Una dieta mediterranea verde può aiutarti a mantenerti giovane? A sostenerlo uno studio israeliano.

Ricercatori israeliani hanno scoperto che una dieta mediterranea verde può rallentare l’atrofia cerebrale legata all’età

Ricercatori israeliani hanno scoperto che una dieta mediterranea verde, composta da cibi ricchi di polifenoli e poveri di carne rossa e lavorata, rallenta l’atrofia cerebrale legata all’età. I risultati dello studio di controllo randomizzato di 18 mesi, condotto dalla Ben-Gurion University del Negev, sono stati pubblicati martedì sull’American Journal of Clinical Nutrition.

Lo studio rappresenta uno dei più grandi e lunghi studi di risonanza magnetica cerebrale al mondo. Complessivamente, c’erano 284 partecipanti (88% uomini) di età compresa tra 31 e 82 anni, tutti dipendenti del Centro di ricerca nucleare di Dimona.

Sono stati divisi casualmente in tre gruppi, ciascuno dei quali ha seguito una serie specifica di linee guida dietetiche: una dieta sana, una dieta mediterranea e una dieta mediterranea verde. Tutti i partecipanti sono stati inoltre inseriti in programmi di attività fisica e hanno ricevuto abbonamenti gratuiti in palestra. Entrambi i gruppi di dieta mediterranea consumavano noci, mentre quelli del gruppo Green-Med bevevano inoltre da tre a quattro tazze di tè verde al giorno e un frullato quotidiano di lenticchia d’acqua Mankai, una pianta acquatica, come sostituto della cena.

Il gruppo dei green-med ha anche consumato una quantità minima di carne rossa e lavorata. I partecipanti al gruppo green-Med, che hanno consumato il livello più alto di polifenoli (composti naturali presenti nelle piante), hanno riscontrato una significativa diminuzione dell’atrofia cerebrale legata all’età.

Lo studio ha visto la partecipazione di esperti del cervello dell’Università Ben-Gurion, dell’Università di Lipsia e dell’Università di Harvard. È stato guidato dalla prof.ssa Iris Shai, professore di nutrizione ed epidemiologia alla Ben-Gurion University e professore a contratto all’Università di Harvard, e lo studio è stato condotto dal dottor Alon Kaplan, medico presso lo Sheba Medical Center e Ph.D. studente alla Ben Gurion University.

In particolare, i ricercatori hanno misurato l’occupazione dell’ippocampo (HOC) e il volume del ventricolo laterale (LVV) come indicatori di atrofia cerebrale e predittori di demenza futura. I miglioramenti più drammatici sono stati osservati in quelli di età superiore ai 50 anni. “Questo è il più lungo e il più grande studio cerebrale MRI relativo alla dieta o altro”, ha detto Shai a The Media Line. “Siamo rimasti sorpresi di vedere cambiamenti così drammatici in 18 mesi negli esseri umani che abbiamo potuto identificare dalle strutture anatomiche nel cervello. In realtà è stato piuttosto sorprendente.

“Potremmo vedere che la dieta mediterranea e in particolare la dieta verde-mediterranea, che ha molti più polifenoli, potrebbero effettivamente proteggere il cervello e attenuare l’atrofia cerebrale legata all’età”, ha detto.

I partecipanti che hanno seguito entrambe le diete mediterranee, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, hanno anche mostrato un miglioramento della sensibilità all’insulina, che è associata ad un’atrofia cerebrale attenuata. Scoprire un legame tra salute del cervello e dieta è stato a lungo difficile per gli scienziati a causa della necessità di prove su larga scala ea lungo termine.

Lo studio della Ben-Gurion University è stato finanziato da sovvenzioni della Fondazione tedesca per la ricerca (DFG), del Ministero della Salute e della Scienza e della Tecnologia israeliane e della California Walnuts Commission.

Secondo Shai, nessuno dei fornitori di finanziamenti è stato coinvolto in nessuna fase della progettazione, conduzione o analisi dello studio.”Poiché l’atrofia cerebrale è considerata non prevenibile, i nostri risultati potrebbero suggerire una strada semplice, sicura e promettente per rallentare la neurodegenerazione legata all’età aderendo a una dieta verde-mediterranea”, il dottor Alon Kaplan, che ha condotto lo studio, ha detto a The Media Line.

“I nostri risultati suggeriscono che potrebbe fermare l’invecchiamento cerebrale, così come altre atrofie, come si vede nella demenza e in particolare nel morbo di Alzheimer”, ha detto. “Inoltre, una migliore sensibilità all’insulina era il fattore metabolico più forte per l’attenuazione dell’atrofia cerebrale”.

adv