Combattere la ritenzione idrica prima dell’estate: qualche trucco

adv    

Ogni anno è la stessa storia: pochi mesi prima di indossare il costume da bagno è soprattutto il pubblico femminile a voler correre ai ripari. Impennate di iscrizioni in palestra, chiamate ai nutrizionisti e prodotti beauty specifici ma cos’è la ritenzione idrica? Come riconoscerla e combatterla? Ecco qualche segreto che ti aiuterà a sentirti a tuo agio in bikini durante l’estate.

Riconoscere la ritenzione idrica

La ritenzione idrica è un accumulo di liquidi nei tessuti del corpo che va a formare un vero e proprio edema: può essere causata dall’alimentazione, dalla mancanza di esercizio fisico, da alterazioni ormonali o problemi di salute più seri. Si manifesta con gonfiore, soprattutto nella zona di caviglie, gambe, viso, e spesso è accompagnata da una sensazione di pesantezza e spossatezza.

adv

Riconoscerla è il primo passo per combatterla efficacemente: alcuni campanelli d’allarme che dovresti notare sono il gonfiore di specifiche parti del corpo, soprattutto verso fine giornata, e la difficoltà di perdere peso e centimetri nonostante dieta ed esercizio fisico. Anche la pelle è d’aiuto nell’identificazione: premendo leggermente con un dito, se il segno rimane per alcuni secondi, la possibilità di soffrire di ritenzione idrica è davvero alta. Ma cosa si può fare per trattarla?

Indossa abbigliamento specifico

Il primo consiglio è quello di scegliere capi in tessuti naturali e traspiranti, di una taglia adatta così che non stringano troppo. In aggiunta consigliamo di acquistare prodotti specifici come gli short a vita alta realizzati con materiale certificato OEKO-TEX in grado di applicare un micromassaggio per riattivare la circolazione ed eliminare i liquidi più agevolmente. Questo prodotto, leggero e invisibile, potrai indossarlo sotto i tuoi leggings in palestra o utilizzarlo in combo con una crema drenante specifica per massimizzarne gli effetti.

Segui un’alimentazione bilanciata

La dieta gioca un ruolo fondamentale se vuoi davvero arrivare al top alla prova costume: limita il consumo di sale, poiché favorisce la ritenzione di liquidi quindi presta attenzione anche a i salumi che ne abbondano. Aggiungi invece alimenti ricchi di potassio come banane, patate e spinaci, che aiutano a eliminare il sodio attraverso l’urina. Bere molta acqua è altrettanto importante: potrebbe sembrare controproducente, ma un adeguato apporto idrico aiuta a condurre i liquidi in eccesso fuori dal tuo corpo.

Fai esercizio fisico con regolarità

Non fare l’errore di massacrarti con sedute di training estenuanti a ridosso della tua settimana di vacanza, pianifica con largo anticipo una scheda d’allenamento personalizzata facendoti aiutare da un PT professionista. L’esercizio, anche quello con i pesi, ti aiuta a migliorare la circolazione sanguigna e linfatica, ottenendo risultati in termini di silhouette ma soprattutto combattendo i ristagni di liquidi. Oltre alla palestra, potresti prendere in considerazione il nuoto, il ciclismo, il running o anche solo delle belle passeggiate all’aperto. Ricorda però: il segreto è la costanza!

Fatti aiutare dai trattamenti beauty

Ci sono molte soluzioni che possono supportare nel combattere la ritenzione idrica: massaggi linfodrenanti, trattamenti anticellulite e creme specifiche possono migliorare l’aspetto della pelle e ridurre il gonfiore. Rivolgendoti alla tua estetista probabilmente ti proporrà dei pacchetti convenienti che combinano pressoterapia, massaggi manuali e fanghi. A tutto ciò aggiungi drenanti naturali come il te verde, l’ananas o la centella asiatica disponibili frequentemente sotto forma di integratori.

Se nonostante gli sforzi, la ritenzione idrica persiste, ti suggerisco di consultare uno specialista di medicina estetica che saprà guidarti verso le soluzioni migliori per la tua situazione.

 

 

 

adv