Stefano Colli, “M’INNAMORO AL BUIO”

ADV

Quarto singolo estratto da “Aquiloni“, album di esordio di Stefano Colli, dopo l’omonimo singolo di lancio e ancora “Mozambico” (feat. Iskra) e “Indispensabile” (feat. Giò Di Tonno) arriva in radio il 15 febbraio2022 “M’Innamoro al buio”, accompagnato da un video per la regia di Miriam Previati, con la partecipazione dell’attrice Elisa Billi.

Un videoclip che tocca le corde intime dell’ascoltatore e dello spettatore e nasce da una idea portata avanti grazie alla preziosa collaborazione con l’ASSOCIAZIONE AIDUS, (Associazione per l’Inclusione di Udenti e Sordi) nata a Ferrara nel 2017 con l’obiettivo di abbattere le barriere che limitano l’interazione tra la cultura sorda e quella udente.

ADV

ADV

Si è voluto far sì che il messaggio del testo raggiungesse quante più persone possibili: la carica espressiva della LIS (Lingua dei Segni Italiana) rende infatti fruibile il testo attraverso il canale visivo, mostrando come la potenza delle parole passi attraverso il il viso, il corpo e le mani, grazie all’esibizione di un gruppo misto di sordi madrelingua, bilingue, oralisti e udenti segnanti e non.

Al contempo, obiettivo di questo lavoro e della collaborazione con AIDUS è anche quello di apportare un contributo sincero alla diffusione della LIS, lingua veicolare per AIDUS, la cui diffusione avviene anche grazie a questo genere di iniziative, secondo l’ideale associativo che vede l’inclusione possibile solo attraverso la conoscenza reciproca in ogni sfaccettatura, senza alcuna esclusione.  “M’innamoro al buio” è la ballata di chi non si arrende davanti alle ombre del cuore ma, al contrario, trova proprio lì il senso del proprio cammino.

È il racconto di quanto sia sottile, in amore, quel filo che divide luce e buio e di come noi esseri umani siamo portati ad oltrepassarlo per poi comprendere che, quando si ama davvero, vale sempre e comunque la pena mettere in gioco fino in fondo i propri sentimenti ed accogliere la propria vulnerabilità .

La produzione è caratterizzata da una miscela elegante di sonorità acustiche ed elettroniche. L’arrangiamento richiama il British pop ed è una culla per la melodia e la voce. Anche  questo singolo è stato prodotto e arrangiato da Giancarlo Di Maria, come tutto l’album “Aquiloni” di cui fa parte, un lavoro di ampia portata che arriva dopo l’uscita dei singoli  “Crudele” e “Guarda la notte” e dopo le esperienze televisive del Festival di Castrocaro (RAI 1) e di The Voice of Italy (RAI 2 nel Team di Gigi D’Alessio);  si compone di nove tracce che includono sette pezzi inediti, una cover del brano “La lettera che non scriverò mai”, portato al successo da Fiorella Mannoia,e un prologo introduttivo, recitato dal noto attore italiano Ivano Marescotti.  Il sincretismo artistico di tutta l’opera rispecchia proprio la poliedricità di Stefano, una ricerca che si concretizza in un lavoro pluriartistico, che unisce letteratura, musica, teatro, arti visive.

Un progetto impreziosito ulteriormente dalla collaborazione con Giò Di Tonno,Iskra Menarini (storica vocalist di Lucio Dalla) e della cantautrice pescarese Rebecca Pecoriello, in arte Marsali.

  • Autrice e Compositrice: Rebecca Pecoriello
  • Pianoforte, tastiere e archi sint : Giancarlo Di Maria
  • Chitarre: Pietro Posani
  • Basso: Marco Dirani
  • Cori: Rebecca Pecoriello
  • Prodotto, arrangiato e realizzato da Giancarlo Di Maria
  • Registrato da Riccardo Nanni e Giancarlo Di Maria c/o Studio Parametri Musicali (Bo)
  • Mixato da Riccardo Nanni c/o Studio Parametri Musicali(Bo)
  • Masterizzato da Daniele Bagnoli c/o Bross Studio (Re)
  • Edizione Musicale Parametri Musicali Snc responsabile Simona Grandi
  • Etichetta: PMS  Studio
  • Produzione esecutiva Raffaele Montanari per Pms Studio
  • Comunicazione, press, project management, promozione by Abacusweb

VIDEOCLIP

  • Regia: Miriam Previati
  • Direttore della fotografia: Riccardo Sarti
  • Operatore e colorist: Gianluca “Kalu” Battilani
  • Assistente di produzione: Giulia Mattarucco
  • Attrice: Elisa Billi
  • Performer Lis: Angela Bombardi,  Katerina Cannatà, Noemi Casanova, Crystal Laurencio, Serena Longo, Evisa Rami

Si ringrazia Associazione AIDUS, Serena Longo e Giulia Dalmonte.

AIDUS – Associazione per l’Inclusione di Udenti e Sordi

Il 18 Maggio 2017 nasce a Ferrara l’Associazione per l’Inclusione di Udenti e Sordi (AIDUS) con l’obiettivo di abbattere le barriere che limitano l’interazione tra la cultura sorda e quella udente.

In questi primi anni di attività ha organizzato numerosi eventi culturali di inclusione, tra cui il Buskers Deaf giunto alla 4a edizione. Ha instaurato delle feconde collaborazioni con le istituzioni e le altre associazioni del territorio. L’Associazione si impegna nella promozione della Lingua dei Segni Italiana e del bilinguismo attraverso Corsi di Sensibilizzazione, Workshop, Progetti di inclusione.

È attiva anche nel miglioramento dell’inserimento lavorativo e scolastico e in tutto ciò che può facilitare l’autonomia comunicativa e socio-sanitaria. Un altro punto importante per il suo lavoro è l’apertura verso il mondo dei sordociechi.

L’Associazione vuole fare in modo che ci siano per tutti le stesse possibilità, distruggendo i preconcetti che chiudono nel loro rispettivo mondo sia i sordi che gli udenti. Si vuole dare valore alla persona nel suo complesso, all’individuo reale che sta dietro all’abilità o alla disabilità, per farne emergere le potenzialità.

http://www.associazioneaidus.it/

ADV

ADV

ADV