La plastica sta danneggiando le cellule del nostro corpo. Ecco come.

adv      

La plastica si trova in quasi tutti i prodotti che acquisti e provoca danni al tuo corpo.

Un nuovo studio ha scoperto per la prima volta che minuscole particelle di plastica presenti nell’acqua e nell’aria influiscono sulla funzione delle cellule del nostro corpo e potrebbero danneggiarle. Ecco tutti i dettagli.

Il Consiglio dei Ministri italiano nella seduta del 4 novembre 2021 ha approvato in via definitiva la direttiva (UE) 2019/904 sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica usa e getta sull’ambiente, per ridurre la quantità di prodotti di plastica che arrivano a velocità record dal negozio a casa e poi alla discarica.

Oltre ai rifiuti generati quando questi prodotti inquinano l’ambiente in quantità massicce, i piatti, i bicchieri e le posate di plastica gettati nella spazzatura possono rompersi in microplastiche, minuscole particelle di plastica, trovate quasi ovunque dagli scienziati che hanno cercato, dalle profondità degli oceani alla neve delle cime montuose, dal latte alla birra e all’acqua minerale.

Fino ad ora, il mondo scientifico era diviso sulla questione se le particelle di microplastiche avessero un effetto dannoso sulle persone. Ora, un nuovo studio spagnolo mostra per la prima volta che le particelle microplastiche tendono ad attaccarsi alle membrane cellulari che compongono il nostro corpo e che possono causare problemi nel corretto funzionamento della cellula. Fino a che punto questa notizia dovrebbe preoccuparci? E cosa possiamo fare al riguardo?

adv

Dall’inizio dell’uso di massa della plastica a metà del 20 ° secolo, la quantità di plastica prodotta ogni anno è solo aumentata (con una leggera diminuzione dello 0,3 percento nel 2020 a causa dell’epidemia di coronavirus), e nel 2019 sono state prodotte oltre 360 ​​milioni tonnellate di plastica. Questo è approssimativamente uguale al peso della popolazione totale del mondo. “Contrariamente alla credenza popolare, la plastica si scompone in natura, ma si scompone in particelle più piccole, micrometri (milionesimi di metro) e nanometri (miliardesimi di metro), in un processo che può richiedere centinaia di anni”, ha spiegato il dott. Ines Zucker, capo del Laboratorio di nanotecnologie dell’Università di Tel Aviv.

Questa microplastica è unita da particelle di plastica che sono pre-prodotte con dimensioni di pochi micrometri, come le perline di plastica che si trovano in vari prodotti cosmetici. “Più piccola è la plastica, più è facile superare le barriere nel nostro corpo”, ha spiegato Zucker. “Gli studi hanno dimostrato che le microplastiche possono attraversare le barriere nel tratto digestivo ed entrare nel flusso sanguigno. Va notato che l’entità del pericolo non è ancora chiara: alcuni studi affermano che è molto dannosa per l’uomo, mentre altri affermano che non fa causare danni ingenti».

Il nuovo studio ha esaminato l’interazione tra le microplastiche di dimensioni di 0,8-10 micrometri e la membrana cellulare che racchiude le cellule del nostro corpo. Nella prima fase, i ricercatori hanno utilizzato un modello al computer per testare l’effetto che le particelle microplastiche avrebbero sulla membrana cellulare e sul materiale biologico in essa contenuto. Hanno scoperto che ogni particella porta ad un aumento dello stress fisico della membrana.

“La pressione meccanica sulla membrana cellulare può influenzare la funzione delle proteine ​​e dei canali nella membrana cellulare e metterli a dura prova”, ha spiegato Zucker. Va notato che poiché la membrana cellulare ha un comportamento simile a un liquido, può muoversi liberamente e rilasciare una pressione meccanica su di essa, ma l’ipotesi dei ricercatori è che il tempo di rilascio da parte della membrana cellulare è più lento della velocità con cui le particelle vengono assorbiti in esso. Pertanto, la tensione in esso aumenta.

Nella seconda fase, i ricercatori hanno testato i risultati e le ipotesi del modello al computer in un esperimento: hanno creato una membrana cellulare artificiale che simula la struttura della membrana cellulare umana e l’hanno immersa in un liquido contenente 10 particelle microplastiche da un micrometro.

Hanno scoperto che la pressione misurata nella membrana cellulare aumentava in proporzione diretta alla concentrazione di microplastica, che aderiva gradualmente alla membrana, in accordo con i risultati riflessi sul modello al computer. Nella terza fase dell’esperimento, i ricercatori hanno utilizzato globuli rossi viventi, che sono identici a quelli che si trovano nei vasi sanguigni del nostro corpo. Hanno isolato una singola cellula del sangue e le hanno applicato una pressione di pompaggio crescente, finché non si è disintegrata ed è stata pompata nel dispositivo.

L’esperimento ha scoperto che quando la cellula del sangue si trovava all’interno di una soluzione contenente 0,5 micrometri di microplastica, si disintegrava molto più velocemente rispetto all’esperimento di controllo, in cui la soluzione in cui è stata trovata la cellula non conteneva microplastica. Secondo i ricercatori, queste misurazioni mostrano che la presenza di microplastiche aumenta la tensione nella membrana dei globuli rossi, il che ne mina la stabilità.

Zucker ha affermato che i risultati dello studio potrebbero riflettere il danno generale subito dai nostri corpi e il modo in cui le microplastiche influenzano la nostra salute. Tuttavia, non è ancora chiaro quale sia esattamente l’effetto dell’aumento della tensione di membrana sulla funzione cellulare e del corpo.

“Va notato che questo è uno studio di base, che da solo non può ancora determinare se l’esposizione alle microplastiche ha conseguenze sulla salute croniche o acute per l’uomo”, ha affermato. Zucker ha anche notato che ci sono anche problemi con il tipo di microplastica che i ricercatori hanno usato nell’esperimento.

Zucker aggiunge che la maggior parte dei laboratori in tutto il mondo che studiano le microplastiche, incluso quello che ha condotto questo studio, lavora con perline di dimensioni uniformi, in una composizione polimerica pura e ha una forma rotonda perfetta e non assomiglia alle particelle di microplastica nella maggior parte dei prodotti.

Zucker ha recentemente creato una microplastica più “realistica” nel suo laboratorio e afferma che dai risultati iniziali di un esperimento che ha condotto nelle cellule intestinali, questa microplastica è più pericolosa per le cellule rispetto alla sua controparte “generica” ​​del laboratorio. In entrambi i casi, come accennato, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la quantità di microplastiche nell’ambiente dovrebbe aumentare solo nei prossimi anni e decenni e quindi, se causa danni alle membrane cellulari del nostro corpo, la sua estensione dovrebbe solo aumentare.

“Dobbiamo ancora scoprire se l’esposizione alle microplastiche ci causerà malattie e ridurrà l’aspettativa di vita, ma non c’è dubbio che il fatto che consumiamo così tanta plastica usa e getta, specialmente qui in Israele, sia un grido per generazioni”, ha detto Zucker.

“Usare la plastica per bere qualcosa per 10 secondi, sapendo che rimarrà nel mondo per decenni e secoli, è irresponsabile per le generazioni future. “Fino a quando non svilupperanno un vero sostituto della plastica dai materiali di consumo, non c’è scampo: si dovrebbe semplicemente usarne di meno”, ha concluso.

 

Foto puramente indicativa – Fonte web

adv