Titoli di coda su una bevanda alcolica cult: bere gin (o altri superalcolici) rende tristi

ADV      

 

Uno studio britannico conferma una voce popolare secondo cui rum, gin, vodka e altri spiriti provocano depressione più del vino o della birra.

 

Non è più solo una voce popolare quella secondo cui i superalcolici sarebbero causa di depressione.

Un ampio studio britannico ha dimostrato che bere alcolici cult come il gin, rende tristi. È così che il gin colpisce la nostra mente. Alcuni ricercatori hanno voluto scoprire come le diverse bevande alcoliche influenzano le menti dei consumatori.

È diventato chiaro, per quanto riportato sul British Telegraph , che gli spiriti causano episodi molto più depressivi rispetto a chi assume vino o birra. Il professor Mark Bellis, direttore del Dipartimento di sanità pubblica del Galles, ha dichiarato al giornale: “Per secoli, la storia di rum, gin, vodka e altri spiriti è stata tragica ed è vero che sono più associati alle lacrime […]

ADV

Mentre crescenti livelli di alcol riducono la capacità del cervello di sopprimere le emozioni impulsive o valutare le conseguenze della loro vita.”.  Soprattutto il gin è spesso associato alla provocazione di esplosioni emotive.

Nel 17 ° secolo, in Inghilterra la bevanda era addirittura chiamata “la rovina della madre”. Dopo che il governo aveva autorizzato la produzione di gin senza licenza, sono sorte migliaia di distillerie e la bevanda economica è stata consumata in grandi quantità, soprattutto dalle donne povere.

È stato quindi accusato di infertilità e presumibilmente ha causato un declino nella popolazione di Londra.

Non c’è, quindi, da stupirsi che il gin sia associato alle lacrime. E se lo dicono dalla patria di questo superalcolico si tratta, quindi, di un’ulteriore conferma – secondo la nostra associazione che tra le sue molteplici attività si batte contro la diffusione e l’abuso di alcolici – che bere alcol fa male e provoca conseguenze dannose per la salute e per la nostra psiche.

Giovanni D’Agata
Presidente dello “Sportello dei Diritti”

 

Foto puramente indicativa

 

 

ADV