ESCLUSIVA. Leopotter incontra il Molière precursore e formulatore d’idee: Jocelyn Hattab

ADV      

 

 

Il mio primo Reality l’ho scritto nel 1971 “ Ai confini della lealtà” che è una versione più culturale del Grande Fratello.

 

Ciao Jocelyn, di certo ti aspetterai le classiche domande di rito, ma dato che io sono un giornalista particolare, sto su 4Zampe e uso la mia coda per stringere la mano, sono altresì molto curioso, la prima cosa che vorrei sapere, è, come hai fatto a soli 17 anni a diventare direttore di scena di un importante teatro d’operetta, Le Theatre du Chatelet.

Uscito dal Conservatorio d’arte drammatica di Parigi, prima della promozione, avevo di diritto il primo posto libero in un teatro nazionale, dopo vari rimpiazzi in diversi teatri, si è liberò un posto al Teatro du Chatelet, il più grande teatro del mondo, con un palcoscenico di 120 metri di profondità. Eravamo 3 direttori di scena, uno nel lato “Giardino”, un’altro nel lato “Cortile” e un direttore di scena generale. A me toccò il lato “Giardino”.

ADV

Devo spiegare questi nomi strani di giardino e cortile: viene dalla Francia a l’epoca di Molière (famoso autore di commedie). Guardando il palco dalla sala, il lato giardino è a sinistra, e il lato cortile è a destra, diventa più facile per dirigere gli attori, quando si vuole dare una direzione destra o sinistra, non si sa mai se è alla destra o sinistra dell’attore o a quella dello spettatore. In questo modo diventa più facile, il giardino è alla destra dell’attore e dunque alla sinistra dello spettatore in sala.

Tu sei stato un Precursore, un formulatore d’idee, di concezioni, destinate ad una piena conferma nel futuro. Possiamo affermare che in molti reality di oggi, si evincono molte tracce dei tuoi programmi?

Il mio primo Reality l’ho scritto nel 1971 “ Ai confini della lealtà” che è una versione più culturale del Grande Fratello a 2 personaggi in 3 giorni…Ne ho parlato troppo in giro mi sa… :))

Durante un’intervista, hai dichiarato: “Ogni Paese ha la TV che si merita… E non è colpa dei dirigenti che la fanno, ma del pubblico che la guarda”.

Oggi sei ancora di questo parere? Non pensi che i palinsesti siano condizionati dagli sponsor o dalla politica?

jocelynDa tutto, l’Auditel è stato creato per la pubblicità… per sapere chi era davanti al televisore, non per fare una classifica. Per identificare a quale momento si trovava per esempio la donna di casa davanti alla tv, in modo da mettere la pubblicità della carta igienica o del detersivo, e cosi via per tutte le fasce orarie.

Per esempio, sapete che la pubblicità dell’olio è destinata agli uomini, perché pare che in Italia è l’uomo che sceglie l’olio e il vino, se vedete una pubblicità d’olio in prima serata adesso sapete perché.   

Pensi che la tv di oggi sia sexy, ironica e non volgare, come era quella che proponevi tu?

Non commento.

UN PEU D’AMOUR D’AMITIE’ ET BEAUCOUP DE MUSIQUE, dal 1974 al 1980, hai rivoluzionato la tv dei ragazzi, alle 17,45 tutti gli adolescenti, giravano la manopola del televisore su TeleMontecarlo. Nasce il primo vee-jay della storia della televisione. Che peso ha avuto Sophie in quest’avventura?

Sophie era la mia seconda moglie, era una parte molto importante, si occupava lei della programmazione degli artisti, e non solo questo, si occupava anche della rete.

Caccia al Tesoro, il programma che hai condotto e realizzato con Jacques Antoine, è stato venduto in 17 paesi, mentre Il Grande Gioco dell’Oca è stato prodotto in 42 Paesi. Questi grandi successi, come hanno cambiato la tua vita?

In positivo.

Perchè un programma così bello come Giochi senza Frontiere ha smesso di esistere?

Il costo troppo elevato per le reti. E’ uno dei programmi più cari che esista.

Quali sono i tuoi impegni attuali e futuri?

 Attuali, scrivere, futuri : realizzarli. 

Son talmente tanti i tuoi successi, ma per concludere, vorrei che tu mi parlassi di un programma che mi tocca particolarmente, forse perchè si avvicina più al mio mondo, “Vita da Cani”. Mi puoi anche dire qualche aneddoto ed in fine, che rapporto hai con gli animali?

Adoro gli animali li utilizzo sempre perché sono veri, e non bugiardi, sono stato attaccato più volte anche in via giudiziale, per maltrattamento, allora che era amore e affetto, mai fatto del male ad un animale, di fatti sono un uomo…….LIBERO.

Grazie della disponibilità, una zampa a te e speriamo che in un futuro prossimo, ci sia ancora un Jocelyn che ristabilisca un ordine nella concezione dell’arte visiva e auditiva, con la stessa tua originalità, innovazione e gusto dell’autocensura. Bauuuuu.

 

Media Partner Ufficiali

Entertainment

Produzioni Televisive

 

 

 

 

 

 

ADV
SHARE

LEAVE A REPLY

capcha *