MATERA. 10/6 IX° Premio Moda “Citta’ Dei Sassi” 2017

Premio Moda 2016 ph. Enzo Dell'Atti.
ADV      

Sabato 10 giugno –  ore  20.30

Piazza San Pietro Caveoso,  Matera

 

Concorso Internazionale per Fashion Designers dedicato quest’anno alla pace, l’uguaglianza e l’integrazione tra i popoli

 

PREMIO MODA 2017_LocandinaIl Premio Moda “Città dei Sassi “ è un evento interamente dedicato ai giovani stilisti , designers e artigiani creativi  dell’Alta Moda. Il Concorso – nato nel 2008 dalla passione  che caratterizza la Publimusic . com  di Sabrina Gallitto assieme a Officina della Cultura – ha lo scopo di individuare e premiare creatori fashion designers per scoprire stilisti emergenti e/e professionisti nel campo della moda femminile e per valorizzare il talento nella cornice dei “Sassi” di Matera (Patrimonio UNESCO dell’Umanità, decretata capitale europea della Cultura 2019) , paesaggio suggestivo e unico al mondo  scelto da grandi registi, da Pier Paolo Pasolini, Mel Gibson, Timur Bekmambetov e Patty Jenkins come scenografia a cielo aperto per girare famose pellicole come “Il Vangelo secondo Matteo”, “The Passion”, “Ben Hur” e “Wonder Woman”.

La manifestazione, giunta alla sua IX^ edizione –   ideata e organizzata dalla Publimusic.com di Sabrina Gallitto e Officina della Cultura; direttore artistico Enzo Centonze, direttore format Paolo Fumarulo, regìa e coreografie di Stefania Coralluzzo, coordinatore tecnico Vincenzo Scasciamacchia, ufficio stampa e pubbliche relazioni Nicola Altomonte, fitting Harschel Srt. , casting Centonote Soc. Coop.va, segreteria organizzativa Terry Natale, assistenza costumista Silvana Santeramo, allestimenti tecnici Saverio Morcinelli, audio, luci e video Sound Planet Service, noleggio/vendita macchine e attrezzature Gruppo Festa, responsabile  tecnico  Studio

Giesse di Gaetano Santoruvo  –  vedrà il suo clou il 10 giugno 2017 alle ore 20.30 nella splendida Piazza San Pietro Caveoso di Matera, con la conduzione della showgirl e attrice Laura Lena Forgia coadiuvata dalla giornalista Annamaria Sodano.

A rendere ancora più magica la serata sarà la performance musicale del gruppo “L’altro ‘900”, nato a Matera nel 2000 ad opera di musicisti lucani tutti diplomati al Conservatorio Statale di Musica Duni. —

ADV

Media partner  “CHI E’ CHI”, Fashion Channel, Book,  TRM network.  Realizzata con il patrocinio e la collaborazione della Regione Basilicata, della Provincia e Comune di Matera, dell’APT Azienda di Promozione Turistica della Basilicata, della Lucana Film Commission, del CNA Federmoda e CNA Cinema Basilicata.

 

A completare il look delle modelle gli hair stylist:

Biolab-Hair Napoli, Estilo di Vincenzo Di Liddo  (Matera),  Classy Maison de Beautè di   G.Montanaro  (Monopoli).

Make up artist: Academy di Antonio Riccardo (Napoli).

Le fotografie sono di Paolo De Novi, Enzo Dell’Atti,  Antonio Dimita  e   Brunella Armaiuoli.

 L’evento è uno straordinario viaggio tra culture di diversi popoli e le eccellenze del Made in Italy, una vera passeggiata emozionale nello stile, tra tradizione, innovazione, modernità, contemporaneità e creatività in una Matera che si proietta sempre di più verso nuovi orizzonti e nuove sfide.

 

IL MESSAGGIO 2017

DAL PREMIO MODA “CITTA’ DEI SASSI” DI MATERA

La pace, l’uguaglianza, l’integrazione tra i popoli

La Moda sinonimo di parità dei diritti , uguaglianza  ed integrazione tra i  popoli senza distinzione di razze, colori e culture. Questo è il messaggio che vogliono lanciare da Matera (Capitale europea della Cultura 2019)  il Premio Moda “Città dei Sassi” con l’Associazione Culturale Officina della Cultura di Matera e l’Associazione No Profit African Fashion Gate (AFG),  che sostiene un programma di sviluppo sociale e culturale ideato da Nicola Paparusso e patrocinato dal Ministero della Cultura e della Comunicazione del Senegal.

L’obbiettivo è favorire lo sviluppo sociale e culturale dell’Africa attraverso la moda e l’arte. La passerella di Matera – sulla quale sfileranno le modelle di AFG  – sarà non solo  un ponte simbolico per promuovere nel mondo le modelle africane e quindi esportare la loro rara bellezza, ma costituirà l’avvio di un dialogo interculturale, l’osmosi e la contaminazione tra i vari linguaggi artistici.

L’EVENTO

Premio Moda “CITTA’ DEI SASSI”

Sabato 10 giugno 2017 – Ore 20.30

Piazza San Pietro Caveoso – Matera

E’ uno spettacolo articolato con tempi televisivi  riservato alla nuova generazione di creativi della moda a livello nazionale e internazionale che potranno dar vita alle loro creazioni di Alta Moda proponendo le loro idee di eleganza e creatività  dinanzi a un folto pubblico in buona parte formato da rappresentanti di aziende ed esperti del settore, stampa, autorità e dai tanti turisti che nel periodo estivo affollano la Città dei Sassi.

 

PROGRAMMA

Presentazione Flash di Alta Moda  Italiana con le collezioni di PAOLO FUMAROLO  –   MICHELE MIGLIONICO   –   GIANNI MOLARO  –   LORENZO RIVA

PREMIO MODA “CITTA’ DEI SASSI “, crocevia della Haute Couture internazionale, richiama a Matera stilisti provenienti da tutto il mondo.  Questa IX^ edizione, dopo una attenta selezione, vede la partecipazione degli otto finalisti:  Dalila Palumbo, Dimitar Dradi, Elisabetta Terino, Ilenia Barone, Ilenia Donati, Iole Trombetta, Mara Piras, Simone La Bella.

Non è un concorso ma un vero e proprio progetto di scouting organizzato da Publimusic.com e Officina della Cultura, che ha come obbiettivo la ricerca e la promozione di giovani talenti creativi del panorama nazionale e internazionale. Un contest indirizzato specificatamente a giovani stilisti del mondo della moda e dedicato alle collezioni femminili nelle categorie abbigliamento e accessori.

PREMIO MODA AL CINEMA  

“Omaggio a Ingrid Bergman

Il Premio Moda Cinema 2017  sarà dedicato all’attrice Ingrid Bergman , diva incontrastata nella seconda metà del Novecento  e ancora oggi icona del cinema e di stile nel mondo . Il suo stile ha suggerito quest’anno al mondo della moda internazionale di eleggerla icona  di eleganza 2017-2018, e il Premio Moda “Città dei Sassi”  l’ha eletta madrina di eleganza per  la IX edizione del festival.  Non a caso la rassegna 2017 si apre il 10 giugno con la presentazione della mostra fotografica  “ 10 IMMAGINI DI INGRID”  e la presentazione del libro  “CON INGRID TRA COLLINE VIOLA” di  Luciana Boccardi.

Nel corso dell’evento del  10 giugno, in Piazza San Pietro Caveoso,  verranno proiettati  brevi frammenti  dei suoi films e  flashes della sua immagine .

I Premi assegnati:

Premio Moda “CITTA’ DEI SASSI”  –

Premio della Critica “CHI E’ CHI” (annuario e Magazine di informazione Online) –

Premio Moda “SERIKOS” – Industria tessile della Provincia di Como (“Serikos Collezioni & Tessili”) consistente in una fornitura di tessuti al vincitore per la sua prossima collezione;

Premio Moda “MATERA 2019”: un premio di eccellenza che verrà assegnato al giovane stilista  che avrà meglio interpretato la “Città dei Sassi” quale Capitale Europea della Cultura 2019.

ALTRI PREMI:

Premio Moda al Cinema, appositamente ispirato al Cinema, verrà aggiudicato allo stilista che nel corso della sua sfilata ha saputo  meglio interpretare il significato e il ruolo del Cinema nella Moda.

Consegnerà il Premio “MODA AL CINEMA”  2017  l’attrice Elsabetta Pellini, interprete della fiction di Rai 1 “SORELLE” , diretta da Cinzia Th Torrini e girata interamente nella Città dei Sassi.

LA GIURIA

A decretare i vincitori, una prestigiosa Giuria internazionale di addetti ai lavori  (giornalisti, stilisti, esperti del settore, associazioni di categoria ed  istituzioni). La Giuria è composta da:

Stilisti:  Lorenzo Riva, Gianni Molaro, Michele Miglionico, Paolo Fumarulo , Elisabetta Armellin;

Giornalisti:   Luciana Boccardi  (“Il Gazzettino” –  “ilgazzettino.it” ),  Paola Cacianti  (storica critica di moda , RAI  “TOP – tutto quanto fa tendenza”), Daniela Colucci (RAI Tg2  – “Costume e Società”), Cristiana Schieppati (“CHI E’ CHI”), Fabiana Giacomotti (“ IL Foglio” –  Docente di Scienze della Moda e del Costume  nell’Università di Roma “La Sapienza”), Marzio Nocera (Fashion Channel) , Sofia Catalano (“Giornale di Sicilia” – “Oggi”) , Nicole Fouquè (“Quotidiano Nazionale” – “quotidiano.net”), Michele Capolupo (“Sassilive.it”),  Anna Lorato (“La Gazzetta del Mezzogiorno”), Mariangela Lisanti (“Quotidiano del Sud”) , Franco Martina (ANSA),  Rosita Stella Brienza (“Repubblica” e “La Nuova Basilicata”),  Francesca Rodolfo (“TgNorba24”), Angelo Mellone ( autore e conduttore del Magazine di RAI 1 “TOP – Tutto quanto fa  tendenza”);

Esperti di Moda :   Beppe Pisani, imprenditore tessile (Serikos Collezioni & Tessili), Nicola Paparusso (Segretario Generale dell’Afrikan Fashion Gate, Docente di Storia del Costume), Rosalba Stasolla (Docente di Storia del Costume),  Tony Caravano (collezionista di moda). Sabina Albano , Docente all’Accademia di Belle Arti  – Fashion Design di Catania;

Associazini di Categoria: Leo Montemurro (CNA – Federmoda e CNA  Cinema Basilicata.

Istituzioni:   Patrizia Minardi (Dirigente Ufficio Sistemi Culturali e Turistici – Presidenza della Giunta Regione Basilicata).

LA MOSTRA FOTOGRAFICA

Sabato 10 giugno 2017 –  Ore 10.30

 

Chiesa del Cristo Flagellato – Complesso Monumentale San Rocco, Piazza San Giovanni  – Matera

“10 SCATTI PER INGRID BERGMAN”

 L’evento che apre la giornata del festival della Moda della “Città dei Sassi”  sarà una mostra fotografica ripresa dopo 34 anni da quella  realizzata per Ingrid Bergman  a Venezia nel primo anniversario della morte dell’attrice celebrato nella città scelta dagli amici della diva di tutto il mondo perché Venezia era la città che Ingrid aveva amato di più. Da Hollywood per l’occasione arrivarono  allora a Venezia i colleghi di lavoro e gli amici di Ingrid guidati da un esuberante e attivissimo Gregory Peck: lo star-system al completo, per il saluto a Ingrid pronunciato  da Valentina Cortese alla Fenice prima del  concerto  diretto da Riz Ortolani, con musiche tratte dai  film interpretati da Ingrid Bergman. Tra il pubblico di quella indimenticabile serata,  Audrey Hepburn, Liza Minelli, Claudette Colbert, Roger Moore, Walter Mattau, Charlton Heston, Olivia de Havillland, Jeanne Moreau, Alain Delon, Gina Lollobrigida, , Franco Zeffirelli, Carlo Lizzani, Gillo Pontecorvo, Paolo Stoppa, Virna Lisi, Giulietta Masina, Ornella Vanoni, Christian De Sica. Con loro,  la consorte dell’allora presidente del Consiglio, Amintore Fanfani, Maria Pia Fanfani,   che – nella sua qualità di Presidente della Croce Rossa -aveva dato respiro internazionale alle partecipazioni.

Sponsor della “trasferta” che divenne notizia per tutto il mondo, fu  l’imprenditore Giulio Malgara che volle dedicare con generosità e sfarzo  il suo omaggio alla grandezza dell’ indimenticabile  attrice.  A Giulio Malgara oggi il ringraziamento del Festival di Matera per la concessione delle foto di quella Mostra che si era tenuta nel Teatro La Fenice di Venezia: 10 scatti che ritraggono la diva in alcuni dei momenti più incisivi della sua carriera che oggi presentiamo per la prima volta da allora nel contesto dell’evento nella città dei Sassi. La mostra presenta immagini riprese dai film più noti  interpretati dalla Bergman, da ”Anastasia” a “Casablanca”, “Saratoga”, “Per chi suona la campana”, “Notorius”, “Giovanna d’Arco” , “Le campane di Santa Maria”, “Sinfonia d’Autunno”, a “Golda”, ìl  film girato per la televisione a pochi giorni dalla morte nel quale la Bergman interpreta in modo sublime il ritratto di Golda Meir  consegnandoci il suo addio di attrice a lettere maiuscole.

Una cosa curiosa che l’autore del libro tiene a sottolineare :  per quell’evento memorabile  del 30 agosto 1983 , a reggere le sorti di un complesso Ufficio Stampa Internazionale era stata chiamata  Luciana Boccardi  che come in un revival telepatico  (visto che nessuno era a conoscenza dell’incontro avuto  cinque anni prima con Ingrid ad Asolo) si era trovata casualmente  a rivivere “una giornata”-  ben diversa – con Ingrid. Così come appare curioso che oggi, più di trent’anni dopo, sia stato chiesto a Luciana Boccardi  –  indipendentemente dal passato lontano e sconosciuto ai più –  di scrivere “ CON INGRID TRA COLLINE VIOLA”,  nel Centenario della nascita  di Ingrid Bergman . Per la terza volta, casualmente, insieme.

 

Sabato 10 giugno 2017  – Ore 10.30

BOCCARDI_locandina Libro_INGRID

Chiesa del Cristo Flagellato –  Complesso Monumentale San Rocco

Piazza San Giovanni – 75100 MATERA

Presentazione del Libro

“CON INGRID TRA COLLINE VIOLA”

di Luciana Boccardi

(ed. Supernova)

In occasione del Centenario della nascita di Ingrid Bergman  (1915-2015) era stato chiesto a Luciana Boccardi  –   giornalista e scrittrice veneziana che nella seconda parte della sua vita ha intrapreso la via della critica di moda e del giornalismo di costume tout court –   uno scritto che dicesse qualcosa su Ingrid Bergman, la famosa attrice – diva internazionale – che occupò le cronache di Cinema  di tutto il mondo nella seconda metà del Novecento. Difficile dire qualcosa di nuovo su un personaggio tra i più raccontati nel mondo: c’era solo una pagina inedita, una lontana giornata trascorsa da Ingrid Bergman con Luciana Boccardi ad  Asolo, un borgo medievale di grande suggestione  , arroccato su colline “viola” nel cuore del Veneto.  Una occasione imprevedibile aveva portato la Bergman ad Asolo per ritirare il primo premio Internazionale della Critica Cinematografica ideato dal Festival del Cinema di Asolo, nel 1977  (cinque anni prima della morte di Ingrid  colpita da un tumore)  e una altrettanto curiosa occasione fece incontrare la diva e la giornalista nella città antica per una giornata indimenticabile.

Di quella giornata racconta la Boccardi nel suo libro, ovvero di un incontro indimenticabile non tra una diva internazionale e una qualunque giornalista, ma tra due donne, di un incontro che sembrava tra due vecchie amiche di sempre e che avrebbe lasciato nella giornalista un segno indelebile inciso dalla qualità della “persona Ingrid”, dalla sua grandezza e nobiltà, ben più importanti della sua immensa fama.  Una donna, Ingrid, con la sua vita ,le sue passioni, gli errori, le delusioni, il suo egoismo, il suo essere madre affettuosa anche in momenti difficili. “Una donna vera – scrive la Boccardi – che ha combattuto la guerra della vita usando come armi il rispetto e il sorriso”. 

Nel volume, oltre a frammenti da “Una vita per il Cinema” si riportano le testimonianze rilasciate già per il Dossier “Tribute to Ingrid” nel 1983, primo anniversario della morte dell’attrice, ma anche raccolte oggi con dichiarazioni di personaggi della cultura internazionale, dell’arte, del cinema, della Moda.

Alla domanda che chiude il libro: “Qual è il colore di Ingrid?” rispondono le più belle firme del giornalismo di moda.

Alla presentazione interverrà anche  la stilista Elisabetta Armellin, autore della borsa “Ingrid” donata al Museo veneziano di Palazzo Mocenigo.

Moderatrice per l’incontro , al quale interverrà, Luciana Boccardi   sarà Rosalba Stasolla,  docente di Storia del Costume, con interventi di Paride Leporace, Direttore Generale della Lucana Film Commission e letture a cura dell’attrice  Elisabetta Pellini .

 

CHI E’ LUCIANA BOCCARDI

 Nata a Venezia (dove vive tuttora) da una famiglia di musicisti, ha iniziato la sua attività lavorativa alla Biennale di Venezia , da subito inserita nell’organizzazione dei festival di Musica e di Teatro della Biennale , dove ha lavorato per undici anni. Passata all’UNESCO (Consiglio Internazionale di Musica) ha vissuto e lavorato per quattro anni a Parigi alternando l’attività di organizzazione musicale con collaborazioni alla RAI (autore di testi teatrali e musicali) .

Un Premio Letterario per un racconto breve, consegnatole da George Simenon, la introdusse nel mondo del giornalismo dal quale non uscì più dedicandosi dopo appena qualche anno alla critica di moda di cui si occupa attivamente ancora oggi per il quotidiano  Il Gazzettino e altre testate di magazine italiani ed esteri.

Ha fondato e diretto giornali (tra cui “Il Femminile” negli anni di  piombo), il Notiziario della Fondazione Rizzoli, opuscoli specializzati, guide.   Studiosa della moda ha pubblicato volumi di costume fino al più impegnativo  libro dei “COLORI – Simboli Storia Corrispondenze” pubblicato nel 2009 da Marsilio: una storia dei colori come “terapia” alla scoperta della nostra personalità,  che ancora oggi viene commentata  e presentata non solo in Italia. Ultimo in ordine di uscita “CON INGRID TRA COLLINE VIOLA”  il libro (edito da Supernova) che viene presentato il 10 giugno nel contesto del Premio Moda “Città dei Sassi” a Matera.

Ma il vero “chi è” di Luciana Boccardi forse è quello registrato durante un talk show televisivo nel corso del quale le è stata chiesta direttamente una biografia sincera con botta e risposta.

LUCIANA BOCCARDI SI RACCONTA

 Le cose che apprezza di più nella vita?   –  l’ amore, l’indipendenza,  la libertà /Quanti anni ha?   –  non si dice più./ Quello che la diverte di più? – il gioco dei posti alle sfilate di moda/ Cosa non sopporta ?   gli arroganti, i maleducati, gli  ignoranti ,  i  troppo  ricchi,  ( i  cretini  meno perchè non ne hanno colpa)/ Cosa la disturba  di più negli altri?   – la vanità, la tendenza al raggiro, l’ignavia/ Il suo credo ?  –  Credo nell’intelligenza  e nella bontà che ne è un derivato, nella bellezza, nella civiltà, nella cultura, nell’educazione  ( la politesse di Voltaire oggi sconosciuta)/Religione?    –   Nessuna.  Libera.  Per ognuno il diritto di credere  o non credere  in ciò che gli pare. E il dovere di lasciare rispettosamente gli altri liberi  di  credere o non credere/ Politica?  –  E’  diventata parola abusata, difficile:  da Veneziana cresciuta nelle maschere   la vedo oggi  come una maschera necessaria/  La moda?   –  Per me un racconto lungo  . Ho visto di tutto e di più. E  vedo ancora… Moda non è solo  vestiti/ Il cibo?   – Solo tradizionale. Apprezzo le novità in guardaroba ma  non a tavola.  Mi piace molto cucinarlo e mangiarlo.  Meno raccontarlo o fotografarlo, anzi, non mi piace proprio  vederlo  fotografato: mi sembra eresia,  irriverenza/ Diete?  –  Solo se salute esige. Mai per problema estetico :  (si può piacere anche  oltre il quintale……! !!!!)  Qualsiasi dieta –  sia pure praticata  per questioni di salute – la  vivrei come  una imposizione  e   perciò mi riuscirebbe difficile/  Il sesso?   Senza amore  il sesso ,anche il più fantasioso ,  rischia  di  essere banale,  ripetitivo,  …triste!   / Esiste l’amore eterno?    –  Sì. Quello che inventiamo noi come se fosse vero/ I soldi?  – Sono diventati un valore in sé e non più un valore aggiunto, un mezzo per vivere meglio. Comunque sono il segreto per vivere le terze e le …quarte età meno brutalmente/ Cosa si aspetta alla vita? Alla mia età  l’unica cosa vera  cui possiamo aspirare …è .. cercare di   arrivare al finale  da vivi ! 

 

Ricordo di Gianni Versace

(dalla collezione di Tony Caravano)

 Un momento speciale della serata sarà la commemorazione dei 20 anni  dalla tragica scomparsa di Gianni Versace, una delle menti più fervide del fashion system, lo stilista più amato, quello più imitato e mai dimenticato.   In tale occasione il Premio Moda “Città dei Sassi” presenterà al pubblico alcune creazioni degli anni ’90 di Gianni Versace dalla collezione privata di Tony Caravano, raffinato collezionista partenopeo che ha fatto della sua grande passione un vero e proprio stile di vita.

Un tributo speciale verrà dedicato quest’anno da Tony Caravano al noto  stilista scomparso il 15 luglio 1997, con la realizzazione di varie mostre, a cominciare da quella nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli  che si inaugurerà il 13 luglio 2017 con il titolo “Dialoghi/Dissing Gianni Versace Magna Grecia Tribute” per poi proseguire a Berlino, Miami, Myconos.

 

 

 UNA BORSA PER INGRID

Sarà presentata nel corso della serata la borsa “Ingrid” , un accessorio particolarmente raffinato che la stilista veneta Elisabetta Armellin per V73, ha creato appositamente in occasione del Centenario della Nascita di Ingrid Bergman celebrato a Venezia – in Palazzo Ducale  (l’antica dimora dei Dogi)  – dalla Soprintendenza alle Belle Arti e Fondazione Musei Civici Veneziani che ha scelto come omaggio a Ingrid  per il Centenario  il libro di Luciana Boccardi “CON INGRID TRA COLLINE VIOLA”  (ed. Supernova)  che il Festival Moda “Città dei Sassi” presenta a Matera la mattina del 10 giugno.

La borsa, nel prototipo originale , che verrà presentata a Matera nel corso dell’evento, è stata creata dalla stilista utilizzando un velluto “soprarizzo” di grande suggestione: il famoso velluto “Vendramin” dai riflessi che passano dal cremisi al viola, il cui campione originale è oggi conservato a Venezia nell’archivio  storico di Rubelli, che nei secoli di Repubblica di Venezia  veniva usato esclusivamente per la stola dei Procuratori di San Marco, cioè a dire la massima carica di Governo della Serenissima.

A forma di bauletto, con chiusura in metallo dorato (lo stesso impiegato per il charms V73 che riproduce il disegno dei rosoni di Palazzo Ducale) , la borsa “Ingrid” ha dettagli in pelle della stessa tonalità del velluto e tracolla che – ha detto Elisabetta Armellin – “sarebbe stata senza dubbio gradita da Ingrid per il suo stile di vita elegante ma pratico”.

 

Elisabetta Armellin si racconta

“Venezia è la città in cui è nato il mio sogno. Giovanissima, frequentavo l’Accademia di Belle Arti e non sapevo ancora quale destinazione avrei dato alla mia fantasia. Passeggiando per le calli, nel tempio del sogno qual è Venezia, poco a poco prese forma l’idea di dare corpo a qualcosa che non restasse su un piano d’appoggio per essere guardato come “opera”  ma potevo orientarmi sulla realizzazione di oggetti da portare appresso, da toccare, da tenere con sé: la borsa. E’ nato tutto così, quasi per caso. Poi quel  sogno è diventato una bella realtà, il pubblico e la critica hanno cominciato ad apprezzare quelle forme, quel gioco di colori che in realtà avevo copiato da paesaggi impossibili come le visioni che sa offrire Venezia. Anche il marchio che firma le mie borse prende origini dalla città in laguna : “V73” =   V come Venezia e 73 il numero anagrafico del mio primo atelier veneziano affacciato su un canale dove probabilmente l’acqua di mare si confondeva con quella del mio Sile.

 

LA “ROSA MOCENIGA”

CON MAVIVE A MATERA

Nell’universo del profumo recentemente si è affacciata una rosa, una rosa diversa, nuova, antica di nascita ma per due secoli rimasta silenziosa e sconosciuta. E’ accaduto un giorno, non tanto tempo fa, che un nobile veneziano, lo scrittore  Andrea Robilant, discendente dei Mocenigo, passeggiando nel parco della villa che nel ‘700 il suo “ visionario “  antenato,  conte Alvise Mocenigo , volle far costruire  ad Alvisopoli, città da lui  inventata . Un eremo di lusso nel cui parco la consorte del nobile Alvise, Lucietta Memmo, amica di Giuseppina Beauharnais che aveva come passione la coltivazione di rose di tutti i tipi  nei giardini della Malmaison,  piantò alcuni bulbi di rose sconosciute, regalate dall’amica Giuseppina, tra le quali una rosa poi scomparsa dalla vetrina usuale dei nostri fiori. E’ cresciuta così, nascosta dalla vegetazione disordinata, nel parco della villa di Alvisopoli dove venne scoperta per caso da Robilant che ne raccolse  le  vicende in un libro uscito recentemente  per i tipi di Corbaccio editore.

Si tratta di una rosa dal colore quasi metallico che cambia a seconda della luce che riceve – si legge nei siti specializzati –  dove apprendiamo anche che “la disposizione dei suoi petali, la tipologia di foglie e steli,  da sempre la catalogano come una bengalese, ovvero una rosa cinese di fine Settecento”.

Informazioni  che  non sono sfuggite al fiuto  eccezionale di Marco Vidal,  amministratore delegato di MAVIVE ( figlio del capostipite della grande famiglia di “essenzieri”, fabbricanti di profumi veneziani da secoli), che si è  avvicinato al fiore riscoperto per tradurlo in una essenza sublime, il  nuovo profumo chiamato appunto “La rosa Moceniga”.

Ammiratore di Ingrid Bergman e amico della bellezza magica di Matera, Marco Vidal ha ritenuto di essere presente  nella serata magica del 10 giugno con qualche goccia di “Rosa Moceniga” di MAVIVE  da offrire al pubblico che vuole rappresentare una sorta di fil Rouge che unisce la città magica di Matera alla magia di Venezia.

 

ADV
SHARE

LEAVE A REPLY