CAPTAIN MARVEL. Destinata alla Grandezza.

ADV      

L’ex pilota dell’aeronautica militare e agente dell’intelligence Carol Danvers, ha perseguito il suo sogno di esplorazione dello spazio come dipendente NASA, finché la sua vita non è cambiata drasticamente quando fu trasformata in un ibrido umano-Kree con poteri fuori dall’ordinario.

Ora Carol è l’ultima guerriera ad abbracciare il mantello del Capitano Marvel, ed ha preso il suo posto come una dei più potenti eroi del mondo.

Come ufficiale di sicurezza della NASA, Carol ha indagato su numerosi tentativi compiuti dai Kree e dagli Skrull di infiltrarsi nel Kennedy Space Center e interrompere il programma di sviluppo spaziale americano. Durante una battaglia tra l’eroico Mar-Vell e il suo rivale, Yon-Rogg, Carol fu esposta allo Psyche-Magnitron, un dispositivo Kree che poteva trasformare l’immaginazione in realtà.

La donna, che inconsciamente invidiava i poteri di Mar-Vell, a contatto con le radiazioni della macchina aliena, vide avverato quel suo intimo desiderio attraverso la mappatura artificiale del suo DNA, che la rese un essere indefinito dalle enormi capacità.

ADV

Assunta inizialmente l’identità provocatoria di Ms. Marvel e combattendo al fianco di Mar-Vell stesso (il Captain Marvel originale, protettore dell’Universo e primo nemico di Thanos), la sua carriera da super eroina fu interrotta quando Rogue, un membro della Confraternita Mutante del Male, la attaccò prosciugandole i poteri e i ricordi.

Carol impiegò così degli anni per uscire da quel calvario e solo dopo essersi allontanata di forza dalla Terra. Ella venne persino potenziata da questo viaggio cosmico al punto da decidere di alterare il suo nome in Binary.

I poteri di Binary svanirono però col tempo, lasciando Carol con la maggior parte delle sue abilità originali. Anni dopo, ormai ritornata sulla Terra e unitasi agli Avengers, Carol adottò il nome in codice di Captain Marvel in omaggio al suo amico e mentore caduto anni.

Carol Danvers era già in ottima forma prima di essere trasformata dallo Psiche-Magnitron. Successivamente, il suo corpo fu spinto al culmine della forma fisica umana e modificato con il DNA Kree di Mar-Vell; e i relativi suoi poteri inclusero una forza, resistenza e agilità migliorate, il librarsi in volo e l’immunità quasi totale da tossine e veleni. Carol ha anche un “settimo senso” che le dà lampi precognitivi sul futuro, ma questo potere si manifesta in modo casuale ed è progressivamente in gran parte svanito.

Come Binary, ella apprese la facoltà di generare e controllare qualsiasi forma di radiazione e gravità, nonché la capacità di sopravvivere e viaggiare nello spazio senza la protezione di una tuta spaziale. Sebbene la stragrande maggioranza dei suoi poteri di Binary sia andata persa, Carol conserva tuttora la capacità di assorbire energia e sparare esplosioni fotoniche dalle sue mani – e se esposta a un’energia sufficiente – i suoi pieni poteri Binary hanno il potenziale per riemergere per brevi periodi.

Michael Rossi fu il suo primissimo mentore di Carol Danvers e, successivamente, il suo amante. Ma egli stava anche segretamente lavorando con un terrorista di nome Ghazi Rashid, che catturò Carol, durante una missione segreta. Anni dopo, Rossi ammise che stava manipolando Carol per ottenere informazioni sulle operazioni speciali dell’aeronautica militare. L’uomo vendette l’ex compagna a Norman Osborn che la consegnò a Rashid, dopo che questi era stato potenziato con dei poteri propri.

Come eroina, molti dei nemici più mortali di Carol sono di origine Kree, tra cui Ronan l’Accusatore, l’Intelligenza Suprema, e Yon-Rogg, ma anche Mystique (Mistica), M.O.D.O.K. e Moonstone hanno avuto una lunga storia di rivalità con lei.

Carol ha anche ottime ragioni per odiare Rogue a causa del danno ai suoi poteri e ricordi inflitto dalla mutante allora malvagia. Da quando però Rogue si è redenta come eroina, la posizione di Carol nei suoi confronti si è ammorbidita, e si sono persino alleate durante la guerra degli Avengers con gli X-Men, ma Carol non ha mai perdonato del tutto Rogue per averla violata così profondamente.

Durante i suoi giorni da spia, Carol fa amicizia con Wolverine, Nick Fury e Ben Grimm (la Cosa) e riadottando a la sua identità originale di Captain Marvel, diviene amica intima di Spider-Woman (Jessica Drew), Jessica Jones e Wonder Man, così come di altri membri dei nuovi Avengers; nonché fonte d’ispirazione per l’attuale Ms. Marvel, Kamala Khan.

Quando Carol fu responsabile della Operation: Lightning Storm, prende Spider-Girl /Araña (Anya Corazon) sotto la sua ala e accetta Machine Man come compagno di squadra. Si unisce anche ai Guardiani della Galassia, agli Ultimate e all’A-Force.

L’unica vera relazione romantica la ebbe con War Machine (James Rhodes), ma la loro storia si interruppe anzitempo a causa della tragica scomparsa dell’uomo per mano di Thanos.
Carol adotta una gatta di nome Chewie (Goose nella pellicola cinematografica), che in realtà è un Flerken: una pericolosa razza proveniente da un’altra dimensione, somigliante ai gatti terrestri ma ovipari.

All’interno del loro corpo possiedono delle sacche dimensionali nelle quali possono immagazzinare grandi quantità di oggetti come uova o persino zanne e tentacoli da utilizzare come armi. Possono inoltre utilizzare queste sacche per teletrasportarsi all’istante. Apparsa per la prima volta nell’aprile 2006 su Giant-Size Ms.Marvel #1, Chewie divenne l’oggetto delle attenzioni di Rocket Raccoon dei Guardiani della Galassia, che voleva ucciderla prima che potesse deporre le uova.

Capitan Marvel riuscì a impedirglielo e a salvare la propria gatta, solo per scoprire alcune settimane dopo la vera identità di Chewie (e dei suoi 117 “cuccioli”). Carol la consegnò a un centro di ricerca, ma la gatta si teletrasportò nuovamente da lei e continuò per diverso tempo ad accompagnarla nelle sue avventure.

Christian Imbriani
La scheda

Illustrazione Christian Imbriani