DITUTTO. Intervista Esclusiva a GREG REGA: “Non mi aspettavo la vittoria ma ad un certo punto però ho iniziato a crederci”

ADV      

L’artista napoletano è il vincitore della prima edizione di “AllTogetherNow”

 

Di Patrizia Faiello

Oggi DiTutto vi propone l’intervista esclusiva alla giovane promessa della musica italiana Gregorio Rega. Nato nel 1987 a Roccarainola, in provincia di Napoli, Gregorio è diventato celebre grazie alla partecipazione al talent musicale The Voice Of Italy.

A decretare il vero successo dell’artista, conquistando i 100 giudici del muro con la sua voce, la sua grinta e la sua semplicità è stata però la vittoria della prima edizione di “AllTogetherNow”, il programma delle reti mediaset condotto da Michelle Hunziker e J-Ax.

ADV

Oltre alla gloria televisiva, per il vincitore Gregorio Rega è arrivato anche un invitante assegno da 50mila euro, montepremi stanziato come premio dal game show musicale.

Nel giugno del 2016 Gregorio Rega ha pubblicato il suo primo singolo intitolato “Sempre così”, brano scritto da Antonio Tavolario per il testo e Daniele Franzese nelle musiche. Ad aprile, poco prima dell’esperienza di “AllTogetherNow”, l’artista ha pubblicato un singolo in napoletano, “Dint’ all’anema”. “Chello che nun vuò fa cchiù”, è invece il titolo del secondo singolo recentemente pubblicato dall’artista napoletano. Buona lettura!

Ciao Gregorio sei reduce  dalla vittoria di “AllTogetherNow”. Com’è stata questa esperienza?

È stata un’esperienza molto bella e fortunata Patrizia visto che ho portato a casa una bella vittoria. Mi sta regalando molte soddisfazioni, sono sempre in giro per l’Italia e speriamo che andrà sempre meglio.

Ti aspettavi questa vittoria?

In realtà non te l’aspetti mai. Ad un certo punto però ho iniziato a crederci, più si andava avanti e più le probabilità aumentavano.

Che cosa ti ha colpito di questa esperienza?

Certamente la possibilità di conoscere i giudici del muro, essendo tutti artisti importanti, e poi è stata una gran bella soddisfazione essere riuscito a regalare al pubblico le canzoni di artisti campani.

Cosa ti ha portato a partecipare ad “AllTogetherNow”?

Era da parecchio che non partecipavo ad un casting per un programma televisivo.  I vari provini sono andati bene e tutto è andato a buon fine. 

Come  nasce la tua passione per la musica?

Ho sempre amato la musica ma ho iniziato molto tardi a cantare, avevo circa vent’anni.

Cosa consigli ai tuoi coetanei?

Diciamo che la musica sta cambiando radicalmente. A Chi ha una passione consiglio di coltivarla, di lavorare sodo per ottenere risultati. Oggi, rispetto al passato, un giovane emergente ha maggiori possibilità di farsi conoscere, ma sudore e gavetta  sempre.

Recentemente sei stato ospite dello spettacolo “Notte di note show”, giunto alla nona edizione, ideato dal Maestro Carmine Caiazzo e legato alla raccolta fondi per la lotta contro la leucemia. Secondo te quanto è importante unire la musica alla solidarietà?

Penso che sia la cosa più importante.  Come avviene con lo sport,  anche la musica è un veicolo per arrivare a tutti, quindi per raggiungere una maggiore consapevolezza su certe problematiche, la musica è lo strumento più adatto.

Come nasce collaborazione con il maestro Carmine Caiazzo?

Ho conosciuto il maestro  proprio attraverso “AllTogetherNow” lui era uno dei 100 giudici del muro.

Com’ è stato il vostro incontro?

Ci siamo sentiti telefonicamente, ovviamente dopo la trasmissione, perché non potevamo avere contatti, con nessuno dei giudici, durante il programma. Il maestro è una persona squisita ed un bravissimo artista. Durante la nostra chiacchierata  mi ha informato che stava lavorando su questo progetto e mi ha  chiesto se volevo prenderne parte in qualità di ospite. Io sono stato felicissimo per questo invito.

Ti è piaciuta la serata?

Moltissimo. La presenza di grandi nomi tra i quali Ronnie Jones, Silvia Mezzanotte, Giancarlo Genise, Marco Ligabue, Genaro Monè e tanti altri, è stata impreziosita dall’Orchestra Ritmico Sinfonica Mediterranea, diretta dallo stesso maestro insieme al maestro Ernesto Sparago. Carmine ha organizzato uno spettacolo veramente di altissimo livello e con grandi ospiti. Io durante la serata ho interpretato, insieme al giovanissimo Michele Carfora, “Yes i know my way” e poi ho ripresentato “Ancora”, di De Crescenzo, uno dei brani che mi ha portato fortuna durante  il programma “AllTogetherNow”.

Quali sono i sogni che vorresti realizzare?

Il mio sogno nel cassetto è quello di riuscire a cantare sempre finchè ne avrò la forza. Ovviamente poi ci sono degli obiettivi che vorrei raggiungere e precisamente: la realizzazione di un disco ed un ricco calendario di concerti.