DITUTTO. Intervista esclusiva al cantante VINCENZO MUSCETTA: “So che devo studiare tanto ma essere stato l’artista più apprezzato è uno stimolo per andare avanti”

ADV      

L’artista si è aggiudicato il concorso “I Votanti on line”

Vincenzo Muscetta, cantante e musicista diciassettenne di origini lucane, vive a Rocca Imperiale in provincia di Cosenza.  Attualmente Frequenta il quarto anno del liceo musicale di Montalbano Jonico dove studia chitarra, clarinetto e canto.

Il 15 Aprile scorso, giorno dell’uscita del singolo “Dritto su Marte”, si è celebrata la Giornata Mondiale dell’Arte, e Vincenzo, insieme alla sua etichetta Roka Produzioni, ha avuto l’onore di presentare il suo esordio discografico grazie all’invito dell’ Associazione Culturale La Rue Ets, di Rende, guidata dalla famiglia Mangano (Mario, Elena, Raffaele, Salvatore), che ha dato la possibilità all’ artista, insieme a tanti altri musicisti e cantanti, di inaugurare l’inizio di questo suo percorso artistico in una ricorrenza così importante.

“Dritto su Marte” nasce dalla penna dell’autore Giorgio Sprovieri e dagli arrangiamenti di Roberto Cannizzaro. Un viaggio introspettivo dell’autore che descrive la bellezza dell’universo e le sue infinite meraviglie; il testo della canzone sottolinea come l’evoluzione della scienza ci permette, sempre più,  di gettare uno sguardo ai confini dell’universo.

La bellezza e il mistero del cielo ricco di stelle appassiona l’uomo da secoli e continuerà ad emozionarci e stupirci; dopo la conquista della luna, l’uomo sogna di sbarcare su Marte.

Una metafora, con il quale l’artista diciassettenne intravede il proprio futuro, misterioso come lo spazio che ci circonda, pieno di difficoltà, ma fiducioso di arrivare a raggiungere i suoi traguardi. Il videoclip, visualizzabile sul canale youtube Roka Produzioni, è stato girato nella splendida cornice di Rocca Imperiale, con l’appoggio dell’ Amministrazione Comunale, e curato dalla Clément Film House sotto la regia di Pier Luigi Sposato.

ADV

 

Quando ti sei avvicinato alla musica?

Sono in pratica nato con la musica. Mio padre aveva una collezione di cd e videocassette di musica classica e svariati generi musicali, che aveva collezionato nel periodo in cui lui frequentava il conservatorio, lui è diplomato in tromba. Quando non riuscivo a rilassarmi per tranquillizzarmi inseriva uno di questi dischi e io subito mi calmavo. Crescendo ho continuato sempre ad ascoltare musica, ha sempre riempito le mie giornate e tante volte anche le nottate.  Poi intorno ai 10 anni ho iniziato a suonare la chitarra e mi sono immerso così in questo meraviglioso mondo che è la musica. Ho iniziato a studiare questo strumento quando frequentavo la prima media, poi ho continuato iscrivendomi al liceo Musicale di Montalbano Jonico (MT), dove studio chitarra e clarinetto e l’anno prossimo frequenterò il V° anno. È proprio al liceo che ho avuto modo di testare anche la voce. Ho partecipato ad un musical scolastico, dove sono stato apprezzato ed una vocal coach mi propose di partecipare ad un concorso canoro insieme al mio amico e compagno di classe Giuseppe. Fu in quel concorso che un membro della giuria mi propose di iscrivermi al contest “Area Sanremo tour”, dove sono arrivato alla semifinale nazionale esibendomi al Palafiori di  San Remo.

Come nasce l’idea di voler partecipare con un tuo brano al contest “Una Voce per l’Europa”?

Questo è un periodo in cui io sto partecipando a molti concorsi ed eventi sia a livello locale che nazionale, per acquisire esperienza e confrontarmi con più artisti possibili, perché ritengo che ciò sia molto importante. Ogni evento  mi arricchisce di qualcosa indipendentemente dall’esito; ci sono state sconfitte, vittorie, soddisfazioni, delusioni ma alla fine restano i bei momenti passati insieme ad altri giovani come me, le amicizie e la consapevolezza di essere maturato come artista. Quindi facendo un po’ di ricerche ho scoperto l’esistenza di questo bel concorso, mi ha interessato e quindi avendo la possibilità di partecipare con il mio brano “DRITTO SU MARTE” ho fatto subito l’iscrizione, non immaginavo di vincere il concorso online, e questo mi rende davvero felice.

“Dritto su Marte” è il brano con il quale ti esibirai. Quale messaggio hai voluto lanciare con questo progetto musicale?

“Dritto su Marte” è il mio primo brano, il cui testo è stato scritto da Giorgio Sprovieri, e quindi si può definire la mia prima esperienza nel mondo artistico. Essendo all’inizio della mia carriera artistica tutto ciò che potrebbe accadere  domani è un’incognita, proprio come il pianeta rosso…quindi questa si può definire la metafora del mio futuro.

 Sei reduce dall’esperienza, dell’esclusiva votazione sezione parallela “I votati on line”, che ti ha visto come l’artista più apprezzato con 24.240 voti. Esperienze di questo tipo cosa lasciano ad un giovane emergente?

Sembra un sogno, ancora non riesco a crederci. Sono ancora un adolescente ogni occasione per me è motivo di orgoglio, so che devo ancora studiare tanto, ma in questo momento sono felicissimo, è un riconoscimento importante che mi stimola ad andare avanti.  Queste esperienze sono comunque motivo di crescita personale, servono a metterti in competizione con gli altri ma, soprattutto, servono a metterci in competizione con noi stessi. Sono consapevole che è una strada difficile quella che ho scelto, una strada impervia ma se l’amore può tutto io ce la farò. Amo la musica più di ogni altra cosa.

Dal 29 al 31 agosto si svolgeranno le finali del concorso canoro “Una voce per l’Europa”. Come ti stai preparando all’evento? Sei emozionato?

Sto studiando molto per questo grande evento per arrivare preparato. Si Patrizia sono molto emozionato, mi esibirò davanti a tante persone e questa è una grande sfida. Contemporaneamente cerco di mettere un po’ da parte le emozioni per restare più tranquillo e concentrato. Comunque vivo la mia vita da ragazzo, non trascurando gli amici ed il divertimento, poi io vivo sullo splendido mar Jonio e voglio godermi anche la mia estate da diciasettenne.

Perché dovrebbero votare te?

Direi che mi dovrebbero votare perché mi impegno molto in quello che faccio e per me sarebbe un grande traguardo a livello personale. Voglio crescere professionalmente e questo contest mi darebbe la possibilità di farlo. Poi sono modesto, volo basso, come andrà sarà un successo…

Seppur giovanissimo hai avuto già la possibilità di partecipare ad eventi importanti, tra i quali lo scorso dicembre a Policoro “Per una foto con Mango” e a giugno alla finale del concorso nazionale “Je so pazzo” a Fiuggi. Sei soddisfatto dei risultati finora raggiunti?

Ogni evento mi ha dato la possibilità di crescere e di portare a casa esperienze e nuove amicizie, entrando a contatto con importanti personaggi del mondo dello spettacolo del panorama Italiano in quanto componenti delle giurie. In questi ultimi mesi ho avuto davvero tante soddisfazioni, ho vinto tantissimi premi e sono stato invitato a tante manifestazioni ed eventi nella mia regione ed in quelle limitrofe.  Sono contento e soddisfatto del mio percorso ma c’è ancora tanto da fare.

Un sogno che vorresti realizzare?

Il mio sogno più grande è riuscire a fare tanti concerti con tanto pubblico che insieme a me canta le mie canzoni… come hanno fatto i miei idoli, fonte di ispirazione prima di me. Sogno in grande lo so ma io dico sempre “si fa quel che non si può perché fare ciò che si può è troppo facile e lo fanno tutti”.

Cosa ti auguri per il prossimo futuro?

Di non perdere mai la passione per la musica continuando a lavorare e soprattutto a divertirmi. Continuerò a studiare, vorrei iscrivermi al Conservatorio, perfezionarmi nello studio della chitarra e del canto. Per il prossimo futuro, sto già lavorando ad un progetto discografico in collaborazione con l’autore di “Dritto Su Marte”, Giorgio Sprovieri e la casa discografica ROKA Produzioni, a breve uscirà un EP e subito dopo un Album.

Guarda il videoclip di “Dritto su Marte”

IL CONCORSO “I VOTATI ON-LINE” è una sezione parallela al Festival “Una voce per l’Europa: Italia”, un concorso nel concorso, un opportunità data ai partecipanti del Festival per farsi conoscere ed essere votati dal pubblico del web.

La partecipazione al concorso è stata data di diritto a tutti gli iscritti alla 51 ª Edizione del Festival “Una Voce per l’Europa: Italia”. Le votazioni ricevute non sono però in nessun modo collegate o sommate alle valutazioni effettuate dalla giuria di esperti NoveEventi durante le varie fasi del festival, ma sono servite unicamente per eleggere il vincitore del premio “I votati on line”.

 zoom

Festival Internazionale “UNA VOCE PER L’EUROPA: ITALIA”