ROMA. Mara Venier e compagni all’inaugurazione del “1930 Restaurant&Lounge Bar”

ADV      

di Gabriella Sassone

Un’inaugurazione affollatissima e piena di volti noti, come non se ne erano mai viste a Roma. Quasi 800 persone affamate che premevano per entrare, in fila dalle 20 davanti al nuovo “1930 Restaurant&Lounge Bar” di via Paolo Emilio, roba che non si vede nemmeno davanti ai Musei Vaticani.

Le bodyguard con la lista degli invitati all’ingresso hanno faticato non poco a combattere contro la tristemente nota “banda della tartina” sempre più scatenata e in numero crescente, ovvero gli imbucati esperti di assalto al buffet che impazzano a Roma da anni, presentandosi a opening, ricevimenti e feste senza invito ma con una solenne faccia di marmo e una pancia insaziabile che sembra un frigorifero.

Talmente esperti ed organizzati che non solo riescono sempre ad entrare, ma sono gli unici che riescono a mangiare e spolverare i buffet alla velocità della luce, lasciando gli invitati a stomaco vuoto.

Per aprire il locale e iniziare le danze, però, la bella proprietaria siciliana Rosa Casarrubia e lo chef Stefano Crialesi che guida la cucina con la sua brigata hanno atteso l’arrivo della guest-star dell’evento: zia Mara Venier.

ADV

La regina della domenica di Raiuno, grande amica di Crialesi che le recapita spesso a domicilio le sue buonissime torte alle mele, ha tagliato il nastro rosso inaugurale tra i flash impazziti e la gente che sgomitava per salutarla e ha brindato con champagne.

Mara, in splendida forma, ha riunito la sua famiglia per l’evento: eccola entrare con il simpatico marito Nicola Carraro e la bella figlia Elisabetta Ferracini.

Subito dopo li raggiunge Jerry Calà, prima del suo concerto al Piper Club. Ben presto è il delirio: faticano a entrare e a scendere la sontuosa scala di marmo che porta ai 250 mq. del ristorante, Giancarlo Magalli con la bellissima figlia Michela e Rita Dalla Chiesa che ricorda la serata benefica di musica “Sogno di un bambino Onlus” che si terrà al teatro Ghione. Si riempiono le varie sale e i privè del “1930”; preso d’assalto il lounge bar con bellissimi bar tender e alle pareti quadri della pittrice Sabrina Fossati.

Ecco Milena Miconi, Elena Russo con Lucia Stara, Nadia Rinaldi, Gegia (Francesca Antonaci) col comico Gigi Miseferi, Marina Crialesi di “Un psot al sole”, Maria Elena Fabi, l’autrice sorella di Mita Medici Carla Vistarini, lo scrittore Niky Marcelli. Un mago col cilindro intrattiene gli ospiti con i suoi giochetti, la Drag Queen Maruska Starr in paillettes oro canta con la band, due bellissime modelle in bianco sono degli abat-jour viventi che si illuminano.

Nel viavai durato fino a notte, ecco la stilista di “Reylù” Monica Bartolucci, la principessa Irma Capece Minutolo, la cantante Naira con Giò Di Giorgio, Mara Keplero immancabile come la bionda princess della nuit Conny Caracciolo e Maria Consiglio Visco di Marigliano. Crialesi fa su e giù per salutare e accogliere tutti insieme a Lina Ciocca e Rosa Casarrubia , non sa più a chi dare i resti.

Per far assaporare le sue specialità ha pensato a degli assaggini finger food che vanno a ruba in pochissimo tempo. Aveva promesso una bella matriciana finale ma il troppo caos lo fa desistere.

Arrivano anche il modello e opinionista tv Roger Garth, la voce italiana di Meryl Streep Maria Pia Di Meo con l’attrice Eleonora Vanni, la prorompente Lilian Ramos, il campione di pallanuoto Emanuele Mauti, Roberta Tornatore, il press agent Emilio Sturla Furno, l’avvocato Daniele Bocciolini, la coppia Massimiliano Piccinno e Erika Gottardi, Fabrizio Pacifici e Sergio Fabi, il fratello di Renato Zero Piero Fiacchini con tutta la famiglia. Tra flash e selfie all’impazzata va a ruba per scatti ricordo il sosia italiano di Jhonny Depp Marco Scimia.

Al momento della torta a più piani di Manu Cake Designer Crialesi riesce ad abbracciare la mamma Luigia, venuta a salutarlo. “Riporterò sulla tavola tutti gli ingredienti della cucina italiana e in particolare siciliana,una cucina gourmet ma con sapori tipicamente mediterranei”, cerca di spiegare Stefano Crialesi, che ha cucinato per molti Vip nostrani, tycoon americani e oligarchi russi, sempre in giro per il mondo, dalle Hawaii a Porto Cervo, da Roma a Milano.

Nel  menù del “1939 Restaurant&Lounge Bar” ci saranno piatti di pesce col pescato del giorno ma anche piatti di carne raffinati. Qualche esempio? Tagliolini al nero di seppia con vongole e bottarga; risotto zucca e cozze mantecati al pecorino al profumo di limone; gamberi rossi di Mazara del Vallo in tartare; calamaro su caponatina di verdure; arrosto di vitella farcito e guancia di vitello brasata. Sorprese diverse ogni sera e variazione mensile del menù. Aperto anche a pranzo con un super brunch a buffet, se non si vuole ordinare alla carta.

 

ADV