CHICAGO. Una nuova ricerca rivela i benefici dei PISTACCHI nel diabete gestazionale

ADV      

 

I risultati di un nuovo studio condotto su alcune donne in gravidanza con un’alterata tolleranza al glucosio durante la gravidanza (GIGT) o diabete mellito gestazionale (GDM) – comunemente conosciuto come diabete gestazionale –rivelano che mangiare pistacchi può aiutare a gestire i livelli di zucchero nel sangue. Lo studio,“Effetti dell’assunzione di pistacchio sulla risposta glicemica postprandiale nelle donne in gravidanza”, è il primo a valutare la risposta del glucosio dopo il consumo di pistacchi in donne in dolce attesa con GDM o GIGT. I risultati sono stati presentati lo scorso lunedì 23 ottobrenel corso della Academy of Nutrition and Dietetics’ 2017 Food & Nutrition Conference & Expo™ a Chicago, Illinois.

Il diabete è una malattia cronica che colpisce più di 422 milioni di persone in tutto il mondo.[1]Il diabete mellito gestazionale (GDM) è un tipo di diabete che si sviluppa in una donna in gravidanzache non ha precedentemente mai sofferto di diabete2. Come altri tipi di diabete, influisce sul modo in cui il corpo utilizza lo zucchero nel sangue.3,4L’alteratatolleranza al glucosio durante la gestazione (GIGT) si verifica quando in gravidanza il corpo non è in grado di regolare normalmente i livelli di glucosio nel sangue a causa di cambiamenti ormonali. I livelli di glucosio nel sangue aumentano oltre i livelli normali dopo un test da carico di glucosio, ma non sono abbastanza alti da giustificare una diagnosi di diabete. Mentre la patologia si risolve dopo la nascita del bambino, le donne con GDM o GIGT corrono però un rischio maggiore di sviluppareil diabete successivamente.

Secondo gli ultimi criteri diagnostici stabiliti dalla International Association of Diabetes and Pregnancy Study Groups (IADPSG) nel 2010, la diffusione di GDM è stata stimata a livello mondiale del 9,8-25,5%.

“Il nostro studio è il primo a dimostrare che il consumo di pistacchi può aiutare le donne con diabete gestazionale a controllare i livelli di zucchero nel sangue dopo averli mangiati“, spiega Sheng Ge, ricercatrice principale, primario e direttrice della Clinical Nutrition al Sixth People’s Hospital, Shanghai Jiao Tong University, Cina, dove è stato condotto lo studio.”I risultati evidenziano che i pistacchi possono rappresentareuna scelta intelligente per le donne con diabete gestazionaleperché contribuiscono a gestire la loro malattia”.

ADV

Nello studio, a 30 donne con diabete gestazionale (tutte tra le 24 e le 28 settimane di gravidanza)- suddivise in due gruppi secondo criteri casualiè stato chiesto di consumare una colazione a base di 42 grammi di pistacchi (circa 1/3 di una tazza o 1 ½ porzione) oppure di 100 grammi di pane di grano integrale(due fette) dopo il digiuno notturno. I pistacchi e il pane integrale sono stati scelti in base all’equivalenza calorica. Lo zucchero nel sangue e il GLP-1, un ormone chiave nella regolazione della produzione di insulina5,sono stati misurati ogni 30 minuti dopo il pasto, fino a 120 minuti. Dopo sette giorni i gruppi sono stati invertiti.

I livelli di zucchero nel sangue sono risultati significativamente inferiori dopo il consumo di pistacchi piuttosto che di pane integrale dopo 30 minuti, 60 minuti, 90 minuti e 120 minuti. Infatti, i livelli di zucchero nel sangue dopo l’ingerimento dei pistacchi erano paragonabili ai livelli di base. Inoltre, i livelli di GLP-1 risultavanonotevolmente più alti dopo il consumo di pistacchi rispetto al pane integrale dopo 60 minuti, 90 minuti e 120 minuti.

L’effetto sui livelli di insulina era ancora più sorprendente.I livelli di insulina nel sangue non sono aumentati durante le due ore successive al consumo di pistacchi. Ancora una volta, in entrambi i gruppi di donne si è avuto un aumento significativamente più basso dei livelli di insulina nel sangue, in ogni momento misurato, dopo aver mangiato i pistacchi, rispetto al pane.

“L’aumento dello zucchero nel sangue durante la gravidanza non solo influenza la salute della madre, ma può anche aumentare il rischio del neonato di sviluppare il diabete”6, ha dichiarato Zhaoping Li, ricercatrice e professoressa di medicina, Chief of the Division of Clinical Nutrition, University of California, Los Angeles. “Lo studio dimostra che i pistacchi possono essere un’utile integrazione alla dieta per mantenere livelli salutari di zucchero nel sangue, fornendo nutrienti essenziali alla madre e al bambino in questo momento fondamentale”.

“È entusiasmante sapere che a tavola si possono scegliere alimenti non lavorati che siano anche così gradevoli per le pazienti. In seguito a una diagnosi di diabete, le future mamme sono di sicuro molto più propense a rispettare una dieta prescritta se c’è un cibo che amano” – ha aggiuntoLa Dott.ssa Li.

I pistacchi hanno un basso indice glicemico (IG), sono relativamente alti in fibre, grassi sani, antiossidanti e fitonutrienti antiinfiammatori, tutte sostanze nutritive da cui le persone con diabete possono trarre beneficio.7Mangiare pistacchi ha un effetto minimo sui livelli di zucchero nel sangue a fine pasto: aggiunti a un piatto ricco di carboidrati, contribuiscono a ridurre al minimo ogni picco di zucchero nel sangue.8 Lo studio è stato sostenuto dalloUnited States Department of Agriculture(USDA)e American Pistachio Growers, un’associazione no profit che rappresenta più di 700 coltivatori di pistacchio negli Stati Uniti. I pistacchi utilizzati nello studio sono stati coltivati ​​negli USA. Nessuna delle fonti di finanziamento ha svolto un ruolo nella raccolta, nell’analisi o interpretazione dei dati.

American Pistachio Growers

American Pistachio Growers è un’associazione no profit del settore agricolo che rappresenta più di 620 membri in California, Arizona e New Messico. APG è governata da un consiglio di amministrazione di 18 soci ed è finanziata interamente da coltivatori e operatori indipendenti con l’obiettivo comune di promuovere le proprietà nutrizionali dei pistacchi americani. Gli Stati Uniti sono al primo posto nella produzione mondiale di pistacchio dal 2008. Per maggiori informazioni: www.AmericanPistachios.org.

 

[1]http://www.who.int/diabetes/global-report/en/

2 https://www.cdc.gov/pregnancy/diabetes-gestational.html

3 https://www.cdc.gov/diabetes/basics/diabetes.html

4 http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/gestational-diabetes/basics/definition/con-20014854

5 http://care.diabetesjournals.org/content/34/Supplement_2/S279

6 http://www.idf.org/about-diabetes

7 Hernandez-­‐Alonso P, Bullo M, Salas-­‐Salvado J. Pistachios for health. What do we know about this multifaceted nut? Nutrition Today 51(3):133-­‐1382016 doi: 10.1097/NT.0000000000000160

8Kendall CW, Josse AR, Esfahani A, Jenkins DJ. The impact of pistachio intake alone or in combination with high-carbohydrate foods on post-prandial glycemia. Eur J Clin Nutr. 2011;65(6):696–702. [PubMed]

 

ADV
SHARE

LEAVE A REPLY

capcha *