COMUNICATO STAMPA Marijuana pericolosa per il cervello degli adolescenti: scoperta scioccante dopo la risonanza magnetica di 800 adolescenti. Gli effetti dannosi del THC contenuto nella cannabis possono influenzare la chimica del cervello, hanno avvertito i ricercatori

ADV

I prodotti a base di cannabis oggi sono molto più forti di prima, perché contengono una percentuale più elevata di delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), la principale sostanza psicoattiva, e gli adolescenti sono particolarmente sensibili ai suoi effetti dannosi, hanno avvertito gli scienziati. Lo ha annunciato dopo un sondaggio sull’uso di droghe e sulla salute, da cui è emerso che solo il 35% dei giovani tra i 12 ei 17 anni negli Stati Uniti ritiene che vi sia un alto rischio di danni nel fumare marijuana una o due volte alla settimana.

Uno psicologo clinico e scienziato dell’Auckland Research Centre afferma che i giovani molto probabilmente hanno ereditato questa convinzione dai loro genitori, tuttavia i genitori non si rendono conto che i prodotti utilizzati oggi non sono più quelli di una volta e che i prodotti a base di cannabis ora sono molto più potente e può aumentare il rischio di dipendenza e psicosi, riferisce notizie scientifiche.

ADV

ADV

Nel 1995, la percentuale totale di THC in peso nel materiale vegetale di marijuana era di circa il 4%, e ora è disponibile marijuana con una potenza di THC del 20% o più, mentre i prodotti concentrati di cannabis, tra cui cera, germogli, possono contenere una potenza di THC fino al 95 per cento – ha detto. La cannabis è legale per gli adulti per uso ricreativo in 24 stati degli Stati Uniti, inclusa la capitale Washington, ed è legale per uso medico in 38 stati e Washington. Secondo la pediatra Beth Ebel della School of Medicine dell’Università di Washington, la diffusa disponibilità di cannabis promuove l’idea che sia sicura, il che, sottolinea, è “un presupposto errato”.- Il THC può influenzare la chimica del cervello in modi non previsti. “Alcuni degli effetti peggiori possono avere conseguenze sulla salute per tutta la vita, soprattutto per un giovane”, ha detto. La neuroscienziata Jasmin Herd della New York School of Medicine afferma che i prodotti concentrati di cannabis possono essere estremamente potenti e così diversi da ciò che è noto come cannabis, che “dobbiamo iniziare a chiamarli in modo diverso”. Sottolinea che, come per altre droghe, l’adolescenza è un periodo particolarmente rischioso per l’uso di cannabis.

Il cervello dell’adolescente è ancora in via di sviluppo. Durante questo periodo, le connessioni nel cervello dell’adolescente si formano, si rafforzano o si indeboliscono. Il tuo cervello sta cercando di capire cosa è importante imparare e cosa è importante memorizzare. Questo processo è influenzato negativamente dal THC,” ha detto Ebel. È stato dimostrato che il THC si lega a uno dei principali recettori, chiamato CB1, del sistema endocannabinoide che influenza molte funzioni del corpo.

Nel cervello, il sistema endocannabinoide svolge un ruolo chiave nello sviluppo degli organi e aiuta a regolare l’ansia, il dolore, la memoria, la motivazione comportamentale e altro ancora. Il sistema endocannabinoide contribuisce anche ai cambiamenti strutturali che si verificano nel cervello dell’adolescente in via di sviluppo, e il THC può interrompere la segnalazione del sistema durante questo periodo cruciale e lasciare un’impronta sulla struttura del cervello.Studi sugli animali hanno dimostrato che l’esposizione al THC durante l’adolescenza può ridurre i recettori CB1 nel cervello e portare a problemi di memoria e di apprendimento a lungo termine.

Una delle aree in cui la sostanza psicoattiva modifica è la corteccia prefrontale, che matura durante l’adolescenza ed è parte integrante della risoluzione dei problemi e della regolazione emotiva. Nei ratti adolescenti a cui è stato iniettato THC, le proiezioni delle cellule nervose che si collegano ad altre cellule nervose sono state ridotte prematuramente e la corteccia prefrontale è stata interrotta. Esistono anche prove negli esseri umani che il THC modifica il cervello degli adolescenti.

I ricercatori, rileva Giovanni D’Agata dello “Sportello dei Diritti”, hanno analizzato quasi 1.600 immagini di risonanza magnetica del cervello di quasi 800 adolescenti, scattate in media tra i 14 e i 19 anni. E stata riscontrata un’associazione tra l’uso di cannabis per un periodo di cinque anni e un accelerato assottigliamento della corteccia prefrontale, hanno riferito gli scienziati in JAMA Psychiatry 2021. L’uso di cannabis mette a rischio anche la salute mentale degli adolescenti, il che è vero anche per chi usa la cannabis a scopo ricreativo, secondo Science News.

 

Foto puramente indicativa – fonte web

ADV

ADV

ADV