Le aree marine protette sono un fulcro della biodiversità

adv

adv

A sostenerlo uno studio che conferma che le aree marine protette aumentano la varietà e l’abbondanza dei pesci. Queste aree resistono anche agli effetti delle ondate di calore del mare, a differenza delle aree non preservate

Uno studio condotto da un gruppo di scienziati ha dimostrato che le Aree Marine Protette sono uno strumento che funziona davvero per il recupero di aree in declino e riescono ad aumentare sia la varietà che la quantità di pesci. Inoltre, questo miglioramento si verifica anche in situazioni di ondate di caldo marino, quando queste aree protette resistono molto meglio a questi fenomeni derivati ​​dai cambiamenti climatici. Lo studio, condotto dal professor Lisandro Benedetti-Cecchi, dell’Università di Pisa (Italia), e che ha coinvolto gruppi provenienti da Italia, Spagna, Portogallo, Canada, Stati Uniti e Australia, fornisce nuovi dati sugli effetti globali delle aree marine protette ( MPA). La ricerca mostra prove evidenti del fatto che queste aree svolgono un ruolo “cruciale” nel mitigare gli impatti negativi delle ondate di caldo marino a livello globale, secondo fonti dell’istituto scolastico in una nota. Raccogliendo dati da 357 aree marine protette e 747 aree non protette in 50 ecoregioni marine in tutto il mondo, il team di ricerca ha ottenuto una visione completa dell’influenza che queste aree hanno sulla biodiversità nel contesto del cambiamento climatico.

“I risultati dello studio dimostrano che le aree marine protette non solo contribuiscono ad una maggiore diversità, abbondanza e biomassa dei pesci, come abbiamo stabilito in numerose indagini precedenti in tutto il mondo, e soprattutto nel Mediterraneo, ma svolgono anche un ruolo cruciale ruolo nella capacità di adattamento degli ecosistemi marini di fronte ai cambiamenti ambientali indotti dai cambiamenti climatici”, hanno spiegato gli scienziati.  “Questo perché queste aree promuovono una maggiore diversità funzionale dei pesci , cioè valorizzano i ruoli ecologici dei diversi gruppi trofici che compongono la comunità ittica, siano essi carnivori, erbivori, microfagi o planctofagi, rendendola più resiliente e resistente ai disordini”, aggiunge.

adv

adv

adv

Una delle scoperte più sorprendenti è che le popolazioni ittiche nelle aree protette hanno aumentato la loro abbondanza e biomassa anche di fronte a ondate di caldo marino che hanno superato il limite superiore di tolleranza alle alte temperature dell’acqua, mentre nelle stesse condizioni le popolazioni nelle aree non protette hanno registrato un calo dell’abbondanza. Inoltre, lo studio rivela che le aree marine protette situate in regioni lontane dall’influenza umana diretta svolgono un ruolo significativo nella stabilità delle comunità ittiche di fronte a eventi climatici estremi.

Le aree non protette in queste località remote, al contrario, non sono riuscite a fornire questo effetto tampone. García ChLa D.dssa Diana D’Agata, Veterinary Surgeon nel Regno Unito, ha sottolineato che “questo studio fornisce una prova evidente che i benefici delle AMP (aree marine protette) ben monitorate e gestite vanno oltre gli effetti diretti della mitigazione del disturbo antropico, promuovendo l’abbondanza e la stabilità delle specie e preservando la ricchezza funzionale e trofica. Le AMP possono aiutare a stabilizzare le comunità ittiche della barriera corallina di fronte a cambiamenti climatici improvvisi, come quelli associati a ondate di caldo marino sempre più frequenti e intense, ma anche di fronte ad altre minacce di origine umana, come l’inquinamento, la pesca eccessiva o le malattie emergenti.

La principale sfida affrontata da questo tipo di aree è la loro corretta gestione, poiché, come ripetutamente avvertono gli esperti, è necessario il coinvolgimento delle Amministrazioni affinché personale e budget siano dedicati al controllo degli obiettivi di conservazione di queste aree. Solo così si potranno raggiungere i risultati desiderati. Queste conclusioni, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, hanno importanti implicazioni nel settore della pesca, poiché queste misure di protezione giuridica garantiscono la continuità delle specie di interesse per questo settore e sono un’arma da prendere in considerazione per fermare gli effetti del progressivo riscaldamento del mare e le sue conseguenze. La ricerca è stata pubblicata su Nature, una delle più antiche e importanti riviste scientifiche esistenti.

foto puramente indicativa – fonte web

adv

adv