Vitamina C (acido ascorbico) e Coronavirus

adv      

«Frontiers in Immunology», magazine dell’International Union of Immunological Societies (IUIS), ha analizzato, in una interessante metanalisi, la nota Vitamina C, chimicamente chiamata Acido Ascorbico.

The Long History of Vitamin C: From Prevention of the Common Cold to Potential Aid in the Treatment of COVID-19” è il lavoro supervisionato dal Prof. Giuseppe D’Antona del Dipartimento di Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense e Direttore del Centro Interdipartimentale delle Attività Motorie e Sportive (CRIAMS) dell’Università di Pavia e dal Dr. Massimo Negro, nutrizionista del CRIAMS.

adv

IL Covid-19 impone sforzi intellettuali notevoli per comprendere a pieno tutte quelle sostanze anche naturali capace di contrastare la potenza di questo virus pandemico e quindi questi approfondimenti sulla Vitamina C appaiono di notevole importanza.

L’acido ascorbico  svolge un ruolo fondamentale nel sostegno del sistema immunitario  (molto noti gli studi dello scienziato Linus Pauling sull’uso di megadosi di Vitamina C) e partendo proprio da questo, si è più volte sottolineato l’uso di questa molecola per contrastare SARS-CoV2.

Lo studio globale sulla Vitamina C sottolinea che non  ci sono prove evidenti  che l’uso di integratori di vitamina C possano proteggere dal virus noto anche come SARS-nCoV2 ma nelle categorie ad alto rischio come diabetici e cardiopatici, l’utilizzo di questa vitamina potrebbe abbassare l’infiammazione e la sensibilità all’infezione, e quindi sviluppo della malattia.

Inoltre megadosi di Vitamina C (già testate positivamente contro il cancro), dimostrano un utilizzo farmacologico per il trattamento della  polmonite causata dal Coronavirus.

Naturalmente occorrono ulteriori approfondimenti ma l’uso quotidiano di almeno 1 grammo di Vitamina C è fortemente consigliato soprattutto nei fumatori e nei soggetti affetti da patologie croniche e da sindrome metabolica.

Personalmente consiglio un grammo al giorno di Vitamina C, magari potenziato da 500 mg di vitamina C2 o bioflavonoidi, quei principi attivi di cui sono ricchissime le bucce di limone, pompelmi ed arance per esempio.

Esistono migliaia di integratori di Vitamina C, spesso aggiunti a rosa canina. Esiste anche una forma esterificata che penetra molto di più all’interno della cellula ed è soprattutto consigliata a chi soffre di gastrite. I benefici della vitamina C sono estremamente interessanti al lungo termine.

 

ph: fonte web

 

Importante: Questo rubrica non dà consigli medici, né suggerisce l’uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L’intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

adv
adv