Mobbing: l’Inail deve indennizzare la malattia conseguente alle condotte mobbizzanti.

adv      

Per la Cassazione la tutela previdenziale è estesa a ogni forma di tecnopatia di natura fisica o psichica che possa ritenersi conseguenza dell’attività svolta

 

Dalla Cassazione, sezione lavoro, arriva in data odierna un importante arresto giurisprudenziale in materia di danni da mobbing contro i quali, lo “Sportello dei Diritti”, da anni combatte per i lavoratori. Secondo la Suprema Corte, infatti, l’Inail deve indennizzare anche la malattia conseguente al mobbing. Per i giudici di legittimità, infatti, con l’ordinanza 8948/20 del 14 maggio, la protezione assicurativa è estesa a ogni forma di tecnopatia di natura fisica o psichica che possa ritenersi conseguenza dell’attività svolta.

Nella fattispecie, è stato accolto il ricorso di un lavoratore nei confronti dell’Inail dopo che la corte d’appello di Perugia aveva respinto la sua domanda finalizzata a ottenere il riconoscimento della natura professionale della malattia da cui era affetto, poiché causata dalla condotta vessatoria tenuta nei suoi confronti dal datore di lavoro.

adv

Per i giudici di Piazza Cavour, sbaglia la corte territoriale a non ritenere tutelabile nell’ambito dell’assicurazione obbligatoria gestita dell’Inail la malattia derivante non direttamente dalle lavorazioni elencate nell’articolo 1 del d.p.r. numero 1124/1965, bensì da situazioni di costrittività organizzativa, come il mobbing.

Nel ricorso il lavoratore ha sostenuto che la Corte d’Appello avrebbe sbagliato nel non riconoscere l’indennizzabilità delle malattie psicofisiche derivanti dalla costrittività organizzativa.  E così i Giudici di Piazza Cavour, nell’accogliere la doglianza, hanno ricordato che in materia di assicurazione sociale rileva non soltanto il rischio specifico proprio della lavorazione, ma anche il rischio specifico improprio, ossia non strettamente insito nell’atto materiale della prestazione ma collegato con la prestazione stessa.

Con la conseguenza che non può essere seguita la tesi espressa dalla sentenza impugnata secondo cui sarebbe da escludere che l’assicurazione obbligatoria copra patologie non correlate a rischi considerati specificamente nelle apposite tabelle.

La Suprema Corte ha affermato che nell’ambito del sistema del testo unico, sono indennizzabili tutte le malattie di natura fisica o psichica la cui origine sia riconducibile al rischio del lavoro, sia che riguardi la lavorazione, sia che riguardi l’organizzazione del lavoro e le modalità della sua esplicazione, dovendosi ritenere incongrua una qualsiasi distinzione in tal senso, posto che il lavoro coinvolge la persona in tutte le sue dimensioni, sottoponendola a rischi rilevanti sia per la sfera fisica che psichica.

Pertanto, conclude il supremo collegio, “ogni forma di tecnopatia che possa ritenersi conseguenza di attività lavorativa risulta assicurata all’Inail, anche se non è compresa tra le malattie tabellate o tra i rischi tabellati, dovendo in tale caso il lavoratore dimostrare soltanto il nesso di causa tra la lavorazione patogena e la malattia”.

Da sempre impegnato in prima linea nella lotta alle vessazioni sul luogo di lavoro, si tratta di una significativa garanzia che si aggiunge nella difficile battaglia della tutela dei dipendenti dalle condotte datoriali eccedenti la normale dialettica sui posti di lavoro.

Giovanni D’Agata
Presidente dello “Sportello dei Diritti”

 

Foto puramente indicativa – fonte web

adv