Licenziato, ruba un bulldozer e distrugge 50 Mercedes. La vendetta è un piatto che si mangia all’interno di un bulldozer.

adv      

La vendetta è un piatto che si mangia all’interno di un bulldozer.

Un ex dipendente dello stabilimento Mercedes di Vitoria (Spagna) si è preso cura di distruggere decine di veicoli prodotti nel sito. Un atto di rappresaglia notato e stimato in cinque milioni di euro.

 

Freddo con il tuo (ex) capo? O sostieni la calma e la filosofia, oppure no. Dopo il giovane tedesco che aveva deciso di farsi sfoggiare venti volte al volante dell’auto del suo supervisore, anche uno spagnolo di 38 anni ha optato per la vendetta motorizzata, ma ha colpito ancora più forte. Salito a bordo di un escavatore, ha fatto irruzione nel sito del suo ex datore di lavoro e ha demolito dozzine di veicoli Mercedes nella notte tra il 30 e il 31 dicembre.

Secondo la rivista automobilistica Perodismo del Motor, ha schiacciato più di 50 nuove classi V e Vito pronte per la consegna.

adv

Altre fonti parlano addirittura di 70 auto. Dopo aver lavorato nel parcheggio, avrebbe cercato di unirsi alla linea di produzione per fermarla, ma non avrebbe raggiunto i suoi scopi. L’importo totale dei danni è stimato in oltre cinque milioni di euro.

Le foto dell’imponente incidente diventate virali circolano sui social network. Appena prima della fine dell’anno, Daimler ha annunciato tagli di posti di lavoro nello stabilimento, che è in funzione dal 1954. Inizialmente sono stati colpiti 500 lavoratori temporanei. In primavera, ulteriori licenziamenti potrebbero riguardare i dipendenti a tempo indeterminato.

Giovanni D’Agata
Presidente dello “Sportello dei Diritti”

Foto puramente indicativa – fonte web

adv