DITUTTO. Intervista Esclusiva alla cantautrice Mara Bosisio: “Liquido”, il mio modo di vivere e percepire la realtà…

ADV      

“Liquido” è il nuovo singolo della cantautrice Mara Bosisio, in radio e negli stores dal 21 gennaio, un brano che tratta una tematica molto più complessa e impegnativa rispetto ai singoli precedenti: una  personale e libera interpretazione del concetto di “società liquida” del sociologo polacco ZygmuntBauman.

Vediamo di saperne di più e di conoscere meglio questa talentuosa e super impegnata artista, che si divide tra musica, sport e tv…

Come nasce il brano “Liquido”?

“Liquido” nasce spontaneamente dopo essermi imbattuta in una delle teorie più importanti del sociologo polacco ZygmuntBauman sulla “società liquida”; è chiaramente una mia personale e libera interpretazione del suo concetto (oggi più che mai ancora molto attuale), applicato al mio modo di vivere e percepire la realtà di tutti i giorni. Una volta che la canzone ha preso forma, grazie alla preziosa collaborazione con il producer Samuel Aureliano Trotta, ho pensato potesse essere interessante proporla in gara per Sanremo Giovani 2019.

Ci sono differenze rispetto alle tue precedenti produzioni, in termini stilistici e di contenuto?

ADV

Sicuramente la tematica trattata è molto più complessa e impegnativa rispetto a tutti gli altri miei testi scritti precedentemente. Il sound invece, rimane volutamente molto più minimale e fresco, per poter alleggerire il mood del brano e rendere più piacevole l’ascolto. C’è sempre però un filo conduttore tra questo lavoro e le precedenti produzioni: l’incrocio tra il cantato e un parlato molto ritmico.

Qual è il tuo brano a cui sei affezionata maggiormente e perché?

Lucciole, sicuramente. Oltre che esserne legata da un punto di vista emotivo ed affettivo, è stato il brano che ha dato una sterzata positiva al mio lavoro: con Lucciole ho avviato un nuovo ciclo produttivo, con un nuovo team tecnico, un nuovo stile di composizione e “nuove” sonorità. Quest’ultimo lo metto tra virgolette perché in realtà sto ripescando moltissimo dalle sonorità anni ‘80-’90.

Sappiamo che sei una sportiva, dicci qualcosa in più…

Lo sport come la musica ha sempre fatto parte della mi vita. Da piccola ho praticato moltissime discipline ma negli ultimi anni mi sono dedicata a quello che ritengo essere lo sport più bello del mondo: il calcio. Attualmente gioco in una squadra a 7 femminile di Sesto San Giovanni (la Rondò Dinamo) nel campionato CSI e questo impegno riesco ad incastrarlo tra mille altri, perché fortunatamente va ad occupare solo due/tre serate settimanali. In ultimo, ma non per ultimo, seguo moltissimo anche la Serie A, e non perdo occasione per tifare la mia squadra del cuore: il Milan

Sei anche veejay, conduci un programma musicale su Vuemme, pensi di farne una professione vera e propria?

Non pongo limiti alla mia espansione ed esperienza artistica. Quindi resto a braccia aperte in attesa di poter afferrare qualsiasi occasione possa arrivare!

Come concili tutti questi impegni?

Spesso mi piacerebbe avere giornate da 36 ore, ma avendone a disposizione solo 24, cerco di dedicare il giusto tempo a ciascun ambito della mia vita; spesso però capita di doverne “sacrificare” qualcuno a discapito di qualcun altro, come credo succeda a ciascuno di noi. Si fa ciò che si può insomma, spesso macinando orari assurdi e dormendo poco. Ma se ne vale la pena, il sacrificio è più “leggero”
E’ difficile lavorare nel campo della musica oggi in Italia?

Premettiamo che sappiamo quanto sia difficilissimo lavorare in Italia oggi, in generale. Figuriamoci in un ambito dove non esistono dei criteri di valutazione precisi e l’offerta supera di gran lunga la richiesta. Il mercato musicale è saturo, e il pubblico è abituato ad ascoltare sempre meno e con meno attenzione. Aggiungiamoci poi inoltre il fatto che la Musica ancora oggi non è riconosciuta come una professione (anche per i motivi sopra citati) quanto come un semplice hobby; di conseguenza per vivere di questo, bisogna fare parecchi salti mortali e maturare una pazienza da elefante. Chi si dedica a questo, non ha di certo una vita facile, ma sicuramente il gioco vale la candela quando poi riesci a raccogliere soddisfazioni lungo il percorso e consegui gli obiettivi prefissati.

Quali sono i tuoi impegni attuali e i prossimi appuntamenti?

Al momento c’è in cantiere un album, cui uscita è prevista entro la fine del 2019 se tutto andrà bene.Inoltre a metà marzo verrà pubblicato un progetto che mi ha visto collaborare con diversi e talentuosi artisti (citando alcuni nomi: L.A. Woods, Felix Ensemble, Fabio Colosimo e Denis Potenza) per il remake di uno dei brani più famosi a livello mondiale. Trovate tutti gli aggiornamenti in tempo reale sulle mie pagine social!