DITUTTO. Intervista Esclusiva a TIZIANA RIVALE protagonista della nuova edizione di “Tale e Quale Show 2019” con Carlo Conti

ADV      

<<Finché la musica è un sano veicolo di arte, va bene>>

 

di Maximo De Marco

Per il pubblico Italiano è stato un amore a prima vista, quello con Tiziana Rivale, da quel lontano Sanremo 1983, quando tutta l’Italia l’ha eletta vincitrice del Festival, con lo stupore delle case discografiche…colte di sorpresa!

Da quel momento in poi Tiziana Rivale ha catturato il cuore della gente con la sua voce potente ed emozionale…dopo un lungo periodo di assenza dalle scene Italiane, ma non da quelle estere, dove ha ricevuto un disco d’oro alla carriera, ritorna a farsi apprezzare dal grande pubblico Italiano, come protagonista di “Tale e quale show” nel programma di Carlo Conti , a partire dal 13 settembre 2019.

Ciao Tiziana, da quel lontano 1983 che ti ha visto trionfare a Sanremo ad oggi …cosa è cambiato a livello professionale ed umano per te?

ADV

Il mio percorso artistico si è evoluto e ho sempre cercato di migliorarmi umanamente.

Torneresti a San Remo?

Penso di no.

Da settembre ti vedremo su Rai 1 nel programma di Carlo Conti  “Tale e quale show”… il pubblico che ti ama sarà felicissimo di vederti in prima serata…ce ne puoi parlare?

All’inizio avevo molti dubbi non sapendo di essere all’altezza della situazione ma poi ho accettato perché ho trovato una squadra di autori eccezionali che mi accompagneranno in questo percorso.

Una voce come la tua difficilmente si può dimenticare…eppure dopo i primi anni di successo negli anni 80”, sembra che le case discografiche si siano dimenticate di te…come mai è successo questo?

E’ proprio vero che nessuno è profeta in patria e per me è stato un bene. Pensa che dopo il festival mi avevano vietato di cantare in inglese ma io, spirito libero, ho preferito andare all’estero, dove ero libera di cantare come volevo. Infatti, nella mia discografia ho anche un CD:”Babylon 2015 con brani in 6 lingue.

All’estero sei molto conosciuta, hai da poco vinto un disco d’oro alla carriera  in Messico, cosa hai provato nel ricevere un riconoscimento così importante?

A Gennaio di quest’anno mi hanno invitato a Città del Messico per un Tour. Conoscono la mia musica “Italo Dance” dal 1983 e hanno tutti i miei dischi, in vinile e cd e nella serata finale, la sorpresa è stata grande: Disco d’Oro alla carriera! Queste sono le soddisfazioni che rimangono e l’affetto dei Messicani è stato immenso.

Una delle canzoni che ti piacerebbe interpretare nel repertorio italiano?

Ad oggi credo di averle cantate tutte.

C’è un artista internazionale con cui ti piacerebbe duettare?

Ci sarebbe, ma preferisco tenerlo segreto, tra non molto lo svelerò….

Ci sono giovani cantanti oggi che si sentono arrivati solo perché hanno vinto un talent show! Cosa ne pensi tu dei talent e cosa vorresti dire a questi giovani artisti?

Vorrei suggerire di rimanere umili, di dialogare con i propri genitori e di staccarsi ogni tanto dai cellulari per non essere ipnotizzati dal sistema. Essere meno aggressivi, rispettare il prossimo e l’ambiente.

Cosa ne pensi del fenomeno attuale della musica Trap?

Finché la musica è un sano veicolo di arte, va bene. Quando esce dai confini e partono schegge malate con messaggi criminali, è necessario bloccarla. Qui devono intervenire i genitori e le autorità, perché si entra nell’illegalità. E i segnali ci sono tutti.

A “Tale e Quale Show “quale artista ti piacerebbe imitare più di tutti?

Ce ne sono diversi. Mi piace molto Anastacia, ho sempre cantato le sue canzoni e spero di essere capace di riproporla.

Cosa pensi dei giudici di “Tale e Quale Show”? Secondo te sono imparziali nei loro giudizi?

Sono fantastici! Ironici, preparati e divertenti. Anni fa sono stata ospite in un programma di Loretta Goggi e ritengo che sia la più completa artista italiana che abbiamo.

Si era sparsa la voce che avresti partecipato al programma di Amadeus “Ora o mai più”e che poi hai rifiutato…come mai hai detto no?

Mi avevano proposto di partecipare ma in quel periodo avevo il famoso tour in Messico e ho preferito un viaggio all’estero.

In questi ultimi giorni sei stata attaccata dalla stampa che ti ha definito “omofoba”! Notizia che hai smentito ufficialmente con un video messaggio diffuso in tutta Europa dall’European Gay Network di Barcellona… cosa vuoi dirci in merito a questa vicenda cosi spiacevole e diffamatoria che ti ha coinvolto?

Già, omofoba e razzista…. quanto di più ridicolo. Hanno “montato” un articolo per danneggiarmi ma non ci sono riusciti. Infatti, ho degli amici “angeli custodi” che mi conoscono e hanno smentito le infamie, quindi ho sporto le dovute querele. Ora è questione di tempo e ne vedremo delle belle. Io sono sempre dalla parte della legge.

Oggi Tiziana Rivale ha uno stile tutto suo con sonorità elettro pop…e i tuoi dischi sono molto ballati in discoteca all’estero, questo ti gratifica artisticamente?

Diciamo che mi è sempre piaciuto variare e non mi soffermo mai su un solo stile.

Tu da sempre combatti contro il bullismo e contro ogni forma di violenza…. Vuoi parlarcene?

Cerco di essere utile a livello sociale e lo faccio con la musica e il buon esempio, Il bullismo non deve essere confuso come scherzo tra ragazzi ma come un segnale serio che può sfociare in tragedie.

Dopo l’esperienza a “Tale e Quale Show” che stai per fare, hai già previsto un live tour in tutta Italia e all’estero?

E’ già organizzato e finalmente potrò incontrare i miei fans che da tempo mi chiedono: a quando la prossima data?

I lettori di “Ditutto” magazine, ti sosterranno nell’avventura televisiva che partirà a Settembre, facendo il tifo per te e sperando che sarai la vincitrice del programma… Cosa vorresti dire alla gente che ti segue con tanto affetto e che ti ama come artista e come persona?

Per me è già un premio avere una grande opportunità con Carlo Conti e il suo Staff, quindi ringrazio tutti per questo e ci aggiorniamo sulle novità tramite i social.

Tiziana Rivale è innamorata? Credi nell’amore?

Certo, credo nell’amore e se ci fosse anche più generosità di sentimenti si vivrebbe meglio.

Tu ti dedichi da sempre al volontariato…credi sia importante dare per poter ricevere nella vita?

Io lo faccio a prescindere, poi dipende dalla nostra indole. Fare una buona azione, deve dare serenità non solo a chi la riceve ma soprattutto a chi la fa.

Il sogno che vorresti realizzare e che non ancora si concretizza?

Di solito faccio molti sogni e non credo di riuscire a realizzarli tutti. Aspetto la prossima vita….