Le molestie nel cinema: il regista Campanella trent’anni fa aveva già raccontato tutto!

ADV      

In “Strepitosamente… flop”, film d’esordio dietro la macchina da presa del bravo regista romano Pierfrancesco Campanella, vengono mostrati in tempi non sospetti, sia pure in chiave comico-grottesca, quei retroscena un po’ piccanti balzati recentemente al… “disonore” delle cronache. Attori e attrici alle prime armi costretti a subire imbarazzanti advances da parte di registi e produttori un po’ sporcaccioni!

Non solo questo: nella simpatica pellicola di Pierfrancesco, appena riuscita in versione dvd a cura della CG Entertainment, c’è una vera e propria carrellata di tic, mode e manie di fine anni ottanta. Dai “santoni” delle sette pseudo-religiose,  alle diete miracolose, dai finti maghi alla smania della notorietà a tutti i costi, fine a se stessa, in seguito esasperata dall’avvento dei reality show. Insomma un campionario di varia umanità con vizi e debolezze quanto mai attuali. La pellicola è stata proiettata sere fa alla Sala Anica di Roma, nel corso di un evento esclusivo cui hanno partecipato un folto numero di amici del regista e di addetti ai lavori.

Tante risate e applausi a scena aperta, soprattutto nei confronti della mitica rockstar Donatella Rettore, che ha fornito un’interpretazione brillantissima e ricca di verve, tanto che alcuni critici dell’epoca paragonarono la biondissima cantante veneta alla celeberrima diva americana Shirley Mc Laine. Apprezzatissimi anche gli altri interpreti del film: la sempre affascinante Dalila Di Lazzaro, la brava Adriana Russo, Yvonne Sciò, nel momento delle riprese meravigliosa fanciulla in fiore, Urbano Barberini e Claudia Cavalcanti.

Questi ultimi due erano per l’appunto presenti alla proiezione dell’altra sera. Così come la regina dei salotti romani Mara Keplero, i produttori Enzo Gallo, Angelo Bassi, Vincenzo Bonomo, Massimo Esposti, Stefania Innocenzi, Angelo Frezza, i registi Daniele Falleri ed Emanuele Pecoraro, lo sceneggiatore Domenico Malan, gli artisti Ester Campese e Mario D’Imperio, i direttori della fotografia Roberto Girometti e Aniello Grieco.

Inoltre il noto ingegnere informatico Paolo Reale, presenza fissa della trasmissione “Quarto grado”, l’ex questore Antonio Del Greco, oggi direttore operativo di una importante agenzia investigativa, gli attori Alex Partexano e Lamberto Consani, i musicisti Eugenio Picchiani, Marco Werba ed Eugenio Tassitano, i giornalisti Antonello De Pierro, Enzo Cast Fasoli, Giò Di Giorgio e Deborah Bettega.

ADV

Una menzione speciale per  lo sceneggiatore Lorenzo De Luca, artefice dei copioni dei cine-panettoni di maggior incasso con Boldi e De Sica, e da anni stretto collaboratore di Campanella. Infine gli interpreti del cortometraggio “Pensiero giallo”, diretto dallo stesso Pierfrancesco, proiettato come delizioso “antipasto”: Luciana Frazzetto, Gianni Franco, Chiara Campanella e Matteo Campanella, questi ultimi nipoti del bravissimo regista.

Su tutti spiccava però la presenza di due amiche davvero “speciali”, le splendide Miss Italia tra le più belle in assoluto nella storia del concorso: Mirca Viola (oggi apprezzata regista cinematografica) e Nadia Bengala (interprete del corto “L’idea malvagia”, ultimo lavoro di Campanella).

La serata è stata autorevolmente presentata dal professor Fabio Melelli, docente di Storia del Cinema presso l’Università di Perugia.