DITUTTO. Intervista Esclusiva al direttore d’orchestra CARMINE CAIAZZO: “Il dolore mi ha fatto crescere ed è proprio grazie a questo che sono maturato”

ADV      

SOMMARIO EVENTO

di Patrizia Faiello

In questo numero DiTutto vi propone l’intervista a Carmine Caiazzo, Direttore d’Orchestra e Produttore Musicale/Cinematografico, reduce dal  talk show di successo “All Together Now” – in onda sulle reti Mediaset – dove ha partecipato in qualità di giudice.

Il Direttore d’Orchestra è anche l’ideatore di “Notte di Note Show”, uno spettacolo di beneficenza in favore di “5 Stars”, associazione che si occupa di ammalati di leucemia, giunto quest’anno alla sua IX edizione, che si terrà il prossimo 9 novembre, Carmine sei reduce da “All Together now”, il nuovo talent show musicale di successo condotto da Michelle Hunziker su Canale Cinque, dove hai partecipato in qualità di giudice.

 

ADV

Che esperienza è stata?

E’ stata un’esperienza davvero molto soddisfacente dove la giuria era libera di poter giudicare in base al proprio criterio di valutazione.

Che cosa consiglierebbe ad un giovane che sogna di dirigere un’orchestra?

Dirigere un’orchestra, di salire sul podio del Direttore, cominciare a muovere le braccia e tirarsi dietro l’intera orchestra; magari dirigendo il proprio brano preferito. E’ un desiderio ricorrente che talvolta può diventare realtà. Prima di addentrarci nel come affrontare un’intera orchestra è bene porre l’attenzione su di un paio di requisiti senza i quali non è consigliabile nemmeno tentare per scherzo l’esperienza. Innanzi tutto è necessario saper leggere molto bene la musica, talmente bene da riuscire ad immaginare nella propria mente, anche quando l’orchestra non c’è, come dovrebbe suonare la partitura che si ha davanti. Il compito del direttore non è il battere un tempo senza badare a cosa venga fuori, ma è avere un’idea musicale, un’idea interpretativa e cercare di renderla musica con l’aiuto di altri musicisti”

Carmine Caiazzo e Celine Dion

Maestro Lei ha avuto la possibilità di lavorare con molti artisti di fama internazionale solo per citarne uno Celine Dion. C’è qualche episodio simpatico nel backstage o in scena che spesso le ritorna alla mente?

Si Patrizia uno in particolare. Stavamo registrando un brano nel backstage e abbiamo fatto l’intro di un altro brano e Cèline continuava a cantare tutt’altra canzone…

Lei è anche un produttore discografico e cinematografico. Con la sua casa di produzione Mediterranea ha mai sposato progetti per aiutare i giovani talenti italiani a crescere nel mondo cinematografico e musicale? Le è capitato, ad esempio, di sostenere dei progetti di debutto di artisti emergenti?

Sempre e nella maggior parte dei casi ho dato opportunità a chi mi ha dimostrato di avere capacità anche se ancora emergente.

Recentemente ha anche prodotto l’attrice teatrale Marilena Allocca con il nuovo singolo “Testarda”. Come nasce questa collaborazione?

Nasce da anni e anni di conoscenza. Io e Marilena Allocca abbiamo sempre lavorato insieme, lei nell’ambito della recitazione teatrale, ed io quello della musica. Negli ultimi anni Marilena ha partecipato ad alcuni musical e sono venute a galla alcune sue qualità vocali.

Il prossimo 9 novembre si svolgerà la IX edizione dello spettacolo di beneficenza “Notte di Note Show” da lei ideato. Può anticiparci qualcosa? Quali artisti hanno deciso di contribuire con la loro presenza a questa nobile causa?

Anche questa edizione sarà  ricca di artisti e di un certo spessore per una causa che mi sta a cuore da ben 9 anni! Si canterà, si parlerà, di cose per niente ovvie e scontate, con l’intento di regalare un sorriso a chi nella quotidianità convive più di altri con la sofferenza.

Quali sono gli aspetti artistici e umani che nelle edizioni passate hanno catturato la sua attenzione?

Avere testimonianze dei bambini e dei loro genitori che nonostante tutto combattevano e continuano a combattere con il sorriso questa terribile malattia.

Il suo rapporto con la fede?

Con la fede ho attraversato momenti altalenanti credo come un po’ tutti gli esseri umani. Sono nato in una famiglia molto religiosa e dopo essere diventato grande ho iniziato ad avere momenti di distrazione da quest’ultima, per poi riavvicinarmi a Dio in modo inseparabile pregandolo e lodandolo in ogni momento della mia vita

E con il dolore?

Il dolore mi ha fatto crescere ed è proprio grazie a questo che  sono maturato, e soprattutto mi ha avvicinato sempre di più a alla Fede e a Dio.

A cosa sta lavorando in questo periodo?

Ora mi sto concentrando esclusivamente sulla preparazione della IX edizione di “Notte Di Note Show”.

Progetti futuri?

La realizzazione di un film, tratto da una storia vera, che svela i retroscena sulle donazioni e traffico d’organi, dal titolo “Pezzi da ricambio”. Tra i nomi del cast ci saranno delle sorprese e tu Patrizia sai perché. Posso solo anticipare che è confermata la presenza del produttore e attore Antonio Ciccone noto al grande pubblico per aver vestito i panni de “A Lince” nella serie Tv Gomorra.