SunrisePop, intervista all’imitatore e doppiatore Maurizio Di Girolamo

adv      

 

di Patrizia Faiello

Un’altra interessante intervista che vi proponiamo sulle pagine di SunrisePop è quella al doppiatore e imitatore Maurizio Di Girolamo.

Esperto di voce in tutte le sue forme, lo abbiamo potuto ammirare in tutta la sua simpatia e bravura durante una puntata estiva del talkshow di DiTutto durante la quale, con le sue imitazioni di numerosi personaggi famosi, ha lasciato tutti a bocca aperta. Buona lettura!

adv

 

Quando ti sei reso conto che le imitazioni ti avrebbero accompagnato nella tua vita diventando anche una professione?

Faccio imitazioni da quando ero ragazzino e questa cosa ha sempre fatto parte di me, come un modo per esprimere le mie emozioni. Mi sono reso conto che potevano trasformarsi in una professione quando ho raggiunto delle competenze tecniche e maggiore sicurezza studiando doppiaggio e recitazione e ho applicato tutto questo alle imitazioni, creando qualcosa di concreto.

Numerosissime le voci che hai preso in prestito a quale tra queste ti senti maggiormente legato e perché?
Tra le tante voci quella a cui mi sento molto legato è quella di Massimo Troisi, in parte perché sono anch’io come lui originario della Campania e poi perché quando vesto i suoi panni “vocali” se così si possono chiamare, mi sento completamente a mio agio, mi muovo tra le parole, tra le sue famose pause, e riesco ad esprimere al meglio il mio mondo interiore, a dire cose che magari non direi io. In questo caso io non la chiamo più “imitazione” per me è un omaggio.

Qual è il processo da definire per scolpire una voce che poi andrai ad imitare?

Secondo me è qualcosa di complesso ma semplice allo stesso tempo. La prima cosa è sentire il personaggio interiormente, più mi appassiona quella voce, quel carattere, e più riesco a farlo mio. Poi occorre provare ovviamente ad emulare il suono, ma la cosa che accade in me è ancora diversa. Una volta trovata la voce giusta, l’imitazione non è ancora completata, perché è come se il personaggio crescesse in me lentamente fino ad arrivare a far parte di me, ed è lì che vengono fuori le pause, i suoi respiri, quasi direi la sua anima. A questo punto ogni volta che tiro fuori quella voce, divento quel personaggio, parlo e penso come lui.

Che effetto ti fa avere la voce di qualcun altro? A parti inverse ti piacerebbe se qualcuno imitasse la tua di voce?

Direi che è come indossare un vestito diverso ogni volta, mi fa sentire libero, capace di poter dire qualsiasi cosa, scioglie i nodi emotivi interiori del mio essere. Sarei molto curioso di sentire la mia imitazione, una cosa divertente, spero che qualcuno voglia provare prima o poi.

Ti sono arrivati dei messaggi di congratulazioni da parte dei diretti interessati per come sei stato in grado di riproporre la loro timbrica?

Tempo fa mi era arrivato un messaggio del comico Giovanni Cacioppo a cui era piaciuta la mia imitazione.

Quest’estate hai partecipato al talk show SunrisePop di Ditutto in una puntata all’insegna del puro divertimento. In quest’ultimo periodo è stato più difficile far ridere Il pubblico? 

Sono stato molto contento di aver potuto partecipare al vostro talk show. Certo in questo momento delicato è difficile pensare di poter essere leggeri d’animo, ma devo dire ricevo spessissimo ringraziamenti dalle persone per aver regalato loro un sorriso, un momento di svago, e questo credo sia la cosa più bella in assoluto, perché dà senso a quello che faccio. Quindi penso che ci sia ancora più bisogno ora di ridere, e tutto ciò mi spinge a fare quel che faccio in misura maggiore.

Secondo te il pubblico è diventato più esigente anche da questo punto di vista?

Secondo me no, credo che il pubblico abbia voglia di divertirsi e sceglie come farlo in base ai propri gusti, come è normale che sia.

C’è un personaggio più gettonato tra tutti quelli che proponi di consueto?

Un personaggio molto richiesto in questo momento in particolare è Vincenzo De Luca. Tra gli altri personaggi vedo che piacciono molto Lino Banfi e Massimo Troisi.

Tra i tuoi progetti futuri?

Per quando riguarda i progetti futuri mi piacerebbe poter riunire in un unico spettacolo tutte queste voci, e creare dei format nuovi sul web unendo il doppiaggio e le imitazioni.

 

 

adv