A Franco Mussida il Premio Campione per le attività sociali svolte nelle carceri italiane insieme al Cpm Music Institute

adv  

Franco Mussida è uno dei vincitori della 22ª edizione del Premio Campione per le attività sociali svolte nelle carceri italiani insieme al CPM Music Institute, la scuola di musica da lui fondata e diretta, da sempre coinvolta nel progetto CO2, che dal 2013 ha coinvolto migliaia di detenuti in 11 carceri italiane (tra cui il Carcere di San Vittore e il Carcere minorile Beccaria di Milano), portandoli ad avere una maggiore consapevolezza con l’ascolto della musica strumentale in ogni sua forma, dalla classica al jazz, dal pop alla musica etnica.

Questa la motivazione del premio, promosso dall’associazione di volontariato dei City Angels, ideato dal suo fondatore e presidente Mario Furlan e assegnato ai “campioni” di solidarietà, legalità e civismo: «Campione per la musica, Franco Mussida, musicista e artista, fondatore e presidente del CPM Music Institute, già membro della PFM. Da oltre 30 anni, è molto attivo nel sociale, in particolare, in varie carceri italiane, tra cui San Vittore, e presso la comunità di San Patrignano, tutte realtà dove ha portato il progetto CO2 per un ascolto consapevole della musica. Ha ideato e diretto “Fatto per un mondo migliore”, grande operazione benefica per l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e, inoltre, ha collaborato con la Fondazione Exodus di Don Mazzi, per il recupero dei giovani fragili».

adv

«La salute etico morale di stati e città sarebbe allo “stadio terminale”, se dipendesse solo dall’obbedienza alle leggi. Il sistema funziona, se i cittadini si disciplinano nell’offrire compassione, aiuto, sostegno, amorevolezza. Se si porta umanità dove c’è disumanità. Se si offre calore e affetto dove vive la disperazione. È questo, e non solo, quello che fanno i City Angels. Un corpo di medicina sociale di pronto intervento, soprattutto per l’anima – dichiara Franco Mussida Accettare questo riconoscimento, per me, vuol dire contribuire ad accendere i fari sul loro prodigioso operare. Li ringrazio. Ringrazio Mario Furlan, motore di questa straordinaria opera di volontariato. Ringrazio anche a nome dei detenuti della Nave a San Vittore, dei ragazzi di San Patrignano, degli studenti e di tutto il CPM Music Institute. Assieme alla Musica, di cui sono servitore, sono i miei più cari compagni nelle attività che mi hanno portato a questo riconoscimento».

I vincitori sono stati selezionati da una giuria composta da direttori e giornalisti di 19 organi d’informazione: Affaritaliani.it, Avvenire, Corriere della Sera, Famiglia Cristiana, Fanpage, Il Giornale, Il Giorno, La Gazzetta dello Sport, La Repubblica, Leggo, Libero, Mediaset, Metro, Milano Today, Mi-Tomorrow, Radio Lombardia, Rai, Upday e Wikimedia Italia.

La cerimonia di consegna del Premio si è tenuta giovedì 11 maggio, presso la Sala Alessi di Palazzo Marino, alla presenza di varie Autorità istituzionali e religiose, tra le quali la Presidente del Consiglio Comunale, Elena Buscemi, gli Assessori comunali Lamberto Bertolé (Welfare e salute) e Pierfrancesco Maran (Casa e piano quartieri), il giudice della Corte Penale Internazionale e Sostituto Procuratore Generale presso la Corte d’Appello Cuno Tarfusser e il Provveditore Agli Studi, Marco Bussetti.

A condurre la cerimonia l’attrice, inviata di “Striscia La Notizia” e testimonial dei City Angels, Rajae Bezzaz.

Il Premio è sponsorizzato da Yakult Italia e patrocinato dal Comune di Milano, dalla Città Metropolitana e dalla Regione Lombardia, con l’Associazione Nazionale Magistrati, l’Agenzia delle Entrate, l’Ordine degli Avvocati, la Comunità Ebraica di Milano, il Rotary Club e il Lions Club.

Il CPM Music Institute (riconosciuto Istituto di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica dal MUR) vanta un programma didattico ricco e articolato di corsi specializzati nella formazione strumentale, vocale e professionale curati da insegnanti professionisti (Basso, Batteria, Canto, Chitarra, Pianoforte&Tastiere, Tecnico del Suono, Composizione Pop Rock, Electronic Music Producer, SongWriting, Arpa, Fiati e Violino Pop Rock)e propone percorsi Accademici, PreAccademici, Multi e Mono Stilistici, Individuali (AFAM, BAC, Diploma, Certificate, Individuali e Master).

È, inoltre, possibile intraprendere il triennio e il biennio AFAM, per conseguire il Diploma Accademico di 1° e 2° livello, titoli equivalenti ad una Laurea triennale e magistrale, riconosciute sul territorio nazionale e in tutti i Paesi Europei.

Molti di coloro che hanno studiato al CPM lavorano, oggi, in orchestre prestigiose, suonano e cantano come coristi o musicisti all’interno di band di importanti artisti (da Laura Pausini ad Ermal Meta), altri hanno intrapreso carriere artistiche proprie (tra i quali Mahmood, Chiara Galiazzo, Renzo Rubino, Cordio, Tananai).

Dal 1988, si occupa anche di portare la Musica in luoghi estremi. La più recente iniziativa è CO2 “Controllare l’odio che consiste nell’installazione di speciali audioteche di sola musica strumentale divisa per stati d’animo, attive in 11 carceri italiane (Milano, Opera, Monza, Torino, Alessandria, Roma, Napoli, Venezia, Genova, Bologna, più una variante attiva al carcere minorile Beccaria di Milano).

Realizza progetti musicali educativi per il sociale, come le attività educative inserite nei programmi di recupero della Comunità di San Patrignano, e per l’industria, come la progettazione di una radio di qualità per il circuito NaturaSì, per la cultura, con la partecipazione al Premio Campiello Giovani e i corsi formativi per i partecipanti ad Area Sanremo.

Anna Maria Iozzi

 

adv