozioni-movimento/

Metropolino

http://www.metropolino.com/news/fashion-holidays-di1.php

Lombardia Press 

http://www.lombardiapress.it/lombardiapress/portale/index.php?com=13270

 

Sushi Disco & Reggaeton

http://sushidiscoreggaeton.com/post/158886931083/arriva-fashion-holidays-on-the-roadmore

Clubbing Italy

http://clubbingitaly.com/post/158886923188/arriva-fashion-holidays-on-the-road-more

Informazione.eu 

http://spettacoli.informazione.eu/notizie/4541_arriva-fashion-holidays-on-the-roademozioni-in-movimento

Infonotizie

http://www.infonotizie.com/articolo/14325:arriva_fashion_holidays_on_the_road_-_emozioni_in_movimento

AllaDiscoteca

http://alladiscoteca.over-blog.it/2017/03/arriva-fashion-holidays-on-the-road-emozioni-in-movimento.html

Fashion Clubbing

http://fashionlclubbing.blog.kataweb.it/2017/03/27/arriva-fashion-holidays-on-the-road-emozioni-in-movimento/

 

Proiezione “L’amante perfetta” a Cinecittà World

 

E’ tornato dietro la macchina da presa il regista Pierfrancesco Campanella, noto al pubblico per film thriller molto discussi come “Bugie rosse” e “Cattive inclinazioni”. Stavolta Campanella si è cimentato nel cortometraggio “L’amante perfetta”. L’anteprima romana del corto si è tenuta l’altro giorno al Teatro 4 di Cinecittà World, nell’ambito della prestigiosa manifestazione “Saturno Film Festival”.

L’amante perfetta”, una produzione di Angelo Bassi per Mediterranea Productions, è la storia di un giovane dei giorni nostri, costretto a vivere di espedienti, che ha un “particolare” rapporto con una velenosissima vedova nera, che custodisce illegalmente in casa, al punto da trascurare la compagna. Quando però il ragno sparisce dalla sua teca, il protagonista entra in crisi fino alle conseguenze più estreme. Un’opera molto originale, decisamente sopra le righe: in pratica una metafora dei giorni nostri, dove i rapporti umani sono sacrificati dall’uso sconsiderato dei moderni mezzi di comunicazione.

I protagonisti del lavoro sono la splendida top-model internazionale Alessia Piovan, che vanta già diverse prove sul grande schermo (ad esempio il film “L’amore fa male”), la modella proveniente dall’est Magda Lys e il promettente attore Nicholas Gallo. Quest’ultimo, bellissimo e molto bravo, è figlio d’arte (i suoi genitori sono il produttore cinematografico Enzo Gallo e l’attrice e regista Mirca Viola).

Nicholas non è però il solito figlio d’arte che sfrutta il nome e le conoscenze dei genitori famosi: ha alle spalle anni di studio e di gavetta prevalentemente in teatro, senza disdegnare cinema e televisione. Presenti all’anteprima, tra gli altri, oltre naturalmente a Pierfrancesco Campanella e al principale interprete maschile, anche lo sceneggiatore Lorenzo De Luca (che ha firmato in passato molti film campione di incasso con Massimo Boldi e Christian De Sica), il montatore Aniello Grieco, il supervisore artistico Laura Camia, gli autori delle riprese del backstage Dimitri Sassone e Alessandra de Ruggiero, l’attore Massimiliano Toti (vice campione mondiale di body building), il capo elettricista Alessandro Picchi.

Una citazione particolare per la bravissima attrice Luciana Frazzetto che nel corto si sente ma non si vede, essendo la spiritosissima voce guida che accompagna il racconto cinematografico. Assenti giustificate le due protagoniste femminili: la Piovan si trova negli Stati Uniti per lavoro, la Lys latitante per motivi di salute.

Ospiti speciali l’attore-imprenditore Luca Datti, l‘attrice Ornella Giusto, il giornalista Antonello De Pierro, il regista Claudio Sestieri.

Al termine della visione, tutti i numerosi  intervenuti, insieme a Mariella Li Sacchi ed Amedeo Letizia, ideatori del “Saturno Film Festival” e al coordinatore Enzo Toto, si sono trattenuti per un brindisi di rito nella sala “Pezzi da Oscar”, creata dai fratelli Guido e Maurizio De Angelis, per gli amanti della “settima arte”.

L’amante perfetta”, cosa insolita per un corto, uscirà presto nelle sale cinematografiche di tutta Italia in abbinamento al docufilm lungometraggio  “I love… Marco Ferreri” dello stesso Pierfrancesco Campanella. Un sentito omaggio, quest’ultimo, al grande cineasta scomparso vent’anni fa e non abbastanza ricordato, in quanto testimonial di un cinema troppo scomodo e corrosivo. In fondo “L’amante perfetta”, commedia nera, dai toni surreali e grotteschi, in qualche modo si riallaccia alle tematiche care a Marco Ferreri.

————-

Angelo Bassi presenta

L’AMANTE PERFETTA

 

un corto diretto e realizzato da Pierfrancesco Campanella

 prodotto da Mediterranea Productions

 Interpreti: Nicholas Gallo – Alessia Piovan – Magda Lys

con la partecipazione di Franca Di Meglio e con la voce narrante di Luciana Frazzetto

genere: black-comedy – visto censura: 2017 – durata 12’

PLOT:  Un giovane che vive di espedienti custodisce in casa, illegalmente,  un ragno velenosissimo con cui ha un rapporto forse più affettuoso di quello che ha con la compagna. Quando non lo trova più nella sua teca, finisce con l’impazzire.

Una commedia grottesca con atmosfere surreali per una metafora della nostra attuale società, dove regnano solitudine e alienazione, e nella quale è più facile affezionarsi a un animale pericoloso che non alle persone che abbiamo intorno.

  • SOGGETTO: Lorenzo De Luca
  • SCENEGGIATURA: Pierfrancesco Campanella – Lorenzo De Luca
  • FOTOGRAFIA: Roberto Meddi
  • MONTAGGIO: Aniello Grieco
  • MUSICHE: Alfredo Bonomo
  • ART DIRECTOR: Stefano Giovani
  • FONICO: Diego Gualino
  • MIX: Gianfranco Tortora
  • TRUCCO: Giovanna Carchia
  • AIUTO REGIA: Marco Cervelli
  • ASSISTENTE REGIA: Angelica Gallo
  • SEGRETARIO EDIZIONE: Matteo Mascotto
  • ASSISTENTE AI COSTUMI: Giovanni Schiera
  • QUADRI DI SCENA: Mario D’Imperio
  • REGIA: Pierfrancesco Campanella

Opera realizzata col patrocinio della Regione Lazio

———

biografia breve

PIERFRANCESCO CAMPANELLA

Nato a Roma il 16-12-1965, dopo aver conseguito la maturità scientifica, si è laureato in Giurisprudenza. Appassionato di spettacolo sin da piccolo, ha debuttato come attore nel film “La veritàààààà” di Cesare Zavattini. Dopo molteplici altre esperienze sia teatrali che televisive e cinematografiche, ancora giovanissimo ha prodotto il suo primo film. Si tratta di “Cattivi Pierrot”, da lui anche scritto e interpretato, distribuito nelle sale cinematografiche col titolo modificato in “La trasgressione”. Altre pellicole da lui prodotte e dirette: “Strepitosamente… flop” (una distribuzione mondiale Sacis/Rai con Dalila Di Lazzaro e Donatella Rettore), “Bugie rosse” (con Alida Valli, Lorenzo Flaherty e Natasha Hovey, distribuito dalla Warner Bros) e “Cattive inclinazioni” (con Eva Robin’s, Florinda Bolkan, Franco Nero e Mirca Viola, distributo dalla Sony/Columbia Tristars), oltre al mini-film “Taglia corto!” (con Elisabetta Rocchetti, prodotto da Bell Film con distribuzione AB Films). Recentemente ha realizzato il cortometraggio “Solitudini pericolose” e i documentari “La città d’acqua” (con Mediterranea Productions) e “28… ma non li dimostra” (con Cinedea), affidandone la regia all’emergente Emanuele Pecoraro. Parallelamente all’attività di autore e produttore in proprio, Pierfrancesco da molti anni mette a disposizione la sua esperienza nel mondo del cinema, collaborando a vario titolo con le più accreditate case cinematografiche italiane, in qualità di consulente artistico e/o produttivo. Si dedica anche all’attività giornalistica, scrivendo per diverse testate, in particolare sulla nota rivista cartacea di collezionismo musicale “Raropiù”. I suoi ultimi lavori da regista sono il corto “L’amante perfetta” (prodotto da Angelo Bassi) e il docufilm lungometraggio “I love… Marco Ferreri”, dedicato alla memoria del grande regista de “La grande abbuffata”, con produzione Cinedea.

 

ROMA. Anteprima LA BATTAGLIA DEI SESSI: al Cinema Adriano tutti i protagonisti

 

Era molto attesa dalla comunità LGBT romana, l’anteprima nazionale de La Battaglia dei Sessi, l’ultimo lavoro della 20th Century Fox diretto dagli acclamati Jonathan Dayton e Valerie Faris, talentuosa coppia di registi già nota per il bellissimo Little Mss Sunshine.

I due sono stati accolti la scorsa domenica al Cinema Adriano dalla padrona di casa Imma Battaglia, scelta dalla Fox Italia come testimonial italiana della pellicola che narra le epiche gesta di Billie Jean King, la tennista che ha cambiato le regole del gioco battendo nel ’73 il maschilista Bobby Riggs, ponendo così le donne al pari degli uomini.

“Sono estremamente emozionata” dice l’attivista e  fondatrice del Gay Village, che racconta alla platea gremita da oltre 500 persone, quanto sia stato importante per le sportive dell’epoca, la vittoria della King in un momento storico in cui le donne faticavano ancora a discostarsi dal ruolo secondario imputatogli dalla società, e continua dicendo “questo film è il doveroso plauso ad una donna che ha fatto la storia e a cui ognuna di noi deve qualcosa”, mentre tiene sempre per mano la sua bellissima Eva Grimaldi, in splendida forma nel suo abito Anonyme Designers.

Grande emozione anche per i registi che sottolineano la passionalità con cui il pubblico ha raccolto l’invito alla proiezione e non perdono occasione durante il brindisi a base di bollicine, per scherzare al photocall con la drag Daniel Decò e la voce delle notti arcobaleno Kristine VonTrois, per l’occasione cinti da completi da tennis rigorosamente anni ’70.

“E’ bellissimo essere qui a Roma a presentare il nostro lavoro”, dicono i registi e continuano affermando: “Ed è bello vedere quanto cuore ci sia qui dentro.

Abbiamo scelto di raccontare questa storia mentre in America si svolgeva un’altra grande battaglia dei sessi, quella tra Donald Trump e Hilary Clinton, che purtroppo non è andata a finire nello stesso modo… ma questa è un’altra storia”.

Nella sala che ha registrato il tutto esaurito, si sono visti anche molti volti noti come Barbara Palmobelli insieme a molti dei suoi autori e al suo assistente in studio Edoardo Donnamaria, giovane blogger accompagnato dalla fidanzata, la modella Viktorija Mihajlovic. Poco più avanti si scorge anche Roberta Beta e poi il cantante Alessio Bernabei, insieme alle giovani registe e amiche Sara Colonnelli e Francesca Conte.

Ad applaudire c’è anche la bravissima Lunetta Savino, seguita dalla presenza in sala di molte altre colleghe attrici, come Valentina Ghetti, Alma Manera, Dodi Conti, Cristina Golotta, Martina Carletti, Valeria Gemelli, il giovane Niccolò Centioni meglio noto come Rudi de I Cesaroni e poi anche l’attore e comico Daniele Gattano e tanti interessanti promesse del teatro come il cast de Le Dissolute Assolte, oppure quello del tanto discusso e atteso spettacolo L’Effetto Che Fa, piéce basata sulla terribile vicenda del caso Varani, che vedrà in scena Riccardo Pieretti, Fabio Vasco e Valerio Di Benedetto diretti da Giovanni Franci. Immancabile anche il trio canoro Ladyvette, rigorosamente in abiti retrò, seguite dalla Miss PinUp WW2 Giorgia Botticelli e dalla modella Sophia Galazzo insieme all’inseparabile amico Marco Sforza.

Poco prima dell’inizio arrivano anche Giordana Angi, ultima scoperta di Tiziano Ferro e Elisa Paglialuga, ex corteggiatrice di Uomini e Donne per Aldo Palmeri, oggi felice dopo il suo coming out.

FASHION HOLIDAYS alla 27ª Edizione di LecceArredo

 

LECCE. Sabato 9 Dicembre LECCEARREDO – Salone Nazionale dell’Arredamento – ospiterà un “live” shooting realizzato dallo staff Production di Fashion Holidays in collaborazione con la White Fashion.

L’evento Internazionale ideato da DiTUTTO ritorna quindi per la quarta edizione consecutiva tra gli stand dalla manifestazione organizzata in piazza Palio per un evento che vedrà l’arte di arredare la casa incrociarsi con l’originale creatività di Fashion Holidays.

Dt

 

zoom

LECCEARREDO: Dal 7 AL 10 Dicembre 2017 ritorna il Salone Nazionale dellArredamento

Fashion Holidays a LecceArredo 2016

L’ARTE DI ARREDARE LA CASA SI INCROCIA CON LA CREATIVITA’ DI FASHION HOLIDAYS

Fashion Holidays a LecceArredo 2015

FASHION HOLIDAYS @LECCEARREDO

Fashion Holidays a LecceArredo 2014

ARTE, MODA & FASHION A LECCEARREDO CON DITUTTO

 

Slogan e poster degli studenti per celebrare Giornata Mondiale Alimentazione: “Non sfamare è peccato mondiale”

 

Gli studenti della 3°B del “Galilei-Costa” di Lecce contribuiscono così all’importante celebrazione che vedrà anche la presenza di Papa Francesco

 

Sono gli studenti della classe 3°B indirizzo SIA dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce e, come progetto scolastico, sono impegnati nel settore agroalimentare con la startup “Salento is Beauty-Food”. In occasione della “Giornata Mondiale dell’Alimentazione” della FAO, che ricorre oggi 16 ottobre, hanno voluto dare un personale contributo e hanno ideato uno slogan che recita “Non sfamare è peccato mondiale” ed un poster abbinato che rimarca graficamente quanto sia “peccato”.

Il tema di quest’anno è “Cambiamo il futuro delle migrazioni. Investiamo in sicurezza alimentare e sviluppo rurale”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La FAO celebra la “Giornata mondiale dell’alimentazione” ogni anno il 16 ottobre, per commemorare la fondazione dell’Organizzazione nel 1945. Vi sono celebrazioni in oltre 150 paesi in tutto il mondo, e questo lo rende uno dei giorni più celebrati del calendario ONU. Questi eventi fanno opera di sensibilizzazione su tutti coloro che soffrono la fame e sulla necessità di garantire la sicurezza alimentare e diete nutrienti per tutti.

Oggi, 16 ottobre, in occasione della cerimonia ufficiale che si terrà presso la Sede centrale della FAO, il Direttore Generale della FAO sarà affiancato da Papa Francesco e dai Ministri dell’agricoltura che partecipano alle riunioni del Gruppo dei Sette (G7).

BOLOGNA. TEDxBologna quest’anno è INIMMAGINABILE!

 

Si terrà, per il secondo anno consecutivo presso il teatro Comunale, l’evento TEDxBologna.

Tra sonde spaziali, ologrammi e hacker, 10  pensatori della contemporaneità racconteranno le proprie idee di valore.

 

Ritorna al Teatro Comunale, Sabato 21 Ottobre, l’appuntamento con TEDxBologna. L’evento annuale, nato 7 anni fa da un’iniziativa di Andrea Pauri, ha lo scopo di Diffondere le Idee di Valore che meritano di essere condivise e si conferma uno degli appuntamenti più attesi per Bologna, con i biglietti andati sold out già un mese prima dell’evento, pochi giorni dopo l’annuncio del programma.

TEDxBologna 2017 vedrà alternarsi sul palco 10 speaker che racconteranno le proprie idee che possono trasformare il nostro presente e il futuro in qualcosa di “Inimmaginabile”: storie e visioni di uomini e donne che credono nelle grandi sfide che possono cambiare in maniera radicale il nostro domani.

Tantissimi i temi trattati in questa nuova edizione, e tutti di grande impatto, come sottolinea Andrea Pauri, curatore dell’evento: “Abbiamo selezionato 10 speaker molto differenti fra  loro, ma accomunati da una grande visione del futuro, basata sulla fiducia e la reciprocità. Parlo di persone straordinarie, come Germana Lavagna, co-fondatrice di Refugees Welcome Italia, un progetto splendido che mette in contatto persone che vogliono ospitare rifugiati nelle proprie abitazioni, ridefinendo così il concetto di accoglienza e solidarietà. Avremo, inoltre, l’onore di incontrare Casey Fenton, fondatore del popolare sito “Couchsurfing” che ci parlerà dell’enorme potenzialità del “business della fiducia” e dei progetti sociali, che utilizzano le nuove tecnologie”.

Le novità non sembrano essere finite, infatti, tra gli ospiti troveremo anche Andrea Accomazzo, ingegnere capo delle Missioni Interplanetarie dell’ESA e direttore di volo della missione “Rosetta”, che ha portato, per la prima volta, una sonda alla scoperta della cometa Churyumov-Gerasimenko e l’artista delle sculture trasparenti Andrea Tresoldi, riconosciuto dalla rivistaForbes come uno tra gli artisti under 30 più influenti al mondo. Una delle più grandi sorprese di questa edizione viene da Microsoft, colosso mondiale dell’informatica, che ha scelto proprio il palco di TEDxBologna per presentare in anteprima in Italia, il suo “SpectatorWiew”:un modo rivoluzionario che permetterà di far vivere agli spettatori la stessa esperienza immersiva che si può avere con HoloLens, il primo computer olografico al mondo.

L’evento del 21 Ottobre, sarà dunque un momento di grande interesse e riflessione, per i fortunati che sono riusciti ad accaparrarsi un biglietto e per le numerose persone che ormai seguono i canali TED e TEDxBologna sul web.

 

Gli speaker nel dettaglio

Andrea Accomazzo: Ingegnere capo della Divisione Missioni Interplanetarie nel Dipartimento Operazioni delle ESA (Agenzia Spaziale Europea). In questo ruolo ha iniziato il suo viaggio alla ricerca dei misteri delle comete. La missione “Rosetta”, che lo vede protagonista, nasce quasi come un’impresa inimmaginabile, ma venti anni dopo, la sonda in viaggio per miliardi di chilometri, riesce a raggiungere uno di questi misteriosi corpi celesti. Cosa ci racconterà il materiale raccolto?

Germana Lavagna: Co-Fondatrice e Co-Presidente di Refugees Welcome Italia, convinta dell’importanza di promuovere un nuovo modello di accoglienza, racconta le storie delle centinaia di famiglie italiane che hanno aperto la porta delle proprie abitazioni ai migranti. I piccoli problemi di convivenza, ma anche i grandi rapporti umani che sono nati e la consapevolezza che “accogliere” sia un’opportunità che “fa bene a chi accoglie”.

Arianna Porcelli: Scrittrice e comica, con il suo blog umoristico “Madame Pipì”, riesce a descrivere la quotidianità, cogliendone i lati più distorti e disagiati. La missione, che porta avanti attraverso il suo “RìdingTristocomico”, è quella di scuotere  le menti, attraverso una risata che giunge inaspettata e che fa svegliare il pubblico dalla “mondezza mediatica, politica e culturale”.

Sara Roversi: Bolognese e imprenditrice “seriale”, appassionata di food, digital e creative learning. Ha fondato nel 2004 “You can group”, un ecosistema imprenditoriale che alimenta nuove imprese ad alto tasso innovativo. Ha fondato, inoltre, il “ Trust Future FoodInstitute”, con lo scopo di lasciare alle future generazioni un mondo migliore e più sano.

Andrea Benedetti: già Responsabile del team Business Intelligence della divisione servizi professionali di Microsoft Western Europe, è oggi il Technical EvangelismDirector di Microsoft Italia. Aggiungere al contesto reale contenuti, informazioni e valore sotto forma di ologrammi è lo scopo di HoloLens, il primo computer olografico al mondo,  una tecnologia che permette di creare un connubio perfetto tra i due mondi: digitale e reale. Restare ancorati al contesto fisico dove l’individuo si trova e ad esso aggiungerci tutto quello che offre oggi il mondo digitale è qualcosa di magico, che ci permette di immaginare scenari che possono migliorare la nostra vita. Durante l’intervento il pubblico potrà immergersi insieme allo speaker in un’esperienza ricca e coinvolgente, dove ologrammi entreranno direttamente in scena sul palco.

Francesca Faruolo: Ideatrice di Smell – Festival dell’Olfatto, rassegna dedicata alla cultura dell’olfatto, che si svolge dal 2010 a Bologna. Dedica la vita alla scoperta delle potenzialità della sfera olfattiva, un ambito che, negli ultimi decenni, si è rivelato di grande interesse nella ricerca medicale, scientifica e psicologica. Arricchire il nostro “linguaggio degli odori” significa integrare un senso raffinato come l’olfatto, nei nostri processi cognitivi, oggi relegati alla sola sfera acustico-visiva, e riuscire nell’impresa può portare ripercussioni inimmaginabili, persino sulla qualità della nostra vita, anche creativa, e sul nostro modo di vivere gli ambienti urbani.

Rudy Bandiera: Guru dei Social, con oltre 100 mila follower, docente e giornalista. Il suo Blog è considerato tra i più influenti in Italia ed è stato indicato da Wired tra i 50 “italiani da seguire” su Twitter. Racconta il mondo in digitale, partendo dalla consapevolezza che, oramai, la nostra vita è, anche e soprattutto online. Sopravvivere a questo nuovo mondo, in cui non esistono ancora regole codificate, non è facile. C’è bisogno di consapevolezza per comprendere il cambiamento, e poter interagire con gli altri, sia online che offline, in una società in cui i due ambiti sono ormai fusi tra di loro.

Stefano Fratepietro: Bolognese d’adozione e padre fondatore del progetto DEFT Linux, uno dei sistemi di indagini informatiche più utilizzato al mondo. Al centro del suo impegno quotidiano c’è la Cyber Security, un problema sempre più attuale, che investe non solo le aziende, ma anche i singoli individui.  Grazie alla “smarttechnology” le nostre vite sono oggi più semplici e i nostri bisogni quotidiani alla portata di un click, ma nello stesso tempo diventiamo più vulnerabili. Cresce la facilità con cui possiamo essere spiati e truffati, non solo da hacker esperti, per questo motivo comprendere e imparare a difendersi è ormai diventato imperativo.

Edoardo Tresoldi: Scultore specializzato nella creazione di installazioni ambientali in rete metallica, realizza interventi in spazi pubblici, focalizzando la sua ricerca sul genius loci e sullo studio degli elementi paesaggistici. Il suo percorso di esplorazione della trasparenza attraverso la scultura, costituisce un nuovo modo di fare esperienza dei luoghi, rompendo la dimensione spaziale, sospendendo il tempo con risultati inimmaginabili.

Casey Fenton: Imprenditore eclettico e vero talento nel costruire team di successo, che pensano fuori dagli schemi, per realizzare idee inimmaginabili. E’ co-fondatore del popolare sito “Couchsurfing” la piattaforma online che ha rivoluzionato, in tutto il mondo, il concetto di ospitalità, attualmente il sito con il maggior numero di utenti attivi nella sua categoria. La piattaforma si è rivelata uno dei più grandi esperimenti sulla fiducia di tutti i tempi, che ha portato non solo a nuove opportunità di business, ma una riflessione sulla fiducia come volano per una società più solidale.

L’evento è sostenuto da: Asterix, Travel for business, Davines, Maurizio Guermandi, Brian lead e Aster

 

 

Work in Progress per SALENTO D’ESTATE il programma Tv firmato DiTUTTO

Nella foto il Mago Heldin durante la realizzazione dello spot Tv

 

ROMA. Partono ufficialmente i preparativi per una nuova produzione Televisiva firmata WD EDITORE, DITUTTO e SCILLA PROJECT che andrà in onda sul circuito televisivo FOX PRODUCTION TELEVISION ITALIA il prossimo anno.

La Trasmissione Televisiva, che sarà realizzata presso il Relax Leuca,  si chiamerà SALENTO D’ESTATE e sarà condotta dal noto Illusionista HELDIN.

Il programma televisivo sarà un contenitore ricco di argomenti che racconteranno il Salento d’estate.

Stay Tuned!

 

Biografia MAGO HELDIN. Egidio Russo salentino d’origine e romano d’adozione, nel 1978 all’età di 6 anni, capta una sfrenata passione per la Prestidigitazione e nel 1982 (a 10 anni) calca per la prima volta un palcoscenico, dando vita alla sua carriera artistica con il nome d’Arte: HELDIN. Prestigiatore / Illusionista, ha girato l’Europa con il suo Magic Show (The Art of Illusion ) calcando il palcoscenico di Navi da Crociera, Teatri, Casinò e Studi Televisivi. Il suo debutto in TV è legato a Raffaella Carrà nel 95 in “Carramba che sorpresa” con al seguito numerosissime altre esperienze televisive. Premio LEONE D’ORO per la Comunicazione attraverso la Magia, il Mago Heldin si è esibito lo scorso inverno davanti a Papa Francesco, ottenendo anche la sua collaborazione nel numero del tavolo volante. (www.heldin.com)

tv_ditutto

Una distribuzione Internazionale a cura di Fox Production Television Italia

 

 

Bologna Jazz Festival

 

26 ottobre – 19 novembre 2017

La grande storia del jazz a braccetto con le più innovative tendenze sonore: l’edizione 2017 del Bologna Jazz Festival, che si terrà dal 26 ottobre al 19 novembre, parlerà sia agli appassionati della tradizione e delle sue grandi star che al pubblico più giovane e curioso di vedere la musica improvvisata alle prese con i suoni della nostra contemporaneità, dall’elettronica all’hip hop.

Sul fronte del jazz senza compromessi sono in arrivo formazioni di prim’ordine come il sestetto co-diretto da Chick Corea e Steve Gadd, i 4 by Monk by 4 (ovvero l’olimpo del pianismo jazz: Kenny Barron, Dado Moroni, Danny Grissett e Cyrus Chestnut) e poi Lee Konitz, che al BJF celebrerà i suoi 90 anni. Altri big della musica improvvisata si metteranno invece in gioco dialogando con i più arditi stili contemporanei: Enrico Rava e Giovanni Guidi condivideranno il palco con il guru dell’elettronica Matthew Herbert, mentre la nuova formazione di Steve Lehman è un inno all’interazione tra linguaggi (jazz, hip hop, elettronica).

Barry Harris in trio, Ralph Towner in solo e la all stars Smalls Live porteranno un ulteriore tocco di classicità nel cartellone del BJF 2017, mentre un ponte verso sonorità moderne e sofisticate sarà gettato da Paolo Fresu col suo Devil Quartet, Uri Caine in solo, Tim Berne coi suoi Snakeoil, Miguel Zenón e gruppi all stars statunitensi come i BassDrumBone e il Claudia Quintet. Le contaminazioni jazz rock di Brian Auger e gli Yellowjackets promettono ulteriori emozioni a piede libero.

Nel corso di ben 25 giorni, il BJF 2017 entrerà nei principali teatri bolognesi (Teatro Auditorium Manzoni, Teatro Duse, Unipol Auditorium, Teatro Il Celebrazioni) e coinvolgerà nu­merosi altri luoghi a Bologna e nelle città e province di Modena e Ferrara, alzando il tiro anche sul fronte della didattica, con una moltiplicazione delle masterclass e degli incontri con gli artisti.

Per la realizzazione di questo grande progetto, il BJF ha sviluppato numerose partnership. Tra queste spicca per i suoi frutti quella con BilBOlbul Festival internazionale di fumetto e Cheap on Board. Da questa collaborazione arriva la presenza del celebre illustratore e fumettista Lorenzo Mattotti, che firma le immagini originali del Bologna Jazz Festival 2017.

Il Bologna Jazz Festival è organizzato dall’Associazione Bologna in Musica con il contributo di Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Carisbo, Gruppo Unipol, Città Metropolitana di Bologna, Bologna City of Music Unesco e del main partner Gruppo Hera.

Dopo un prologo in trasferta a Cento (Teatro della Pandurera), giovedì 26 ottobre, con il Devil Quartet di Paolo Fresu, i primi due concerti in teatro del Bologna Jazz Festival 2017 saranno nel segno delle sonorità più futuristiche. Venerdì 27 ottobre al Teatro Il Celebrazioni il BJF 2017 verrà inaugurato da un incontro al vertice tra due ‘guru’: Matthew Herbert, consacrato maestro dell’elettronica, ed Enrico Rava, voce storica e fondamentale del jazz europeo. Con loro ci sarà anche Giovanni Guidi, pianista emergente cresciuto alla corte jazzistica di Rava. Atmosfere avvolgenti, motivi affilati, squarci lirici, architetture ritmiche in continua metamorfosi scaturiranno dal pianismo marcatamente percussivo di Guidi, dalle folate trombettistiche di Rava e dalla consolle di Herbert, che campionerà e rielaborerà tutto in presa diretta. Nel calderone degli stili si fonderanno i confini tra jazz, elettronica, techno, musica concreta.

La critica specializzata si è prodigata in elogi e riconoscimenti per il talento del sassofonista Steve Lehman. Ora tocca al pubblico scoprire la sua musica audace, percorsa dall’inquietudine dell’avanguardia ma senza eccessi radicali. Lunedì 30 ottobre all’Unipol Auditorium lo si ascolterà col suo gruppo “Sélébéyone”, con la sua incredibile ‘cucina’ musicale fatta di rap senegalese, musica spettrale francese, jazz contemporaneo, hip hop underground, elettronica interattiva. Le frontiere tra jazz e hip hop, già altre volte esplorate da grandi jazzisti, rivelano ora nuove e inaspettate sonorità.

Giovedì 2 novembre, quando salirà sul palco dell’Unipol Auditorium, il sassofonista Lee Konitz avrà 90 anni appena compiuti, dei quali ben 72 vissuti da musicista professionista (in compagnia, tra gli altri, di Miles Davis, Dave Brubeck, Ornette Coleman, Charles Mingus e, in tempi più recenti, Brad Mehldau). Con un simile traguardo, Konitz può ben permettersi un momento di autocelebrazione, come questa “90 Years Celebration” con il suo quartetto.

 Martedì 7 novembre il Teatro Auditorium Manzoni ospiterà il concerto di punta del cartellone del BJF 2017: la band co-diretta dal pianista Chick Corea e dal batterista Steve Gadd. Si tratta di una nuova avventura che nasce sulle basi di un glorioso passato, quello di dischi come The Leprechaun, My Spanish Heart, Three Quartets e Friends, che nella seconda metà degli anni Settanta riportarono Corea sulla strada del jazz dopo i bagliori della fusion. Corea e Gadd tornano così a riunire le forze, per la prima volta in co-leadership: la musica è tutta nuova ma riprende il discorso da dove era stato lasciato in sospeso.

Martedì 14 novembre al Teatro Duse si assisterà a un tripudio pianistico: Kenny Barron, Dado Moroni, Danny Grissett e Cyrus Chestnut andranno in scena alternandosi, affiancandosi e confrontandosi l’un l’altro. Il nome collettivo 4 by Monk by 4 scelto da Barron e soci non è casuale: questi quattro fenomenali pianisti offriranno altrettanti punti di vista sull’universo musicale di Thelonious Monk, in occasione del centenario della sua nascita. Barron, Moroni, Grissett e Chestnut si presenteranno al pubblico nelle più varie combinazioni: in solo, in duo sino all’apoteosi col quartetto al completo schierato dietro due gran coda. Il tocco deciso e rassicurante di Barron, frutto di una enorme maturità stilistica, si completerà con la verace pronuncia di Moroni, mentre l’approccio dinamico di Grissett troverà un’eco nella fisicità prorompente di Chestnut.

Fortemente caratterizzate sono le identità musicali dei vari club coinvolti nella mappa del BJF 2017. Baluardo della grande tradizione jazz è la Cantina Bentivoglio, che anche quest’anno sarà il faro tra i numerosi locali bolognesi coinvolti nella programmazione del festival in stile jazz club. Alla Cantina si potrà gettare un approfondito sguardo sulla scena jazz newyorkese, a partire dal solo di Uri Caine, un mito del pianismo jazz postmoderno, il 29 ottobre. Il 6 novembre, la Bentivoglio tornerà a ospitare, dopo il successo del 2016, il trio dello storico pianista Barry Harris. Il 9, direttamente dallo Smalls, uno dei più celebri jazz club newyorkesi, quindi del mondo, arriverà il quintetto all stars Smalls Live on Tour, tra gli altri con Joel Frahm al sax tenore e Spike Wilner (manager dello Smalls) al pianoforte. Il 19, con un jazz brunch sulle note del quartetto del sassofonista Miguel Zenón, calerà il sipario sul BJF 2017. Unica presenza italiana alla Bentivoglio sarà quella del duo che affianca il sax di Raffaele Casarano al contrabbasso di Marco Bardoscia (il 16).

Nel cartellone del BJF brilla poi anche il ricco programma del Torrione Jazz Club di Ferrara, che trasporta la tradizione jazzistica in piena contemporaneità: il 28 ottobre con il cortocircuito tra avanguardia e classicità dei BassDrumBone, trio che affianca il trombone di Ray Anderson alla ritmica di Mark Helias e Gerry Hemingway; il 31 con il Claudia Quintet, in cui l’enfasi è posta sull’ensemble anche se la mente dietro tutto è quella del batterista John Hollenbeck; il 3 novembre con gli Snakeoil del sassofonista Tim Berne, figura imprescindibile del jazz post-moderno; il 10 con lo Smalls Live on Tour; l’11 con un solo del chitarrista Ralph Towner; il 18 con il turbine bop-latino del longevo quartetto del sassofonista Miguel Zenón.

Il bolognese Bravo Caffè aggiunge al programma del festival il suo tocco glamour e molto attento alle sonorità più in voga della night life. L’1 novembre ospiterà la band dello storico tastierista britannico Brian Auger, icona nelle intersezioni stilistiche tra jazz, rock, R&B. L’8 arriverà il duo sax-batteria che ha ‘spettinato’ la scena jazz britannica con il suon travolgente drive: Binker & Moses. Il 12 sarà la volta del trio della cantautrice Becca Stevens, con le sue sonorità tra jazz, folk e pop. La musica tornerà a farsi turbinosa il 15, con una band di culto della fusion statunitense: gli Yellowjackets.

Il Binario 69, nuovo acquisto nella mappa dei jazz club del BJF, ospiterà una serie di concerti che daranno visibilità a importanti musicisti provenienti dal Medio Oriente. Artisti costretti ad abbandonare i propri paesi di origine potranno continuare a esprimere il loro talento e a condividerlo con il pubblico, grazie a una collaborazione tra BJF e Sound Routes, progetto cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea e sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese. Si ascolteranno la cantante e percussionista persiana Kimia Ghorbani (12 novembre) e il violinista siriano Alaa Arsheed in duo con il chitarrista Isaac de Martin (il 19). Sound Routes farà tappa anche al Locomotiv, dove il 5 novembre Guglielmo Pagnozzi dirigerà la jam session Laboratorio Sociale Afrobeat. Sempre sotto l’egida di Sound Routes sarà il concerto di Alaa Arsheed con la Adovabadan Jazz Band al Jazz Club di Ferrara (il 27 ottobre).

Al Binario 69, dove ogni concerto sarà seguito da una jam session, si esibirà anche l’italiano Alkord Quartet (27 ottobre).

Le intersezioni tra jazz e altre forme artistiche saranno al centro delle serate del 12 novembre al Piccolo Teatro del Baraccano (con Radio Ritmo, una performance per voci recitanti e musica dal vivo) e del 13 al Teatro San Leonardo (quando la musica del vibrafonista Pasquale Mirra verrà trasformata in immagini dal disegnatore Stefano Ricci).

Oltre che a Ferrara e Cento, il BJF 2017 andrà in trasferta anche a Castelfranco Emilia, dove il trombettista Franco Ambrosetti si esibirà accompagnato da una all stars del jazz nazionale (il 4 novembre al Teatro Dadà), e a Modena, con la terza tappa dello Smalls Live on Tour (l’11 allo Smallet Jazz Club). Entrambe queste date sono in collaborazione con gli Amici del Jazz di Modena. In collaborazione con il Teatro Consorziale di Budrio, che lo ospiterà, sarà invece il concerto del 17 novembre con uno dei più ammirati percussionisti latin, Horacio “El Negro” Hernandez, assieme all’Hermanos Trio.

L’attività didattica si conferma infine come un momento imprescindibile del BJF, con una molteplicità di appuntamenti.

Aperta a tutti i musicisti sarà la Masterclass che il pianista Barry Harris terrà alla Cantina Bentivoglio tutti i giorni dal 3 al 7 novembre, con lezioni mattutine e pomeridiane seguite da jam session serali con gli allievi sotto la guida di Harris.

La quinta edizione del Progetto Didattico “Massimo Mutti”, che si realizza grazie al contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, allarga il suo raggio d’azione rispetto alle precedenti annate, suddividendosi in due percorsi. Il primo, comprendente un workshop con Steve Lehman e incontri con Chick Corea e Spike Wilner (direttore dello Small Jazz Club di New York), sarà completato da una masterclass di Nicola Fazzini che porterà al primo concerto-saggio, con gli Allievi del Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna diretti da Fazzini su musiche di Lehman (5 novembre, Unipol Auditorium). Nella stessa occasione si esibirà anche la Tower Jazz Composers Orchestra e verrà consegnato il Premio “Massimo Mutti”, consistente in due borse di studio per i corsi internazionali di perfezionamento estivi 2018 realizzati dalla Fondazione Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz.

La seconda sezione didattica avvicinerà l’espressione musicale a quella visiva, con un workshop organizzato in collaborazione con BilBOlbul e affidato all’artista e illustratore Stefano Ricci e al musicista Pasquale Mirra, i cui risultati si potranno apprezzare in un secondo concerto-saggio: una performance collettiva degli allievi del Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna, del Liceo Musicale “L. Dalla” di Bologna, dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, del Liceo Artistico “F. Arcangeli” di Bologna, sotto la direzione di Mirra e Ricci (19 novembre, Unipol Auditorium).

 

PROGRAMMA

prologo

Giovedì 26 ottobre

Cento (FE), Teatro della Pandurera, ore 21:15

PAOLO FRESU DEVIL QUARTET

Paolo Fresu – tromba, flicorno, effetti; Bebo Ferra – chitarra;

Paolino Dalla Porta – contrabbasso; Stefano Bagnoli – batteria

Una produzione della Fondazione Teatro Borgatti di Cento

 

Inaugurazione

Venerdì 27 ottobre

Bologna, Galleria Cavour, ore 18:00

Aperitivo Inaugurale

“La Màquina Parlante”

Matteo Scaioli – grammofoni, elettronica

In collaborazione con Galleria Cavour

 

Venerdì 27 ottobre

Bologna, Teatro Il Celebrazioni, ore 21:15

RAVA – HERBERT – GUIDI

Matthew Herbert, elettronica; Enrico Rava, tromba; Giovanni Guidi, pianoforte

In collaborazione con Robot e Reverb

Concerto in abbonamento

 

Venerdì 27 ottobre

Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30

ADOVABADAN JAZZ BAND & ALAA ARSHEED

Alaa Arsheed, violino; Michele Uliana, clarinetto; Isaac de Martin, chitarra; Mauro Brunato, banjo; Nicola Barbon, contrabbasso; Remo Straforini, batteria; Andrea Endi, voce

In collaborazione con Sound Routes

Cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea

Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

 

Venerdì 27 ottobre

Bologna, Binario 69, ore 23:00

ALKORD QUARTET + JAM SESSION

Cristiano Arcelli, sax alto; Alberto Capelli, chitarra classica;

Francesco Angiuli, contrabbasso; Federico Occhiuzzi batteria

 

Sabato 28 ottobre

Ferrara, Torrione San Giovanni, ore 21:30

BASSDRUMBONE

Ray Anderson, trombone; Mark Helias, contrabbasso; Gerry Hemingway, batteria

 

Domenica 29 ottobre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 21:30

URI CAINE SOLO

Uri Caine, pianoforte

 

Lunedì 30 ottobre

Bologna, Unipol Auditorium, ore 21:15

STEVE LEHMAN & SÉLÉBÉYONE

HPrizm, voce; Gaston Bandimic, voce; Steve Lehman, sax alto;

Maciek Lasserre, sax alto e sax soprano; Carlos Homs, tastiere;

Drew Gress, contrabbasso; Damion Reid, batteria

In collaborazione con Gruppo Unipol

Concerto in abbonamento

Steve Lehman playing at the Jazz Standart on 19 July 2005,

Martedì 31 ottobre

Ferrara, Torrione San Giovanni, ore 21:30

THE CLAUDIA QUINTET

Jeremy Viner, sax tenore; Red Wierenga, fisarmonica; Matt Moran, vibrafono;

Adam Hopkins, contrabbasso; John Hollenbeck, batteria

 

Mercoledì 1 novembre

Bologna, Bravo Caffè, ore 22:00

BRIAN AUGER’S OBLIVION EXPRESS feat. ALEX LIGERTWOOD

Brian Auger, organo Hammond, tastiere; Alex Ligertwood, voce, chitarra;

Travis Carlton, basso; Karma Auger, batteria

 

Giovedì 2 novembre

Bologna, Unipol Auditorium, ore 21:15

LEE KONITZ QUARTET

“90 Years Celebration”

Lee Konitz, sax alto; Dan Tepfer, pianoforte;

Jeremy Stratton, contrabbasso; George Schuller, batteria

In collaborazione con Gruppo Unipol

Concerto in abbonamento

 

Venerdì 3 novembre

Ferrara, Torrione San Giovanni, ore 21:30

TIM BERNE SNAKEOIL

Tim Berne, sax alto; Oscar Noriega, clarinetti;

Matt Mitchell, pianoforte; Ches Smith, batteria e percussioni

 

dal 3 al 7 novembre

Bologna, Cantina Bentivoglio

ore 11-13 / 14:30-18:30: masterclass

ore 22: jam session

barry harris Masterclass

 

Sabato 4 novembre

Castelfranco Emilia (MO), Teatro Dadà, ore 21:15

FRANCO AMBROSETTI & THE ITALIAN GANG

Franco Ambrosetti, tromba e flicorno; Gianluca Ambrosetti, sassofoni;

Dado Moroni, pianoforte; Enzo Pietropaoli, contrabbasso; Enzo Zirilli, batteria

Una produzione di Amici del Jazz di Modena

In collaborazione con il Comune di Castelfranco Emilia

 

Domenica 5 novembre

Bologna, Unipol Auditorium, 17:30

PREMIO “MASSIMO MUTTI”

SAGGIO IN FORMA DI CONCERTO / 1

Allievi del Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna

Musiche di Steve Lehman

Direzione di Nicola Fazzini

+

TOWER JAZZ COMPOSERS ORCHESTRA

Alfonso Santimone, direzione, pianoforte, elettronica;

Piero Bittolo Bon, direzione, sax alto, clarinetto basso, flauti;

Marta Raviglia, voce; Sandro Tognazzo, flauto;

Mirko Cisilino, Pasquale Paterra, Gabriele Cancelli, trombe;

Filippo Vignato, Federico Pierantoni, Lorenzo Manfredini, tromboni;

Glauco Benedetti, tuba; Gianluca Fortini, clarinetti, sax alto;

Tobia Bondesan, sax tenore; Filippo Orefice, sax tenore, clarinetto, flauto;

Beppe Scardino, sax baritono, sax alto, flauto; Luca Chiari, Riccardo Morndini, chitarra;

Federico Rubin, piano elettrico; Alessandro Garino, pianoforte;

Stefano Dallaporta, contrabbasso, basso elettrico;

Andrea Grillini, Simone Sferruzza, batteria; William Simone, percussioni

In collaborazione con Gruppo Unipol e Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna

Con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna

 

Domenica 5 novembre

Bologna, Locomotiv Club, ore 19:30

LABORATORIO SOCIALE AFROBEAT

Jam Session diretta da Guglielmo Pagnozzi

In collaborazione con Sound Routes

Cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea

Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

 

Lunedì 6 novembre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 21:30

BARRY HARRIS TRIO

Barry Harris, pianoforte; Luca Pisani, contrabbasso; Fabio Grandi, batteria

 

Martedì 7 novembre

Bologna, Teatro Auditorium Manzoni, ore 21:15

CHICK COREA & STEVE GADD BAND

Chick Corea, pianoforte e tastiere; Steve Gadd, batteria;

Steve Wilson, sax alto e flauto; Lionel Loueke, chitarra;

Carlitos Del Puerto, basso elettrico; Luisito Quintero, percussioni

In collaborazione con Teatro Auditorium Manzoni

Concerto in abbonamento

 

Mercoledì 8 novembre

Bologna, Bravo Caffè, ore 22:00

BINKER & MOSES

Binker Golding, sax tenore; Moses Boyd, batteria

 

Giovedì 9 novembre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 21:30

SMALLS LIVE ON TOUR

Ryan Kisor, tromba; Joel Frahm, sax tenore;

Spike Wilner, pianoforte; Tyler Mitchell, contrabbasso; Anthony Pinciotti, batteria

 

Venerdì 10 novembre

Ferrara, Torrione San Giovanni, ore 21:30

SMALLS LIVE ON TOUR

Ryan Kisor, tromba; Joel Frahm, sax tenore;

Spike Wilner, pianoforte; Tyler Mitchell, contrabbasso; Anthony Pinciotti, batteria

 

Sabato 11 novembre

Modena, Smallet Jazz Club, ore 21:30

SMALLS LIVE ON TOUR

Ryan Kisor, tromba; Joel Frahm, sax tenore;

Spike Wilner, pianoforte; Tyler Mitchell, contrabbasso; Anthony Pinciotti, batteria

Una produzione di Amici del Jazz di Modena

 

Sabato 11 novembre

Ferrara, Torrione San Giovanni, ore 21:30

RALPH TOWNER SOLO

Ralph Towner, chitarra

 

Domenica 12 novembre

Bologna, Piccolo Teatro del Baraccano, ore 17:30

RADIO RITMO, performance di voci e suoni

Ideazione di Giambattista Giocoli

Regia e adattamento teatrale di Massimo Sceusa

Voci recitanti Angela Malfitano e Massimo Sceusa

musiche composte ed eseguite da Piero Bittolo Bon, Stefano Dallaporta e Andrea Grillini

In collaborazione con Atti Sonori e Teatro del Baraccano

 

Domenica 12 novembre

Bologna, Bravo Caffè, ore 21:00

BECCA STEVENS

Becca Stevens, voce, chitarra, ukulele;

Michelle Willis, tastiere, voce; Jordan Perlson, batteria, percussioni

 

Domenica 12 novembre

Bologna, Binario 69, ore 22:00

KIMIA GHORBANI & TARIFA + JAM SESSION

Kimia Ghorbani, voce e daf; Riccardo Morandini, chitarra;

David Sarnelli, fisarmonica; Federico Caruso, clarinetto

In collaborazione con Sound Routes

Cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea

Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

 

Lunedì 13 novembre

Bologna, Teatro San Leonardo, ore 20:30

MIRRA-RICCI “Due di Noi”

Pasquale Mirra, vibrafono, percussioni; Stefano Ricci, disegni

In collaborazione con Angelica e BilBOlbul

 

Martedì 14 novembre

Bologna, Teatro Duse, ore 21:15

4 BY MONK BY 4

Kenny Barron, Dado Moroni, Danny Grissett, Cyrus Chestnut, pianoforte

Concerto in abbonamento

Mercoledì 15 novembre

Bologna, Bravo Caffè, ore 22:00

YellowJackets

Bob Mintzer, sax; Russell Ferrante, tastiere;

Felix Pastorius, basso elettrico; Will Kennedy, batteria

 

Giovedì 16 novembre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 21:30

CASARANO – BARDOSCIA DUO

Raffaele Casarano, sassofoni; Marco Bardoscia, contrabbasso

 

Venerdì 17 novembre

Budrio (BO), Teatro Consorziale, ore 21:15

HERMANOS TRIO & HORACIO “EL NEGRO” HERNANDEZ

Francesco Cavaliere, chitarra; Max Puglia, chitarra;

Nico Di Battista, basso elettrico; Horacio “El Negro” Hernandez, batteria e percussioni

In collaborazione con il Teatro Consorziale di Budrio

 

Sabato 18 novembre

Ferrara, Torrione San Giovanni, ore 21:30

MIGUEL ZENÓN QUARTET

Miguel Zenón, sax alto; Louis Perdomo, pianoforte;

Hans Glawishnig, contrabbasso; Henry Cole, batteria

 

Domenica 19 novembre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 14:00

MIGUEL ZENÓN QUARTET

Miguel Zenón, sax alto; Louis Perdomo, pianoforte;

Hans Glawishnig, contrabbasso; Henry Cole, batteria

 

Domenica 19 novembre

Bologna, Unipol Auditorium, ore 17:30

SAGGIO IN FORMA DI CONCERTO / 2

Performance collettiva degli allievi di:

Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna,

Liceo Musicale “L. Dalla” di Bologna

Accademia di Belle Arti di Bologna

Liceo Artistico “F. Arcangeli” di Bologna

Direzione di Pasquale Mirra e Stefano Ricci

In collaborazione con CUBO e BilBOlbul

Con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna

 

Domenica 19 novembre

Bologna, Binario 69, ore 22:00

ARSHEED-DE MARTIN DUO + JAM SESSION

Alaa Arsheed, violino; Isaac de Martin, chitarra

In collaborazione con Sound Routes

Cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea

Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

 

***

 

ALTRI EVENTI

 

JAZZ INSIGHTS

Lezioni musicali con Emiliano Pintori

Bologna, Museo Internazionale e Biblioteca della Musica – Palazzo Sanguinetti, ore 17

Sabato 4 novembre: To Be Bop. Dedicato a Dizzy Gillespie

guest Fabio Morgera

Sabato 11 novembre: Straight, No Chaser. Dedicato a Thelonious Monk

Sabato 18 novembre: (Più di) Cento anni di jazz. Da New Orleans alle origini

guest Guglielmo Pagnozzi

Sabato 25 novembre: We Insist! Dedicato a Max Roach

guests Marco Frattini e Luca Bernard

Sabato 2 dicembre: Sweet Soul Music. Dedicato a Otis Redding

guest Francesca Esposito

 

 

Informazioni:

  • Associazione Bologna in Musica
  • tel.: 334 7560434
  • e-mail: info@bolognajazzfestival.com
  • www.bolognajazzfestival.com

 

  • Presidente: Federico Mutti
  • Direttore artistico: Francesco Bettini
  • Ufficio Stampa: Daniele Cecchini
  • cell. 348 2350217
  • e-mail: dancecchini@hotmail.com

Biglietti:

  • Rava-Herbert-Guidi; Steve Lehman; Lee Konitz:
  • posto unico: intero 30 euro, ridotto da 24 a 27 euro
  • Chick Corea & Steve Gadd: platea: intero 50 euro, ridotto da 40 a 45 euro
  • galleria e balconata I: intero 40 euro, ridotto da 32 a 36 euro
  • balconata II e III: intero 20 euro, ridotto da 16 a 18 euro
  • 4 by Monk by 4: platea: intero 35 euro, ridotto da 28 a 31 euro
  • galleria I, palchi e barcacce: intero 30 euro, ridotto da 24 a 27 euro
  • galleria II e loggione: intero 20 euro, ridotto da 16 a 18 euro
  • I biglietti sono soggetti a diritto di prevendita

Riduzioni*:

  • Riduzione del 20% riservata a: Soci Bologna Jazz Card; giovani fino a 26 anni.
  • Riduzione del 10% riservata a: soci Touring Club, abbonati annuali TPER Bologna.
  • I biglietti ridotti 20% sono acquistabili in prevendita esclusivamente presso la biglietteria del Teatro Auditorium Manzoni. Il giorno stesso del concerto i biglietti sono acquistabili presso il teatro di riferimento, presentando il titolo che dà diritto alla riduzione.
  • I biglietti ridotti 10% sono acquistabili esclusivamente presso le biglietterie dei teatri di riferimento, presentando il titolo che dà diritto alla riduzione

*Le scontistiche non sono cumulabili

Studenti del Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna e del Liceo Musicale “L. Dalla” di Bologna: prezzo speciale 10 euro (solo su prenotazione, con acquisto la sera stessa presso il teatro di riferimento)

Prevendite:

– sul sito www.vivaticket.it e su tutto il circuito VivaTicket

– nelle biglietterie dei teatri Manzoni e Duse.

Bologna Jazz Card:

  • Socio Young (fino a 26 anni): 10 euro
  • Socio: 25 euro
  • Socio Supporter: 50 euro

acquistabile o rinnovabile online nell’area soci del sito www.bolognajazzfestival.com

Vantaggi esclusivi per i Soci possessori della Bologna Jazz Card:

– possibilità di sottoscrivere, a tariffe convenienti e prive di diritti di prevendita, l’abbonamento ai cinque concerti principali del Festival

– applicazione del prezzo ridotto sull’acquisto di singoli biglietti presso le biglietteria dei teatri

– accesso all’area riservata delle platee fino a esaurimento dei posti disponibili

– speciali convenzioni con i jazz club e i teatri affiliati al Festival

Abbonamenti riservati ai Soci possessori della Bologna Jazz Card:

  • concerti di Rava-Herbert-Guidi, Steve Lehman, Lee Konitz, Chick Corea & Steve Gadd, 4 by Monk by 4:
  • Abbonamento: 125 euro
  • Abbonamento Young (fino a 26 anni): 100 euro
  • Solamente i possessori della Bologna Jazz Card 2017 possono sottoscrivere l’abbonamento per i cinque concerti nei teatri. Tutti gli altri concerti del Bologna Jazz Festival 2017 sono da ritenersi fuori abbonamento.

Concerti nei club e negli altri teatri:

Si consiglia la prenotazione. Rivolgersi direttamente al locale o al teatro di riferimento.

Le modalità di accesso sono variabili.

Masterclass di Barry Harris:

Informazioni e prenotazioni: jazz@cantinabentivoglio.it     328 3580689

 Concerti del 5 e 19 novembre all’Unipol Auditorium; 12 novembre al Teatro San Leonardo:

Ingresso gratuito, non prenotabile e consentito fino a esaurimento posti.

Jazz Insights, Museo Internazionale e Biblioteca della Musica – Palazzo Sanguinetti:

Biglietto: intero 6 euro; ridotto 5 euro.

Prenotazioni su www.museibologna.it/musica fino alle 12 del giorno dell’evento.

 

 

Daniela Chessa Communication

 

Daniela Chessa Communication ha l’obiettivo e la funzione di elaborare strategie mirate, fornire consulenze per piani di comunicazione, scrivere comunicati stampa, organizzare interviste, conferenze stampa e incontri con i media, dialogare con i giornalisti, al fine di ottenere spazi e visibilità su stampa, web, radio e TV.

 

“Nella vita ho inseguito un sogno: quello di fare il lavoro che volevo. E’ stata dura, ma ci sono riuscita. Perché comunicare è la mia passione. Che sia uno spettacolo teatrale, un evento o un artista da accompagnare nel suo percorso, io ogni volta do tutta me stessa. Nella convinzione che le cose fatte con amore, alla fine lasceranno il segno”

D.C.

 

chessa.stampa@gmail.com

www.danielachessa.it

 

#Live21 ad aprire la nuova stagione del Cantiere 21 una serata speciale dedicata al mito del pop Michael Jackson. Special guest JENNIFER BATTEN

 

Sul palco King of Pop Tribute Band

 

Sarà il nuovo format Live 21, tra sperimentazioni musicali e voglia di evasione, ad aprire la nuova stagione del Cantiere 21 di Perugia il prossimo 10 novembre.

Dalle ore 21.30 nel locale perugino prenderà il via l’opening party che, per l’occasione, sarà dedicato al Re del Pop Michael Jackson. Protagonisti della serata saranno i King of Pop – The Real Michael Jackson Tribute Band, special guest Jennifer Batten.

Jennifer Batten, la più famosa chitarrista donna al mondo, fu scelta negli anni Ottanta da Michael Jackson in persona. Con il mito della musica americano girò il mondo per oltre dieci anni, durante tutti i tour da solista “Bad”, “Dangerous” e “History”.

Gli assoli di chitarra, così come i look stravaganti durante le sue esibizioni, l’hanno portata allora all’apice del successo. Ha in seguito suonato per tre anni con la leggenda della chitarra Jeff Beck, con il quale collabora tutt’ora, ed ha pubblicato tre album da solista, un DVD e due libri didattici.

Da anni in tour in tutto il mondo esegue i suoi show di musica originale e di tributo a MJ, in esclusiva italiana con i King of Pop – The Real Michael Jackson Tribute Band, il tributo più fedele in Europa al mito americano.

King of Pop – The Real Michael Jackson Tribute Band – Passione, professionalità e dedizione fanno dei King of Pop una band unica ed originale, composta da undici elementi che, uniti dall’amore per la musica e per Michael Jackson, si riuniscono per dar vita allo spettacolo più fedele all’originale per suoni, coreografie ed effetti speciali. Il cantante e frontman, Vittorio Masullo, attualmente riconosciuto da MTV come “migliore impersonator in Italia” di Jackson, ne ripercorre con il gruppo tutte le hits più famose, curandone minuziosamente ogni piccolo particolare. Alle chitarre c’è uno dei volti femminili più interessanti del panorama musicale italiano, Roberta Raschellà. I giri di basso sono riproposti dal tocco funky di Fabio Longo, bassista milanese. Motore instancabile della band è Fiamma Cardani, batterista sorprendente per forza e grinta. Le coreografie di Giuseppe Mattia Masullo sono eseguite da Hernando Di Niso, Francesco Lauro e Stefano Dionisio. A completare la formazione sono i due tecnici Mara Terzi e Federico Boncio.

Aftershow (ore 24) Max De Luca, Simone Duili aka Duit, Alessio Rossi, Riccardo Masciotti, Stefano Vergoni aka Stif nella Main room; Andrea Crocioni, Cristian Stortoni e Guglielmo Duranti nella Bunker room; voice performer Alex F.

BERGAMO. 31/10 Bolgia: Halloween Party con Deborah De Luca

 

E’ un Halloween party energico e dal sapore come sempre internazionale quello che il Bolgia di Bergamo mette in scena il 31 ottobre 2017 con la dj producer Deborah De Luca. Campana, torna a far ballare il top club bergamasco, un luogo a cui è molto legata e in cui il suo sound riesce a far muovere a tempo chiunque.

La sua musica e la sua capacità di infiammare il dancefloor sono però noti ormai da tempo a svariate latitudini. Prima di approdare al Bolgia, nel solo mese di ottobre ha messo a soqquadro con la sua techno potente e senza fronzoli Ibiza, Barcellona, Londra, Berlino…

E’ una dj che vive di musica. La ruba ascoltandola nei taxi, negli alberghi, in tv, dai ritornelli dei classici. E mixa tutto in discoteca e nei suoi bei dischi.

Sola_Mente Records, la sua etichetta, fondata nel marzo 2013, vanta tra le uscite più recenti un grande remix di Nick Curly per “Notting Hill” della stessa De Luca. Iperattiva sul fronte discografico, con Giorgio Rusconi e Dj Jock ha appena sfornato il solido “Under The Pyramid EP”, tre tracce techno evocative sin dal titolo, perfette per ribaltare la pista.

A darle man forte, durante la notte delle streghe e delle zucche, nel top club di Bergamo c’è pure lo scatenato Alex Rubino. Siciliano, il suo nome è in ascesa verticale nello scenario elettronico italiano. Ed il suo nuovo singolo esce nientemeno che su Phobiq, l’etichetta di Sasha Carassi.

 

Evento Facebook

https://www.facebook.com/events/257896478065110/

Bolgia

Via Vaccarezza 8 Osio Sopra (Bergamo)

A4 Milano Venezia uscita Dalmine (venti minuti circa da Milano)

In treno: Stazione Verdello – Dalmine (disponibile navetta per il Bolgia al costo di 2€ a/r per persona)

Whatsapp, in attesa dell’aggiornamento Recall è a lavoro per le chiamate di gruppo.

Sarà possibile parlare con più persone contemporaneamente. Intanto la funzione Recall sarebbe pronta per il rilascio.

 

Gli sviluppatori di Whatsapp, la celebre e diffusissima applicazione di messaggeria istantanea, sarebbero a lavoro per integrare le chiamate di gruppo, una novità davvero interessante che potrebbe essere rilasciata durante il 2018 con un aggiornamento sia per applicazione che server. La notizia arriva direttamente dagli USA.

Purtroppo Whatsapp sta impegnando la maggior parte delle risorse per lanciare finalmente la funzionalità Recall che consentirà di cancellare i messaggi una volta inviati prima che il destinatario li abbia letti e proprio per questo motivo non sarebbe in grado di rilasciare la nuova feature di chiamate di gruppo in tempi brevi.

La fonte di questa notizia conferma che le informazioni sono valide e sicure come quando è stato predetto l’arrivo di Whatsapp Business.

In attesa di vedere l’aggiornamento sui nostri dispositivi non ci resta che attendere ulteriori informazioni direttamente dall’azienda che così amplierebbe di un ulteriore servizio di connessione le sue già numerose utilità.

Giovanni D’Agata
Presidente dello “Sportello dei Diritti”

 

 

Il rischio di divorziare è scritto nel Dna. Alcune predisposizioni ereditarie potrebbero essere collegate a volere divorziare.

 

Il divorzio potrebbe essere scritto nei geni. Già in passato numerosi studi avevano evidenziato che il divorzio ricorre in famiglia nel corso delle generazioni, ma questo non basta a dire se sia effetto dell’esistenza di ”geni del divorzio” ovvero tratti genetici ereditari che predispongono alla dissoluzione del matrimonio o piuttosto una trasmissione legata a fattori sociali, psicologici, insomma “all’insegnamento ricevuto” dai propri genitori divorziati.

Per capirlo gli esperti hanno attinto ai registri delle adozioni in Svezia perché i figli adottivi respirano un ambiente familiare distinto da quello della famiglia biologica di origine da cui deriva il loro Dna.

Quindi se i figli adottivi e i genitori biologici tendono entrambi a divorziare significa che vi sono fattori genetici trasmessi di padre in figlio che rendono inclini al divorzio.

Se invece i figli adottivi e la famiglia adottiva tendono entrambi a divorziare, ma non i genitori biologici di origine significa che la scelta del divorzio è influenzata da fattori di natura sociologica, psicologica ambientale ma non genetica.

Ebbene con tre diversi gruppi di figli adottivi (decine di migliaia), gli esperti hanno dimostrato che questi tendono a divorziare di più quando i genitori biologici hanno vissuto a loro volta l’esperienza del divorzio, che non quando il divorzio è avvenuto nella famiglia adottiva, segno che vi sono fattori ereditari (genetici) legati al rischio individuale di divorziare.

Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Psychological Science, condotto tra Virginia Commonwealth University (VCU) a Richmond (Usa) e Università di Lund (Svezia).

Giovanni D’Agata
Presidente dello “Sportello dei Diritti”

 

 

 

Cannabis: per uno studio canadese fumarla rende violenti. Sfatato un mito o ricerca parziale?

 

Uno studio canadese pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Psychiatry avrebbe sfatato il mito secondo cui consumare marijuana servirebbe a rilassare mente e corpo. Secondo la ricerca scientifica condotta da diversi istituti con sede a Montreal, sulle proprietà della cannabis, fumare potrebbe addirittura influenzare negativamente la personalità di un individuo.

Ed anche ancor più della cocaina o dell’alcol. Varie equipe di ricercatori del paese nordamericano hanno osservato il comportamento di 1.136 individui tra uomini e donne, in cura presso le cliniche psichiatriche di Pittsburgh, Missouri e Massachusetts, e monitorato i loro progressi nell’arco di 12 mesi dalle dimissioni. Secondo i risultai, i pazienti che facevano uso regolare di marijuana erano circa 2.5 volte più propensi ad avere un atteggiamento violento e aggressivo rispetto a coloro che invece non assumevano la sostanza psicoattiva.

Il team, capitanato dal dottor Jules R Dugre, parla di un elevato «rischio clinico legato ad atti di violenza con gravi implicazioni sociali», ed incita il personale medico a prestare una maggiore attenzione ai fumatori che ricevono un trattamento per disturbi della salute mentale. Kathy Gyngell, del Centre for Policy Studies, Regno Unito, ha accolto la ricerca e lancia un appello ai Governi.

«Dove sono le campagne pubbliche sanitarie sui rischi della cannabis? Se i ministri avessero un po’ di buon senso saprebbero che non possiamo permetterci di far fronte a questa crisi in ambito sanitario e della sicurezza pubblica», ha dichiarato la Gyngell.

«Queste ricerche devono convincere il Governo a rivisitare la loro politica sanitaria al fine di offrire una maggiore protezione della popolazione dagli individui potenzialmente violenti».

Ovviamente, si tratta di uno studio basato su dati parziali che tuttavia pone alcuni interrogativi sulla necessità di approfondire anche nel Nostro Paese le conseguenze comportamentali del consumo basate su dati oggettivi anche per dare ulteriori contributi scientifici al dibattito sulla legalizzazione.

Giovanni D’Agata
Presidente dello “Sportello dei Diritti”

 

 

 

Paolo Galante sarà il regista televisivo delle quattro puntate del programma “Salento d’Estate” prodotto da DiTUTTO

Paolo Galante, ventenne Film-Maker leccese, sarà il regista del programma Tv  “Salento d’Estate” che DiTUTTO realizzerà la prossima Primavera.

Tra gli ultimi progetti realizzati da Galante, le riprese per un evento in diretta streaming della stazione spaziale VE4ISS della NASA e la creazione di uno spot Istituzionale sulla Sicurezza Stradale figuranti come testimonial i giocatori dell’U.S. Lecce e Cesko degli Aprè la Classe promosso da Comune di Soleto e ACI Lecce, patrocinato da Regione Puglia, Provincia di Lecce, Grecìa Salentina e Fondazione Notte della Taranta.

Galante – che vanta numerose importanti collaborazioni tra le quali quelle con la Fondazione “La Notte della Taranta” e il “Locomotive Jazz Festival” – è anche un esperto conoscitore della Post-produzione e riprese televisive broadcast.

Sarà lui quindi – film maker Certificato “Avid” – ad occuparsi della produzione delle quattro puntate del programma Tv.

DT

 

La Certificazione Internazionale Avid

Il sistema Avid è impiegato per le produzioni cinematografiche di altissimo livello, come quella dei film Marvel “The Avenger” o “Transformer”. La certificazione Avid è uno standard di eccellenza riconosciuto, che dimostra la competenza sui prodotti e soluzioni Avid.

 

 

zoom

Work in Progress per SALENTO D’ESTATE il programma Tv firmato DiTUTTO

 

Il Sottofiletto di Manzo al Sale

 

“Ricette Tutto Intorno”
a cura dello chef Giancarlo Rebuscini

Seconda Stagione

RICETTA N. 6 – Settimana dal 13 al 19 Ottobre

 

Cari lettori, e appassionato di cucina, eccoci questa settimana con un’altra ricetta: Il Sottofiletto di Manzo al Sale”.

La cottura al sale è consigliata a tutti coloro che non possono mangiare con grassi aggiunti come olio, burro eccetera e a quanti preferiscono in ogni caso una cucina molto più leggera.

La scelta del sottofiletto, non a caso, predilige un taglio di carne non grassa e morbida in  cottura.

Ciò premesso, va detto che molte altri carni si prestano a questo tipo di cottura, come quelle di pol-lo, fagiano, faraona, filetto di manzo,ecc.

Tra i pesci, si prestano particolarmente alla cottura al sale il branzino, l’orata,la riccolina, l’ombrina, eccetera.

 

Ingredienti per 4 persone

1 sottofiletto di manzo da 1 chilo e mezzo

1 rametto di rosmarino

3 chilogrammi di sale grosso

1 chiaro d’uovo

Mezzo bicchiere d’acqua

Pepe quanto basta

In una bacinella rotonda, deponete il sale,mettete il chiaro d’uovo e l’acqua.

Impastate il tutto e, presa una placchetta, adagiate sul fondo un terzo del sale, il rametto di rosmari-no e deponetevi il sottofiletto.

Com n il restante sale, ricoprite bene il sottofiletto: mettete a cuocere in forno a 200 gradi per ben 55 minuti.

Togliete dal forno, con un coltello spaccate la crosta di sale, asportate il sottofiletto dal sale, affetta-te con un coltello molto affilato e servite in tavola.

Buon appetito e appuntamento alla prossima settimana.

Giancarlo Rebuscini

Stesura Nicola Mauro Marino

 

Media Partner Ufficiale

Produzioni Televisive

 

 

ILLEGACY, il nuovo album della pianista e compositrice ROBERTA DI MARIO

 

NEI NEGOZI E IN TUTTI I DIGITAL STORE

 

Dal 13 ottobre disponibile nei negozi e nei digital store l’album “Illegacy” della pianista e compositrice Roberta Di Mario, (Warner Music Italy – Publishing: Red&Blue/Abiudico/ I Mean)

Un disco composto da 10 songs, un progetto raffinato, intimo e potente al tempo stesso, capace di proiettare chi ascolta in un luogo onirico ed evocativo. Prodotto artisticamente da Roberta Di Mario, Cristian Bonato e Federico Mecozzi, “Illegacy” è registrato al Numeri Recording Studio (Cavallino, RN) da Cristian Bonato.

 “Illegacy, 10 tracce che vi proietteranno in un mondo in bianco e nero e colore fatto di sogni e cinema e visione. Al centro della musica” Roberta Di Mario.

Sul canale youtube dell’artista è ora online “Indefinitely”, il quinto video estratto dall’album. Il video è stato girato da Mirco Passero a Cervere presso l’Anfiteatro dell’Anima. Disponibile a questo link:  https://youtu.be/1gUBu8mfea8

Prossime date

Giovedì 19 ottobre ore 18.30 @Feltrinelli Piazza Piemonte 2/4 ; MILANO

Venerdì 20 ottobre ore 18.30 @Red Piazza della Repubblica 26 FIRENZE

Martedì 24 ottobre ore 18.30 @Feltrinelli in Via Appia Nuova 427 ROMA

 

Breve Bio

 ROBERTA  DI MARIO è pianista, compositrice. Emotiva, elegante, appassionata, vive da sempre per la musica. Classe  72,  diplomata  in  pianoforte  al  Conservatorio  di  Parma  con  il  massimo  dei  voti,  lode  e  menzione  d’onore, inizia giovanissima l’attività concertistica e vince concorsi nazionali ed internazionali. Ama  sperimentare  e  rischiare  tra  i  tasti  bianchi  e  neri,  avvicinando  il  suo  suono,  dolcissimo  e  violento al mondo del teatro, del musical, del jazz, swing, pop, contemporaneo, ambient e soundtrack. Roberta Di Mario è un’artista Steinway.

Debutta  nel  2011 con il suo  primo Album “Tra  il  tempo  e  la  distanza” (Alfa  Music)  dove  canzone  d’autore  e pianismo contemporaneo co-esistono armonicamente. Nel 2014 esce il suo secondo Album “Lo stato delle Cose” (Irma Records)con la collaborazione del produttore Pietro Cantarelli (Ivano Fossati). Si tratta di un doppio progetto che vede ben distinte le  due  anime  artistiche di Roberta  in  due differenti cd:  Songs (musica e parole) e “A  Walk  on  the  piano  side”( solo strumentale). L’anteprima  dell’Album all’Atina Jazz Festival Winter, viene accolta con grande successo da critica e pubblico.

Il 2014 è anche l’anno dell’esperienza “Hands”, soundtrack dell’artista per il docufilm “Vivere il mondo di Botero”, suonata in occasione della mostra internazionale di Botero in Italia e Giappone. Roberta apre la mostra di arte indiana alla Biennale di Venezia “India the reveald mysteries”.

Durante il suo percorso artistico, Roberta Di Mario apre  i  concerti  di  Dionne  Warwick,  Mario  Venuti,  Toquinho,  RobyFacchinetti,  Sagi  Rei  a  Roma,  Milano, Genova, Venezia, Napoli, Palermo, portando in tour la sua opera “Lo stato delle Cose”. Nick the Nightfly la vuole ospite a RMC nel suo programma “Montecarlo Nights”, per intervistarla e farla esibire in un live.  Ospite anche di Radio 24 e Repubblica.tv,  da Ernesto Assante e Gino Castaldo.

Viene scelta come pianista resident nello store Feltrinelli di Firenze ed estende il tour nei maggiori stores Feltrinelli d’Italia.

A Dicembre 2016 è impegnata in una serie di concerti a New York City ospite del Consolato italiano per l’evento “Meet the new Italian Music Artist in NY”.

L’11 dicembre 2016, esce “Duende”, videoclip diretto da Matteo Foresti  che vede Roberta protagonista. Girato a Parigi, il video è il primo episodio di una serie unita da un filo logico a cui hanno fatto seguito “My Everything” con la regia di Riccardo Sabetti, e “Illegal Song” girato da Simone Peluso. Imminente la pubblicazione del video The colour of you”. I quattro brani sono estratti da “Illegacy” Album  di  inediti  interamente  strumentali in  uscita  il 13 ottobre 2017 con etichetta Warner Music Italy.

Apre i concerti de “La vita che si ama Tour” di Roberto Vecchioni all’Obihall di Firenze, al Parco della Musica di Roma e al Teatro Carlo Felice di Genova, al Festival di Todi nei mesi di marzo e settembre 2017. A maggio si esibisce a Milano in occasione di Piano City Milano, nella splendida cornice de “I Bagni Misteriosi” e a giugno apre l’edizione di Biografilm festival 2017 a Bologna alla presenza di una platea che accoglie il finale della sua esibizione con una standig ovation.

 

AWARDS

  • Vincitrice del premio Sisme come miglior interpretazione al Festival di Musicultura 2012.
  • Vincitrice del Premio Varigotti 2012
  • Finalista al Premio Bindi 2012
  • Vincitrice miglior canzone ai Parma Music Awards 2014.

 

Track by track

ILLEGAL SONG: E’ la musica che ti porta via, che ruba anima, cuore, mani e fa sanguinare tasti, dita e corde del piano. E’ illegale come un proiettile che ti sfiora divorandoti lentamente, tra il dolore e l’oblio.

MY EVERYTHING: Ognuno di noi insegue un “TU” che possa diventare il nostro tutto. Per me quel “TU” è la musica, questa ballade in si minore, che pervade ogni mia singola molecola, per estendersi oltre i confini della pelle.

DUENDE: E’ la ricerca disperata di uno stato d’animo emozionale, tra l’inquietudine, il tormento, la magia e la dolcezza. E’ il viaggio dell’irrazionale, del mistero, di quella dark zone che ogni uomo nasconde e difende, inconsapevolmente, dentro il viaggio della vita. Ed è Parigi.

GRATITUDE TO THE SKY: Ho guardato il blu e ho posato le mani sui tasti bianchi e neri. Quello che è successo subito dopo lo raccontano questi 4 minuti e 27 secondi di pennellate chiaro/scure, fino all’esplosione di cielo e colore.

MUSICA BIANCA: Una sola voce. Nessun arrangiamento, nessun colore, solo musica pura, celestiale, come piccoli cristalli. E’ il mio ritorno alle origini, il mio ritorno a casa.

UNCOMPLICATED: La vita è solo questa e scappa via. Sarebbe tutto più semplice se lasciassimo andare, per il tempo che resta, gli zaini che ci portiamo dannatamente dietro, i sensi di colpa, i rimpianti, il passato che è passato. Serve un lunghissimo respiro e poi riavviare il sistema, senza più complicazione alcuna.

INDEFINITELY: L’amore che resiste, oltre il tempo e lo spazio. La passione che non si consuma. Gli sguardi che si accendono, le mani che si cercano, i corpi che desiderano. Indefinitamente.

THE COLOR OF YOU: Ritmo, energia, colore, per una song nata in una sera d’estate. La finestra aperta, le risate leggere al gusto di frutta fresca, tutta la vita che c’è nella vita. Un pizzico di percussioni sexy e la musica arriva come un forte impulso irrefrenabile.

NO INTIMACY: perché si ha così paura dell’amore? Perché si entra in un cuore, ma non lo si vuole abitare? La scelta è sempre la via più facile, l’amore disinvolto, leggero, che resta in superficie, senza vera intimità. Questo però è ciò che non ci spetta.

EPILOGUE: E poi un giorno arrivò la pioggia, il mio stato d’animo. La musica migliore l’ho scritta con il rumore e l’odore della pioggia. Uscire da questo viaggio di intensità ed emozione , dal nome ILLEGACY, non poteva che succedere con un cielo che piange, il naso incollato alla finestra, il vetro appannato dal mio respiro e lo sguardo aperto verso il futuro.